BeIntoo: la startup italiana della gamification

BeIntoo: la startup italiana della gamification

BeIntoo, la startup completamente italiana che ha vinto la Startup Competition a LeWeb 2011 nel mese di dicembre, ha organizzato un evento a Milano per condividere con la stampa italiana il suo progetto e i suoi propositi in vista del futuro. Scopriamo qual è la sua area di competenza, legata alla gamification, da chi è formata e quali sono le prospettive. All'interno l'intervista con Antonio Tomarchio, CEO di BeIntoo.

di Rosario Grasso pubblicato il nel canale Mercato
 

LeWeb

BeIntoo ha ottenuto la popolarità mediatica dopo aver vinto la Startup Competition a LeWeb, premio che ha consentito di conquistare le prime pagine delle testate tecnologiche, e non solo. L'obiettivo della competizione è quello di premiare le idee più innovative e promettenti nel panorama tecnologico, dando loro la possibilità di stabilire un forte legame con il mondo della stampa e dei finanziatori. Non ci sono premi in denaro, o possibili collaborazioni commerciali, ma tantissima visibilità. LeWeb ha dato a BeIntoo la possibilità di entrare in contatto con venture capitalist e potenziali partner.

La portata della Startup Competition parigina si capisce anche dal vincitore dell'edizione precedente a quella in cui ha trionfato BeIntoo. Si tratta, infatti, di Waze, l'applicazione gratuita di navigazione vocale per dispositivi mobile basata sul concetto di crowdsourcing sviluppata dalla start-up israeliana Waze Mobile. Attualmente è disponibile per le piattaforme iOS, Android, Symbian, Windows Mobile e BlackBerry. Waze è una sorta di social network in cui gli utenti sono in grado di fornire aggiornamenti sul traffico o altri avvenimenti in tempo reale, fornendo indicazioni sui tempi di percorrenza in base ai dati caricati dagli utenti mentre guidano.

Nel corso di LeWeb '11 hanno tenuto keynote importanti figure del panorama tecnologico come Eric Schmidt di Google e Sean Parker, il fondatore di Napster. BeIntoo ha proposto la propria candidatura nello scorso mese di settembre per poi ricevere la notizia della selezione all'interno di una rosa di 32 candidati, sottoposti al voto del pubblico.

Il pubblico quindi sceglie i 16 finalisti che il 9 dicembre hanno presentato i propri lavori sullo stage principale di LeWeb '11, sottoponendosi nuovamente al voto della community. BeIntoo ha superato tutte queste fasi intermedie, e alla fine ha vinto il primo premio.

"Abbiamo vinto perché eravamo preparati e perché abbiamo fatto un ottimo lavoro di gruppo", puntualizza Tomarchio nella nostra intervista. "Il team BeIntoo è eccellente sia nelle sue componenti tecniche e ingegneristiche, sia nelle sue componenti di design e marketing. Questo ci ha permesso, soprattutto, di avere un prodotto di interesse con una traction e che è in grado di scalare grazie a un'architettura eccellente. Poi vi è stato sicuramente un ottimo lavoro di gruppo nella parte di design e marketing per creare una presentazione che riuscisse a esprimere pienamente la qualità del prodotto".

 
^