Netgear RangeMax: aspettando i nuovi standard

Netgear RangeMax: aspettando i nuovi standard

Netgear ha presentato una nuova serie di prodotti wireless che utilizzando tecnologie MIMO promettono di offrire collegamenti a lunga distanza più efficaci. Alla base dei prodotti RangeMax vi è la tecnologia BeamFlex, basata sulla gestione intelligente di 7 antenne

di Fabio Boneschi pubblicato il nel canale Periferiche
 

Introduzione

La diffusione delle reti wireless in ambito home, nelle aziende e nei luoghi pubblici sta divenendo sempre più capillare ed il ricorso allo standard IEEE 802.11b/g permette la completa interoperabilità anche tra sistemi di differenti produttori.
Questo può essere considerato l'obiettivo della prima fase relativo al fenomeno wi-fi, ma come in qualsiasi ambito in cui il sapere umano mette lo zampino... ciò che oggi esiste domani può essere migliorato.

Ecco quindi che agli standard 802.11b/g si affincherà il futuro 802.11n il cui cuore saranno le tecnologie MIMO, ovvero tecniche di trasmissione e particolari costruttivi dei dispositivi hardware attraverso cui è possibile migliorare la copertura del segnale wireless ed aumentare la frequenza di trasmissione.

Se fino ad oggi il throughput ha assunto un'importanza fondamentale ma non strategica in installazioni wi-fi utilizzate per la navigazione web o per il semplice trasferimento di files, guardando al prossimo futuro si avrà sempre più l'esigenza di avere a disposizione link capaci di garantire un "minimo" trasferimento di dati al fine di supportare streaming video ed altre applicazioni multimediali. In quest'ottica si inseriscono le tecnologie MIMO che faranno parte del prossimo 802.11n.

Come consuetudine i produttori hanno già iniziato la commercializzazione di prodotti basati su "pre-standard", ovvero su versioni di prodotti rispondenti all'ultima versione di standard presentata per l'approvazione finale da parte dell'ente normatore IEEE; è il caso ad esemio di Linksys di cui ci siamo occupati qualche tempo fa e di Netgear a cui dedicheremo oggi alcune pagine. A tal proposito va ben chiarito che i prodotti attualmente commercializzati utilizzano tecnologie proprietarie e l'interoperabilità tra dispositivi di differenti marchi è "garantita" esclusivamente dai produttori stessi.

Quache tempo fa abbiamo presentato la soluzione di Linksys, ma anche Netgear ha recentemente immesso sul mercato una serie di prodotti facenti parte della famiglia Rangemax, in cui l'utilizzo delle tecnolgie BeamFlex di Video54 permette di ottimizzare la copertura radio di una certa area.
Considerando che lo standard wi-fi prevede al degradare del link (qualità ed intensità) una riduzione della velocità di trasferimento, non è difficile capire come queste tecnologie siano capaci di aumentare la velocità di trasmissione all'interno di una determinata area.

 
^