Sempre più IT nel nostro futuro, ma con attenzione all'efficienza energetica

Sempre più IT nel nostro futuro, ma con attenzione all'efficienza energetica

Internet of Things, cloud ed elaborazione di dati: temi ricorrenti negli ultimi anni, figli della diffusione del web e della disponibilità di dispositivi capaci di raccogliere informazioni che devono essere processate. Dinamiche che cambiano la nostra società, sempre più chiamata ad una gestione efficiente delle risorse energetiche a disposizione.

di Paolo Corsini pubblicato il nel canale Scienza e tecnologia
Schneider Electric
 

Non tanto un mercato, quanto un mondo che cambia

Nei giorni precedenti la maratona di Parigi l'energy manager della sede di Le Havre di Schneider Electric, con una battuta, ha raccontato il proprio orrore verso il vedere una lunga catena di persone correre tra le vie di Parigi per 42km e 195 metri. Uno spreco di energia, agli occhi di una persona professionalmente attenta a gestire nel modo più efficiente possibile le risorse a sua disposizione, che poteva essere efficacemente immagazzinata facendo correre i podisti su un gigantesco tapis roulant. L'energia generata, tutta di tipo green, avrebbe fornito l'energia necessaria per la sede di Le Havre per un lungo periodo di tempo.

Battute a parte, è evidente come la disponibilità delle differenti forme di energia sia alla base della nostra società moderna e di tutti i servizi che quotidianamente sfruttiamo tanto in ambito professionale come nel privato. La tecnologia, animata dall'energia, è sempre più integrata nelle nostre vite con strumenti messi a nostra disposizione per facilitare le attività quotidiane.

efficienza.jpg (85689 bytes)

La direzione futura va sempre più verso questa linea, fatta di una tecnologia che per certi versi tenda ad essere sempre meno identificabile in quanto così profondamente integrata nel nostro vivere quotidiano. Ecco quindi che parlare di Internet of Things diventerà quasi scontato, in quanto tutti i dispositivi avranno al proprio interno una qualche forma di collegamento alla rete per poter fornire dati che dovranno venir elaborati nel cloud. La tecnologia sarà sempre più permeata in ogni prodotto e oggetto utilizzato quotidianamente: dalle automobili, sempre più basate su sistemi di alimentazione elettrici, alle stesse città che muteranno per diventare sempre più intelligenti e attente alle esigenze dei propri abitanti.

In uno scenario di questo tipo, che piaccia o meno sarà quello che caratterizzerà l'evoluzione futura delle nostre società, il ruolo dell'information technology tenderà ad essere sempre più fondamentale. In particolare sarà la capacità di elaborare la mole sempre più elevata di dati forniti dai vari dispositivi in uso a diventare l'elemento chiave, così da fornire quelle risposte e quelle soluzioni utili che gli utenti ricercano per migliorare la qualità della propria vita. E proprio per questo motivo assume un ruolo ancor più fondamentale chi, come Schneider Electric, opera un po' dietro le quinte ma con un compito imprescindibile: quello di gestire l'apparato di quella operation technology che permette all'IT di svilupparsi e di operare. Il tutto tenendo quale sottofondo la ricerca della migliore efficienza energetica possibile, obiettivo anch'esso imprescindibile in una società sempre più connessa e dipendente dai dispositivi tecnologici ma dalle risorse energetiche che non sono illimitate, tantomeno accessibili senza costi.

969.jpg (25078 bytes)E parlando di efficienza, si capisce per quale motivo Schneider Electric abbia scelto di legare il proprio marchio alla Maratona di Parigi. Il segreto di chi completa questa distanza, più di qualsiasi altra del podismo, è proprio nel bilanciamento ideale tra velocità dell'azione di corsa e consumo di energia. Un bravo maratoneta, a prescindere dal tempo con il quale si completa la gara, è chi è capace di correre la velocità più elevata utilizzando nel miglior modo le proprie riserve energetiche. Detto in altro modo, è colui che riesce ad essere il più efficiente possibile con le risorse energetiche a propria disposizione.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^