NVIDIA Fermi, ora anche sul mercato professionale

NVIDIA Fermi, ora anche sul mercato professionale

In occasione del Siggraph NVIDIA ha presentato i tre nuovi modelli che andranno a portare nuova linfa vitale alla famiglia Quadro, la proposta del produttore Californiano al mondo dei professionisti. L'architettura Fermi fa così il debutto anche nel mondo dei professionisti

di Gabriele Burgazzi pubblicato il nel canale Periferiche
NVIDIAQuadro
 

Il lato pratico e conclusioni

Quali vantaggi consente l'impiego di una scheda video destinata alla fascia professionale del mercato e, più in generale, la presenza di una GPU che si fa carico dei carichi di lavoro più intensi? Come abbiamo più volte spiegato, la particolare architettura che caratterizza le GPU, estremamente parallelizzata, rappresenta una soluzione ideale per affrontare calcoli impegnativi, che esulino anche dalla "semplice" computer-grafica. NVIDIA, offre alcuni importanti esempi di come, in determinati scenari, l'impiego di una GPU possa migliorare sensibilmente il livello prestazionale e qualitativo. Il primo esempio è portato da Siemens ed è dedicato al campo medicale.

L'immagine sopra proposta mostra una comune ecografia: utilizzata in buona parte del mondo, questo esame consente di diagnosticare alcuni dei problemi che possono insorgere al feto, offrendo così l'importante possibilità di poter agire in via preventiva e risolvere importanti patologie. Si tratta però di una immagine in due dimensioni che, per quanto utile, evidenzia importanti limiti. Il reparto dedicato al mondo medicale di Siemens ha da tempo sviluppato una versione "evoluta" della comune ecografia, come possibile osservare dalla seguente immagine:

Attraverso una raccolta dati ed una successiva elaborazione degli stessi, Siemens è in grado di fornire una ricostruzione tridimensionale del feto, con un importante livello di dettaglio. L'operazione di raccolta e di elaborazione dei dati, grazie ad una ottimizzazione del software, offre il risultato disponibile al medico in tempi decisamente inferiori rispetto a quanto possibile in precedenza. Sempre in ambito medicale, è importante anche l'esempio portato da CyberHeart: la società si è specializzata nella simulazione in tempo reale del flusso sanguigno. La possibilità di poter incrociare questa potenzialità con un modello tridimensionale ricavato dall'ecografia consente di evidenziare importanti patologie e non solo: è anche ipotizzabile la simulazione di un intervento per verificare, grazie al flusso sanguigno renderizzato in tempo reale, gli effetti di differenti approcci su determinati pazienti.

A portare la propria esperienza è anche The Foundry, una società britannica specializzata nella realizzazione di effetti speciali e in tecnologie di image processing. La necessità di sfruttare una elevata potenza di calcolo da mettere a disposizione dei creativi per poter renderizzare le proprie creazioni rappresenta una delle principali sfide che The Foundry si è trovata ad affrontare durante lo sviluppo delle proprie soluzioni. In particolare, ad essere messa in evidenza è la tecnologia Motion estimation, conosciuta anche come Optical flow: si tatta di algoritmi utilizzati per identificare la relazione tra i diversi frame dell'immagine.

A partire da questo tipo di algoritmi sono molti gli effetti applicati, come ad esempio quel motion blur che è diventato famoso con il bullet time di Matrix. Si tratta di algoritmi estremamente pesanti e intensi che portano il sistema ad analizzare l'immagine pixel per pixel: con l'arrivo di Cuda e di OpenCL, The Foundry ha investito importanti risorse nello sviluppo di software capace di sfruttare la potenza di calcolo delle GPU.

La possibilità di sfruttare una GPU, ha consentito di raggiungere, durante l'applicazione dell'algoritmo Kronos un picco di 200 frame processati al secondo, contro i 4,5 frame di picco registrati con l'impiego di una CPU. Nell'esempio il confronto è stato fatto tra una NVIDIA Quadro 5000 e un processore Intel Xeon E5504.

Le tre nuove soluzioni sviluppate da NVIDIA e analizzate nelle pagine precedenti rappresentano il debutto dell'architettura Fermi sul mercato professionale: la società Californiana rinnova così la sua offerta prodotto anche a quel segmento di mercato che ha conquistato nel corso degli anni, e che ancora fa poco affidamento su FireGL, la gamma del rivale di sempre, AMD. Analizzando le caratteristiche tecniche che contraddistinguono le soluzioni Quadro dedicate al mondo desktop è possibile notare come non sussistano sostanziali differenze con le proposte destinate al mondo consumer: eccezion fatta per il quantitativo di memoria RAM, e il bus con cui questa è interfacciata alla GPU. Le differenze tra una proposta Quadro e una GeForce vanno però riercate in elementi diversi dal "semplice" hardware: sviluppare una proposta dedicata al mondo professionale significa innanzitutto ottimizzare al massimo il lato software, lavorando in modo proattivo con le principali software house del settore.

Come avevamo riportato in occasione del lancio ufficiale di Fermi, con questa architettura, NVIDIA non si è concentrata allo sviluppo di una soluzione ottimizzata per un impiego videoludico ma anche e soprattutto per fornire una proposta che fosse capace di andare a garantire importanti vantaggi anche in scenari professionali, venendo implementata all'interno delle famiglie Tesla e Quadro. La dimostrazione, indiretta, viene dal lancio di GeForce GTX 460: a distanza di diversi mesi da GF100, NVIDIA ha presentato GF104. Sempre basata su architettura Fermi, ci siamo trovati di fronte ad una soluzione specificatamente progettata per il mondo gaming, capace di unire prestazioni molto buone affiancate da un costo particolarmente competitivo.

16 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Obelix-it27 Luglio 2010, 15:05 #1
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
La possibilità di sfruttare una GPU, ha consentito di raggiungere, durante l'applicazione dell'algoritmo Kronos un picco di 200 frame processati al secondo, contro i 4,5 frame di picco registrati con l'impiego di una CPU.

Non mi stupisce, visto che nVidia imbroglia fieramente sul'uso delle CPU.

Interessante comunque l'applicazione in campo medicale.
Lotharius27 Luglio 2010, 15:53 #2
Estremamente interessante il boost prestazionale che questa famiglia di schede potrà dare nell'utilizzo di software professionali. Inoltre vorrei proprio vedere un bel testa a testa fra le schede pro AMD di derivazione Cypress/Juniper e queste Nvidia di derivazione GF100/104.
Tra l'altro, al di la delle pure prestazioni velocistiche, in questo ambito conta comunque in modo sensibile il costo finale del prodotto e i consumi elettrici / produzione di calore.

Personalmente sarei più che felice di "accontentarmi" della Quadro 4000 per usare AutoCAD in scioltezza e senza spargimenti di bestemmie... :-D
Dry Patrick27 Luglio 2010, 16:26 #3
AceGranger27 Luglio 2010, 17:15 #4
Originariamente inviato da: Lotharius
al di la delle pure prestazioni velocistiche, in questo ambito conta comunque in modo sensibile il costo finale del prodotto e i consumi elettrici / produzione di calore.


bha quello conta molto di piu nel mercato consumer; nell'ambito professionale contano molto di piu le prestazioni e il supporto software e driver. frega ben poco se consuma poco e poi non svolge il suo lavoro e non sono certo quelle 300-400 euro il problema in campo lavorativo.... se effetivamente la scheda poi lavora bene è tutto investimento proficuo.

Originariamente inviato da: Lotharius
Personalmente sarei più che felice di "accontentarmi" della Quadro 4000 per usare AutoCAD in scioltezza e senza spargimenti di bestemmie... :-D


ti accontenti di poco è !

i best seller della "vecchia" serie erano la fx 580 e la fx 1800

la 4000 se mantiene lo stasso prezo della corispetiva vecchia dovrebbe costare sulle 800-900 euro; ora manca solo di vedere quanto effettivamente vanno.
!fazz27 Luglio 2010, 18:18 #5
Originariamente inviato da: AceGranger
bha quello conta molto di piu nel mercato consumer; nell'ambito professionale contano molto di piu le prestazioni e il supporto software e driver. frega ben poco se consuma poco e poi non svolge il suo lavoro e non sono certo quelle 300-400 euro il problema in campo lavorativo.... se effetivamente la scheda poi lavora bene è tutto investimento proficuo.



ti accontenti di poco è !

i best seller della "vecchia" serie erano la fx 580 e la fx 1800

la 4000 se mantiene lo stasso prezo della corispetiva vecchia dovrebbe costare sulle 800-900 euro; ora manca solo di vedere quanto effettivamente vanno.


in verità per i consumi è esattamente l'opposto, in ambito consumer se una scheda consuma 20w in più o in meno nessuno ci fà caso mentre, in ambito professionale, quando si hanno parecchie schede magari in rack i consumi cominciano ad essere parecchio determinanti,

tornando it pare che queste schede promettano bene l'unica nota dolente è la mancanza del supporto a 3 monitor
ArteTetra27 Luglio 2010, 19:49 #6
Fa piacere vedere che usano le DisplayPort.
AceGranger27 Luglio 2010, 20:02 #7
Originariamente inviato da: !fazz
in verità per i consumi è esattamente l'opposto, in ambito consumer se una scheda consuma 20w in più o in meno nessuno ci fà caso mentre, in ambito professionale, quando si hanno parecchie schede magari in rack i consumi cominciano ad essere parecchio determinanti,

tornando it pare che queste schede promettano bene l'unica nota dolente è la mancanza del supporto a 3 monitor


queste quadro non sono da rack, sono da workstation, sono usate nel 99% dei casi singolarmente ( visto che si contano sulle dita di una mano i software che scalano in sli con le quadro/fireGL ) e si scelgono in base ai poligoni/mole di lavoro che si deve affrontare;

l'ultimo parametro che si guarda sono giusto i consumi se proprio lo si deve guardare, perchè 50 watt in piu o in meno su una workstation non se li caga nessuno, visto che se non fa il lavoro la scheda non la si compra.
Prometheus Unbound27 Luglio 2010, 20:26 #8
Al di là dei soliti inutili post Anti-Nvidia/Pro-Ati, direi che questo dimostra le vere potenzialità di una architettura che funziona e che produce risultati al di là della poca fiducia accordatagli dai soliti detrattori bravi solo a dire "Nvidia imbroglia", "Nvidia fa robaccia". Direi piuttosto che Nvidia è sempre e comunque Nvidia.
calabar27 Luglio 2010, 21:06 #9
Beh, non è che se rispondi ai post "Anti-Nvidia/Pro-Ati" con un post "Pro-Nvidia/Anti-Ati" questo sia molto più utile

In ogni caso concordo con quanto detto sopra: i consumi in questo ambito non sono il parametro primario:
La scheda deve innanzi tutto fare bene il suo lavoro, essere ben supportata e dare meno problemi possibile, in modo da massimizzare la produttività.
Se una scheda eccelle da questo punto di vista, sui consumi si può anche chiudere un occhio.

Qualcuno che lavora con entrambe le marche di schede, ovviamente in entrambi i casi con schede e driver recenti, può darci il suo punto di vista sull'argomento?
lemming27 Luglio 2010, 22:23 #10
Ce l'hanno con 'ste Display Port...
Se se uno ha un monitor HDMI? Quanto gli costava? Con un euro ne mettevano più di una visto i prezzi delle licenze...

Stessa cosa per porte VGA...

Io ho una NVIDIA QUADRO e ho dovuto usare una adattatore DVI/VGA...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^