Xeon 3,6 Ghz vs Opteron 250

Xeon 3,6 Ghz vs Opteron 250

Intel ha recentemente introdotto una nuova versione di processore Xeon 3,6 Ghz, dotata di 2 Mbytes di cache L2 integrata on Die. In sistemi biprocessore questa cpu si posiziona a diretta concorrenza con il processore AMD Opteron, soluzione qui provata nella versione 250 a 2,4 GHz di clock

di Paolo Corsini pubblicato il nel canale Server e Workstation
IntelAMD
 

Dual processor e applicazioni

L'analisi di architetture biprocessore implica il puntualizzare alcune metodologie di analisi, che devono essere ben chiare al lettore e potenziale acquirente di un sistema a due cpu. Innanzitutto, l'avere due processori non equivale in nessun modo a raddoppiare le prestazioni del sistema in tutti gli ambiti applicativi; per beneficiare della presenza del secondo processore è indispensabile che l'applicazione utilizzata si serva della seconda cpu nell'esecuzione di programmi, in modo parallelo con la prima cpu.

Vi sono ambiti applicativi, tipicamente quelli legati ad applicazioni server e workstation, che più di altri beneficiano della presenza di un secondo processore all'interno del sistema. In altri, invece, la presenza del secondo processore non porta a nessun vantaggio diretto in quanto l'applicazione non è tale da avantaggiarsi della presenza di più di un processore nell'esecuzione di calcoli e operazioni.

Vediamo di seguito alcuni esempi di applicazioni utilizzate nell'analisi prestazionale, e di come sfruttino o meno la presenza di più processori.

rendering_cpu_lightwave_s.jpg (29373 bytes)

Il più classico esempio dei benefici prestazionali che è possibile ottenere nell'utilizzo di un sistema con due o più processori è il rendering, con programmi come 3D Studio Max o Lightwave; nell'esempio è stato utilizzato proprio quest'ultimo in versione 7.5, mostrando come nel rendering di un frame di una scena i due processori installati nel sistema vengano utilizzati al 100% delle proprie risorse.

rendering_cpu_povray_s.jpg (30654 bytes)

Povray, software di Raytracing, è un esempio classico di applicazione single threaded, che quindi non si avantaggia della presenza di due processori di sistema. Questo è chiaramente evidenziato nell'operazione di rendering osservando il task manager di Windows, che rimane fisso sul 50% di occupazione del processore a indicare che una delle due cpu è impegnata al 100% delle proprie risorse, mentre l'altra resta pressoché inattiva. Il passaggio da 1 a 2 processori, con questo genere di applicazioni, non porta a nessun diretto beneficio prestazionale.

auto_gk_divx_s.jpg (28072 bytes)

La conversione di un filmato MPEG2 in standard Divx, attraverso l'utilizzo di Auto Gordian Knot, mostra chiaramente come l'occupazione dei due processori non sia mai piena al 100%, ma spesso si avvicini a questo valore. La diretta conseguenza sarà che le prestazioni complessive saranno superiori con un sistema biprocessore rispetto ad uno a singola cpu di pari frequenza di clock, pur se con un margine d'incremento non così elevato quanto si potrebbe pensare.

Le osservazioni appena fatte per il contesto di sistemi a due processori valgono anche per le cpu Intel dotate di tecnologia HyperThreading; queste cpu, comprese quindi anche quelle Xeon oggetto di questa analisi, vantano un'architettura tale per cui il processore viene riconosciuto dal sistema come composto da 2 distinti Core logici, pur essendo fisicamente un solo Core. Questi processori si comportano come un sistema biprocessore, anche se con prestazioni velocistiche inferiori in quanto i due Core sono solo logici e non fisici come in un sistema biprocessore puro; per questo motivo si avantaggiano rispetto a processori dalle medesime caratteristiche ma senza tecnologia HyperThreading soprattutto quando si utilizzano applicazioni che sfruttano, per la loro natura, due o più processori contemporaneamente nell'elaborazione di codice.

HyperThreading, e per analogia i sistemi biprocessore, si avantaggiano sulle architetture a singola cpu anche quando nel sistema si utilizzano applicazioni che sfruttano un solo processore, ma contemporaneamente. Si pensi, ad esempio, ad un sistema nel quale si masterizza un DVD e contemporaneamente si esegue una scansione dell'hard disk con un antivirus: in un ambito d'utilizzo di questo tipo entrambi i processori vengono utilizzati dalle due applicazioni, con una risposta del sistema molto più fluida e priva d'inceppamenti rispetto a quella di un sistema a singolo processore. E' purtroppo molto difficile riuscire a fornire misure oggettive che mostrino questo particolare comportamento dei sistemi biprocessore e/o con tecnologia HyperThreading; un uso sul campo è la migliore conferma di questo andamento.

Osservando quello che sarà lo scenario dei processori nei prossimi mesi, le linee guida di funzionamento dei sistemi a 2 processori sono valide anche per sistemi Dual Core, attesi al debutto da Intel e AMD nei prossimi mesi. Per queste nuove tipologie di processori, infatti, sarà importante trovare quali ambiti applicativi riescano a sfruttare al meglio i due Core integrati nel processore, soprattutto con le tradizionali applicazioni per ambiente desktop.

 
^