Epson, la scommessa inkjet per il mondo business

Epson, la scommessa inkjet per il mondo business

Epson lancia la strategia Engineered for business allo scopo di aggredire in maniera importante il mercato business per l'anno fiscale 2011. Il prodotto più rilevante è la linea di stampanti WorkForce Pro, soluzioni a getto di inchiostro che per velocità di stampa, qualità e costi per pagina vanno ad insidiare il mercato delle stampanti laser

di Andrea Bai pubblicato il nel canale Periferiche
Epson
 

"Engineered for business"

E' con lo slogan "Engineered for business" che Epson annuncia la strategia di mercato per il nuovo anno fiscale che prende il via in data 1 aprile 2011. Una strategia che, com'è facilmente intuibile, si rivolge in particolare al mondo business, professionale e delle imprese, con la volontà di spingere su questi mercati e, al contempo, di consolidare le posizioni guadagnate sui mercati consumer.

Si tratta di un naturale percorso che nasce proprio dall'analisi di alcuni risultati ottenuti nell'anno precedente: nel corso dell'anno fiscale 2010 Epson ha infatti visto il 67% del fatturato EMEA provenire proprio dai prodotti aziendali, con 2,7 milioni di clienti aziendali che lo scorso anno hanno scelto prodotti di stampa Epson.

Per l'anno in corso Epson ha in cantiere il lancio di oltre 100 nuovi prodotti destinati al mercato della stampa, con numerose soluzioni specifiche per ambiti verticali, come ad esempio le soluzioni di stampa per biglietterie, POS, carte d'imbarco e via discorrendo, stampanti da CAD a cartellonistica fino a stampanti da ufficio e piccole stampanti, così come al mondo della videoproiezione e della digitalizzazione documentale. Nuovi proiettori aziendali, sia per i contesti di mobilità sia per uso desktop. Si tratta del più elevato numero di prodotti mai lanciato in un anno, che dovrebbe portare una crescita di 200 milioni di euro nel fatturato EMEAR (Europe, Middle East, Africa, Russia), corrispondente ad un incremento compreso tra il 10% ed il 20% in ciascun mercato locale.

Nella definizione della strategia e della visione aziendale Epson punta in particolar modo sull'arma dell'innovazione: secondo l'azienda giapponese si tratta di un elemento indispensabile affinché sia possibile offrire sul mercato i prodotti che il pubblico richiede e per fornire valore al cliente. Questa attenzione all'innovazione viene confermata dall'impegno monetario che l'azienda vi dedica ogni anno: il 6% del fatturato internazionale viene infatti destinato alle attività di ricerca e sviluppo. Il fatturato di 11 miliardi di dollari registrato nel 2010 si tramuta, pertanto, in 2 milioni di dollari che vanno a supportare tutte le attività di Epson volte ad innovare. E i risultati delle attività di R&D portate avanti da Epson si concretizzano in circa 7000 brevetti depositati all'anno, ovvero circa 20 nuovi brevetti depositati ogni giorno, con un portafoglio di oltre 50 mila brevetti attivi che rappresentano le fondamenta tecnologiche dell'offerta della compagnia.

Allo scopo di supportare questi ambiziosi obiettivi, in particolare per quanto riguarda le stampanti a getto di inchiostro ed i proiettori aziendali, Epson incrementerà la produzione con un target di 22 milioni di stampanti e proiettori all'anno, grazie ad un investimento di 260 milioni di euro e oltre 8 mila persone dedicate alla concretizzazione della nuova strategia.

La nuova strategia di Epson passa inoltre da una importante attività di marketing volta a migliorare la visibilità del marchio Epson: a tal proposito va in questa direzione la recente partnership con la squadra di calcio del Manchester United, con lo stadio di casa, il celebre Old Trafford, che è servito da palcoscenico per la presentazione della nuova strategia.

 
^