Per NVIDIA il supercomputing passa da Tegra

Per NVIDIA il supercomputing passa da Tegra

Sono numerose le novità presentate da NVIDIA nel campo del calcolo parallelo, oltre a quelle che riguardano i progetti in corso in questo particolare ambito. Ecco un report della situazione, con alcuni importanti aggiornamenti anche per i professionisti della grafica e della modellazione 3D

di Alessandro Bordin, Andrea Bai pubblicato il nel canale Scienza e tecnologia
NVIDIATegra
 

NVIDIA Maximus, nuova tecnologia per workstation

I professionisti, alle prese con grandi moli di calcoli da eseguire e non necessariamente in ambito grafico o modellazione 3D, sanno benissimo che vi sono scenari in cui la potenza di calcolo riveste un'importanza vitale per il proprio lavoro. Esistono però diverse tipologie di calcolo e di hardware adatto per svolgerlo, con differenze talvolta abissali fra una soluzione e l'altra a seconda di ciò che si dispone.

Non è un caso che il GPGPU, ormai divenuto semplicemente GPU Computing, si stia ritagliando spazi una volta occupati esclusivamente da macchine basate essenzialmente sulla potenza pura delle CPU.  La nascita di schede video equipaggiate con processori grafici sempre più potenti, organizzati in moduli elaborativi nell'ordine delle centinaia, ha permesso la nascita di quello che è normalemente definito GPU Computing, dove il lavoro solitamente svolto da processori molto potenti ma con numero di core limitati è sostituito da quello svolto dai processori grafici.

Non tutti i calcoli possono trarre vantaggio da questo nuovo approccio, poiché sono numerose le variabili in campo, ma esistono casi in cui i tempi di calcolo sono stati ridotti in maniera drastica, anche fino a 100 volte inferiori. Se a questo aggiungiamo che NVIDIA ha creato un vero e proprio ecosistema Cuda per la programmazione dei processi al fine di ottimizzare le operazioni di calcolo e che, nelle dimensioni di una scheda video, si possono avere di fatto centinaia di core ai propri ordini, si capisce perché il GPU Computing venga preso in considerazione da molti centri di ricerca.

In questi giorni NVIDIA ha presentato una nuova tecnologia che intende portare all'interno delle workstation le proprie soluzioni di calcolo parallelo (Tesla), abbinate a quelle pensate per la grafica professionale (Quadro). Questa tencologia, chiamata NVIDIA Maximus, si riassume quindi nell'abbinata di due unità Tesla e Quadro all'interno della stessa macchina, al fine di avere in un'unica postazione una grande potenza di calcolo su base GPU Computing, abbinata a quella offerta nello scenario puramente grafico garantito dalle soluzioni Quadro.

La tecnologia non è ovviamente il mero accoppiamento di due prodotti: così come NVIDIA Optimus sceglie lo scenario migliore in ambito PC portatili quale sia la soluzione migliore fra grafica integrata e discreta in base alle esigenze, con NVIDIA Maximus il software a corredo è in grado di smistare i calcoli verso la soluzione più performante, senza che l'utente se ne preoccupi.

Affiancando soluzioni NVIDIA Quadro a quelle NVIDIA Tesla con processore C2075, sarà quindi possibile eseguire nella stessa macchina operazioni che comunemente vengono svolte separatamente, su macchine differenti. NVIDIA parla di rivoluzione in campo workstation ma, ridimensionando le parole usate per la tecnologia Maximus, siamo senza dubbio di fronte a una interessante proposta per alcuni settori.

Ad essere interessante è la collaborazione di NVIDIA con le software house Adobe, ANSYS, Autodesk, Bunkspeed, Dassault Systèmes e MathWorks, al fine di rendere i propri software compatibili con la tecnologia, smistando i calcoli normalmente svolti dalle soluzioni Quadro a quelle Tesla, "liberando" di fatto la scheda video primaria e rendendola disponibile per altre funzionalità legate alla grafica.

La disponibilità della tecnologia NVIDIA Maximus è immediata, integrata in workstation a marchio HP, Dell, Lenovo e Fujitsu, in configurazioni di partenza che prevedono l'accoppiamento di una scheda NVIDIA Quadro 600 ($199,00 MSRP, valuta USA), in accoppiamento a NVIDIA Tesla C2075 ($2499,00 MSRP). NVIDIA, a titolo di esempio, cita i professionisti della grafica creativa, alle prese con limiti di potenza di calcolo. Con la nuova tecnologia sarà possibile, in certi scenari, eseguire contemporaneamente la modellazione 3D e il rendering.

Si tratta di un aiuto in più per una certa categoria di professionisti, sebbene ovviamente vada valutata di caso in caso la possibilità di trarre beneficio da quanto offerto da NVIDIA con Maximus. Chiudiamo qui questo report sulle novità NVIDIA per il mondo delle workstation e HPC, con il quale abbiamo voluto riassumere alcune tematiche non certo mainstream, ma che possono risultare importanti per l'utenza che quotidianamente si muove in questi ambiti.

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
appleroof16 Novembre 2011, 15:32 #1
nVidia non ha cpu x86, secondo me sta bypassando il problema alla grande, vedremo con il tempo se avrà ragione, le premesse mi sembrano ottime.

Una cosa, tra tutte imho interessanti, mi ha però colpito: il riferimento ai consumi, abbiamo visto che le ultime gpu non siano proprio campionesse in termini di performance/watt (in ambito gaming, ok, ma non credo sia particolarmente diverso se guardiamo alle Tesla e ai loro impieghi tipici), a meno che non si riferisse all'accoppiata gpu+tegra vs gpu+cpux86...
Pleg16 Novembre 2011, 18:34 #2
Originariamente inviato da: appleroof
Una cosa, tra tutte imho interessanti, mi ha però colpito: il riferimento ai consumi, abbiamo visto che le ultime gpu non siano proprio campionesse in termini di performance/watt (in ambito gaming, ok, ma non credo sia particolarmente diverso se guardiamo alle Tesla e ai loro impieghi tipici), a meno che non si riferisse all'accoppiata gpu+tegra vs gpu+cpux86...


Si ci si confornta soprattutto con x86 o altri processori "normali" (il supercomputer K giapponese usa processori vettoriali Fujitsu, ma e' comunque molto meno power-efficient di un sistema GPU).
Comunque, la prossima generazione di GPU migliorera' abbastanza la situazione, Kepler avra' performance/Watt circa doppie rispetto a Fermi.
moklev16 Novembre 2011, 18:35 #3
Mah... 256 cpu Cortex A9 (1.024 core? Si riferiscono ad un quad-core simil Tegra3?) hanno una potenza computazionale ridicola in float (e poco più che ridicola in int per un supercomputer). Bisognerebbe valutare l'apporto del "GPU Prototipe" citato... Mi sembrano tanti anche 14 M€ per uno robo del genere.
AceGranger16 Novembre 2011, 20:02 #4
Originariamente inviato da: moklev
Mah... 256 cpu Cortex A9 (1.024 core? Si riferiscono ad un quad-core simil Tegra3?) hanno una potenza computazionale ridicola in float (e poco più che ridicola in int per un supercomputer). Bisognerebbe valutare l'apporto del "GPU Prototipe" citato... Mi sembrano tanti anche 14 M€ per uno robo del genere.


credo che in questo caso le CPU Tegra vengano usate solo per "pilotare" le corrispettive Tesla.

attualmente se vuoi mettere delle Tesla il massimo sono 8 tesla accoppiate con una MB dual Xeon, quindi per "pilotare" una singola tesla diciamo che impieghi almeno 20-25 Watt, con Tegra riusciresti a pilotarne una, chesso, con 10 Watt; perchè se poi il codice che gira deve andare solo sulle Tesla gli Xeon fanno ben poco.

almeno io me la sono spiegata cosi
Schiebe16 Novembre 2011, 20:48 #5
Originariamente inviato da: AceGranger
credo che in questo caso le CPU Tegra vengano usate solo per "pilotare" le corrispettive Tesla.

attualmente se vuoi mettere delle Tesla il massimo sono 8 tesla accoppiate con una MB dual Xeon, quindi per "pilotare" una singola tesla diciamo che impieghi almeno 20-25 Watt, con Tegra riusciresti a pilotarne una, chesso, con 10 Watt; perchè se poi il codice che gira deve andare solo sulle Tesla gli Xeon fanno ben poco.

almeno io me la sono spiegata cosi


I conti sono ancora megliori di quelli da te previsti, il Tegra3 consuma circa 4 W.
Qui ho trovato maggiori info http://www.theregister.co.uk/2011/1...uter/print.html
D.O.S.17 Novembre 2011, 00:40 #6
OpenACC con licenza gratuita solo per 30 giorni ?
c'è qualcosa che non torna...........
AleLinuxBSD20 Dicembre 2011, 23:31 #7
Qualche altra notizia:
NVIDIA’s Maximus Technology: Quadro + Tesla, Launching Today
Giusto per curiosità, ma sarà disponibile pure il supporto a Linux?
Dove si trova la notizia nel sito nVidia? Al momento non mi pare sia evidenziata.
AceGranger21 Dicembre 2011, 09:17 #8
Originariamente inviato da: AleLinuxBSD
Qualche altra notizia:
NVIDIA’s Maximus Technology: Quadro + Tesla, Launching Today
Giusto per curiosità, ma sarà disponibile pure il supporto a Linux?
Dove si trova la notizia nel sito nVidia? Al momento non mi pare sia evidenziata.


ma questo non centra con la news.

La Maximus tecnology è stata creata per le Workstation grafiche, e dovrebbe permettere di smistare autonomamente i carichi di lavoro a seconda della tipologia, sulla scheda piu opportuna, in modo tale da poter fare piu cose in contemporanea senza che interferiscano fra di loro; es. hai una Quadro e una Tesla, sulla Tesla mandi il render RT e con la Quadro continui a gestire la viewport senza rallentamenti.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^