QNAP TS-809U-RP, lo storage in formato rack

QNAP TS-809U-RP, lo storage in formato rack

Formato Rack a 2 unità, 8 hard disk per un massimo di 16 Terabytes di capienza. Funzionalità Raid e, soprattutto, una ricca interfaccia software: queste le caratteristiche tecniche del NAS QNAP destinato all'utilizzo in uffici e piccole-medie aziende

di Paolo Corsini pubblicato il nel canale Periferiche
Qnap
 

Considerazioni

Non è semplice sintetizzare quali siano gli ambiti di utilizzo di un dispositivo NAS quale il QNAP TS-809U-RP. In queste pagine ne abbiamo mostrato costruzione e funzionalità principali, ma la sua flessibilità d'uso lo rende adatto all'utilizzo in molti ambienti. Non si tratta, e la costruzione del resto lo lascia intendere molto chiaramente, di un prodotto direttamente comparabile ad altre soluzioni NAS per un numero inferiore di hard disk, in quanto alcune scelte tecniche sono specificamente orientate all'utenza professionale.

L'ambito di utilizzo è quello interno agli uffici d'azienda, possibilmente in una saletta calcolo dedicata assieme agli altri dispositivi di elaborazione utilizzati internamente, spazio nel quale le sue funzionalità avanzate possano essere messe a frutto al meglio. Qualora implementato all'interno degli uffici della redazione di Hardware Upgrade, per dare un'esemplificazione pratica del tipo di utilizzo possibile, configueremmo il QNAP TS-809U-RP quale stazione di storage sia per i dati dei singoli redattori, con backup automatizzati dai PC personali, sia quale centro d'archiviazione di tutti i dati (software e benchmark) utilizzati in laboratorio per i test delle differenti tipologie di prodotti.

Accanto a questo la possibilità di configurare un database MySQL e di gestire un server web verrebbe sfruttata con una intranet interna, per l'erogazione di informazioni e servizi condivisi da interfaccia web interna Parallelamente sarebbe possibile schedulare il download automatizzato notturno dei backup dei dati dei server che utilizziamo per la generazione delle pagine del sito, server che sono fisicamente localizzati in una sala dati a Milano, attraverso connessione ADSL, non dovendo per questo ricorrere ad un PC dedicato. Il supporto a webcam IP potrebbe infine venir sfruttato per un sistema di videosorveglianza interno, da abbinare al tradizionale impianto di allarme, con alcune videocamere posizionate internamente agli uffici e altre all'esterno. Quanto raccontato è un tipico scenario d'uso del QNAP TS-809U-RP, che prevede in funzione sono alcuni dei servizi offerti ma che ben si adatta a quelle che sono le specifiche esigenze di una realtà quali gli uffici della redazione di Hardware Upgrade.

I due alimentatori assicurano che il sistema possa continuare a operare nel caso in cui uno dei due dovesse malfunzionare, con un principio di funzionamento che per analogia è molto simile a quello di una catena Raid 1. Le due schede di rete Gigabit possono venir configurate in modalità failover, con la quale una interviene a sostituire l'altra in caso di guasto, oppure load balancing, con un bilanciamento del carico di lavoro richiesto tra le due interfacce. Sono queste altre scelte tecniche che differenziano il TS-809U-RP da NAS dotati di funzionalità software altrettanto complete, ma che non raggiungono i livelli di questa soluzione per le scelte costruttive.

In termini di sicurezza dei dati, accanto alle varie modalità Raid che possono essere configurate segnaliamo anche la possibilità di creare volumi che siano criptati AES 256bit, così da offrire una superiore protezione dei dati contro accessi non autorizzati. La presenza di un processore Intel core 2 Duo aiuta a far si che i calcoli legati al criptaggio dei dati avvengano in modo efficiente; in futuro l'adozione di uno dei nuovi processori Intel delle serie Core ix costruiti con tecnologia a 32 nanometri riteniamo potrà rendere queste operazioni di criptaggio dei dati ancor più efficienti, grazie all'integrazione delle istruzioni AES-NI specifiche per questo tipo di elaborazioni.

QNAP TS-809U-RP viene proposto sul mercato ad un prezzo di circa 2.000,00€ IVA inclusa, senza hard disk; la scelta delle meccaniche spetta all'utente in funzione delle specifiche esigenze di memorizzazione e prestazionali, che faranno propendere eventualmente anche a meccaniche SSD. QNAP non fornisce al momento attuale una lista di compatibilità con meccaniche Solid State Drive, ma la progressiva diffusione di prodotti SSD dalla discreta capienza e dal costo d'acquisto non eccessivamente elevato renderà accessibili anche configurazioni a 8 SSD con questo dispositivo, ovviamente a condizione che il firmware di gestione del TS-809U-RP fornisca l'adeguata compatibilità con unità SSD in configurazione Raid. Il prezzo è a nostro avviso allineato alle caratteristiche tecniche messe a disposizione, benché ben superiore a quello di sistemi NAS con simile infrastruttura software ma inferiore numero di hard disk supportati e, soprattutto, più ridotta potenza di elaborazione.

46 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
demon7706 Aprile 2010, 16:24 #1
Che giocattolino ragazzi...
peccato il prezzo non proprio "home user"

piuttosto.. ma ha senso mettere dentro una piattaforma così potente a livello hardware?
a logica dovrebbe starci ben largo anche con un cellerone single core!
merlin06 Aprile 2010, 16:32 #2
una piccola correzione Paolo.
i due chip Marvell 88SX7042 sono dei semplici controller SATA, non RAID.
il raid su tutti i dispositivi QNAP è gestito via software dal firmware del nas. Non c'è nessun raid hardware.
rb120506 Aprile 2010, 16:37 #3
@demon77

un raid5 software può macinare un bel pò di CPU quando la banda cresce. Idem per la gestione dei vari demoni che garantiscono la condivisione. Inoltre, questo server è pensato anche per poter fare da database interno.
Paolo Corsini06 Aprile 2010, 16:37 #4
Originariamente inviato da: merlin
una piccola correzione Paolo.
i due chip Marvell 88SX7042 sono dei semplici controller SATA, non RAID.
il raid su tutti i dispositivi QNAP è gestito via software dal firmware del nas. Non c'è nessun raid hardware.

Sorry, svista mia. Sistemato adesso grazie della segnalazione
ghiltanas06 Aprile 2010, 16:38 #5
proprio in questi giorni stavo pensando che è ora di mettere un nas in casa (sta diventando sempre + necessario)...queste soluzioni nn sono cmq il mio target , ho in mente qualcosa a 4 vani, senza hd incorporati (ce li aggiungo poi io, 2 da 1tb per iniziare andrebbero bene),e supporto anche all'https
neonato06 Aprile 2010, 17:00 #6
Ho visto questo QNAP per la mia azienda ma il fatto che non abbia un controller e il raid 10 mi ha lasciato di stucco. Sto cercando un systema con iSCSI a basso costo ed al momento non ce ne sono molti. Un sistema fatto da se costa molto meno del qnap ed hai un controller LSI incluso di HDD + 2 Spare hdd. resta sempre il fatto che il fai da te non ha molta ridondanza sotto £1200 (PSU e controller)
ice.man06 Aprile 2010, 17:09 #7
@ #5
anche io sto aspettando escano dei barabone a base Atom D510 con spazio per almeno 2 dischi da 3.5"
per la distro invece non ho dubbi nexentastore.org e puoi sfruttare tuta la potetneza di zfs compresa la deduplica!!!

@ #6
quando sali di livello (anche le SAN) i raid diventano software perchè è poi la/le cpu e l'os che gestisce il nas a dare supporto alle funzioni di raid
Col vantaggio di poter modificare le configurazioni dinamicamente e di poter aggiungere ram in standandard pc..che diventa la cache del nas
COnsidera poi che proprio le schede scsi coi loro contorller cominciano a diventare il collo di bottiglia quando devi gestire consfigurazioni raid6 con molti dischi in cui l'overhead per la cpu è molto elevato
Se il raid è software la cpu (in questo caso addirittura un Core2) non ha porblemi a macinare le parità delle stripe
ice.man06 Aprile 2010, 17:14 #8
@ #6
senza contare che se ti chiocca la scheda raid di un raid hardware.....recuperare il raid sono dolori, a volte capita che diverse versioni firmware non riescano ad importare correttamente la configurazione originale.....tutti problemi che spariscono usando un raid software

E chiaro che se usi un raid software l'os che gira sulla macchina deve darti il massimo dell'affidabilità.....e quindi io limiteri molto di caricarci troppi servizi aggiuntivi, il webserver di gestione è anche troppo
per il resto se non hai un sistem virtulaizzato ci affinchi un piccolo atom che ti gestisca i compiti di webserver intranet e le varie amenità
almeno se l'uso è aziendale....
Daneel_8706 Aprile 2010, 17:44 #9
bel giocattolino, cmq secondo me costa uno sproposito
ok è studiato e modellato in modo specifico, software dedicato, alimentatore ridondante, unità rack ecc, ma personalmente opterei per una soluzione home made con freebsd o simile se l'alternativa è questa.
ripeto, ottimo prodotto e buone scelte costruttive, ma non venitemi a dire che è per le aziende e quindi il prezzo non conta, perchè a nessuno piace buttare via soldi.
ZetaGemini06 Aprile 2010, 18:27 #10
Originariamente inviato da: Daneel_87
bel giocattolino, cmq secondo me costa uno sproposito
ok è studiato e modellato in modo specifico, software dedicato, alimentatore ridondante, unità rack ecc, ma personalmente opterei per una soluzione home made con freebsd o simile se l'alternativa è questa.
ripeto, ottimo prodotto e buone scelte costruttive, ma non venitemi a dire che è per le aziende e quindi il prezzo non conta, perchè a nessuno piace buttare via soldi.


"home made" e aziende non va molto d'accordo

perchè tu con un sistema home made riesci a garantire software studiato "ad hoc" per la macchina, aliemntatore ridondante e cassetti estraibili?

Un server simile altro che 2000 mila euro...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^