Zeroth SceneDetect: con il deep learning Qualcomm Snapdragon diventa più intelligente

Zeroth SceneDetect: con il deep learning Qualcomm Snapdragon diventa più intelligente

Qualcomm Zeroth è ispirato al funzionamento del nostro cervello e utilizzando tecniche di 'Deep Learning' analizza quello che trova di fronte a sé andando alla ricerca di schemi conosciuti ed elencando quello che riesce a vedere: abbiamo contattato Qualcomm per un approfondimento sui possibili sviluppi della tecnologia

di Roberto Colombo pubblicato il nel canale Scienza e tecnologia
Qualcomm
 

Requisiti e sbocchi futur

 2) La demo gira su un dispositivo con processore Qualcomm Snapdragon. Quanta capacità di calcolo è necessaria? È qualcosa di applicabile già agli smartphone attuali?

I requisiti di calcolo dipenderanno da ogni specifico device, ma in generale i requisiti di calcolo sono relativamente modesti. L’applicazione Snapdragon SceneDetect è stata progettata per essere utilizzata sugli smartphone.

 3) La fotocamera deve avere qualche requisito particolare?

No. L’applicazione Snapdragon SceneDetect che utilizza l’apprendimento automatico funziona indipendentemente dai requisiti della fotocamera.

 4) Per quali applicazioni pratiche è pensata la tecnologia? Sembrerebbe molto interessante per gli ipovedenti, sono già stati fatti esperimenti in questo senso?

Un’applicazione pratica di Snapdragon SceneDetect è legata all’utilizzo nell’ambito delle photo gallery. Con Snapdragon SceneDetect un utente può ordinare facilmente per specifiche categorie o per innumerevoli combinazioni di categorie centinaia o migliaia di foto sul proprio device. Non abbiamo ancora testato Snapdragon SceneDetect per altri casi d’uso, ma con l’implementazione c’è il potenziale per l’aggiunta di ulteriori utilizzi. Una potenziale applicazione futura sarebbe l’attivazione delle impostazioni della fotocamera con Snapdragon SceneDetect. Un altro esempio, come suggerisce la domanda stessa, sarebbe indicare all’utente tramite l’audio quello che si vede attraverso l’obiettivo della fotocamera, impiegando così Snapdragon SceneDetect per assistere gli ipovedenti.

Come emerge dalle parole Fabio Iaione, Country Manager Italy, Business Development Sr Director di Qualcomm, la prima applicazione di Zeroth è stata l'app SceneDetect, che rende il sistema capace di catalogare, sfruttando le risorse del dispositivo e non un sistema cloud, le immagini di una photo gallery. Il primo sbocco naturale è quello poi di agire in diretta durante la ripresa delle immagini, sfruttando le capacità di catalogazione e riconoscimento per utilizzare i parametri di scatto più adatti.

Ulteriori sviluppi, come l'utilizzo della tecnologia in aiuto agli ipovedenti, come segnalato da uno dei nostri utenti, sono al momento tra quelli possibili, ma che non hanno ancora visto una sperimentazione diretta. Magari la segnalazione di Hardware Upgrade darà nuovo impulso a questo tema stuzzicando la fantasia dei tecnici Qualcomm: speriamo quindi di tornare presto con buone notizie per chi è alla ricerca di ritrovati tecnologici in grado di assistere nella vita quotidiana non/ipovedenti.

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
djfix1321 Luglio 2015, 08:52 #1
ma possibile che nella foto di esempio trovi solo:
no persone, cielo, nuvole, montagne
e le cose più importanti? spiaggia e mare??
wingman8722 Luglio 2015, 09:07 #2
Il mare potrebbe anche essere un lago... potrebbe dire acqua, ma forse non è stata addestrata per questo.
Invece la spiaggia, se guardi il video, la rileva.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^