Revision F, K8L e HT 3.0: il futuro delle cpu Opteron

Revision F, K8L e HT 3.0: il futuro delle cpu Opteron

Dopo aver guadagnato importanti quote di mercato nel settore server, AMD si prepara a introdurre le cpu Opteron Revision F. Verifichiamo quali siano le novità di queste nuovi processori, delineando le caratteristiche delle future architetture K8L e della revision 3.0 della tecnologia di interconnessione HyperTransport

di Paolo Corsini pubblicato il nel canale Server e Workstation
AMD
 

HyperTransport 3.0: uno sguardo al futuro

Presentata lo scorso mese di Aprile, la versione 3.0 di Hypertransport introduce significative novità che da un lato migliorano le prestazioni velocistiche complessive, dall'altro aprono spazio ad utilizzi di HyperTransport molto più complessi di quanto non sia stato fatto sino ad ora. Partiamo dai dati puramente velocistici: le nuove specifiche 3.0 prevedono un significativo incremento nella frequenza di clock, passata dai 1,4 GHz della versione 2.0 agli attuali 2,6 GHz. Di conseguenza, la bandwidth massima teorica disponibile passa dai precedenti 11,2 GBytes al secondo agli attuali 20,8 Gbytes al secondo per ciascun link.

Passando alle innovazioni di carattere funzionale, la prima è quella di poter utilizzare periferiche hot plug direttamente sul bus, così che possano essere collegate e rimosse senza la necessità di dover spegnere il sistema; in ambito server si tratta di un'innovazione particolarmente apprezzata, vista la necessità di non riavviare il sistema, tantomeno di spegnerlo.

Molta attenzione è stata rivolta anche al contenimento del consumo, oltre alla possibilità di trasmettere segnale per distanze elevate; con le nuove specifiche il segnale HT può essere trasmesso per lunghezze sino a 1 metro, senza alcun tipo di perdita di efficienza del segnale. La conseguenza diretta di questa caratteristica è la possibilità di collegare server in cluster utilizzando una connessione HyperTransport, mantenendo quindi un collegamento diretto tra i processori di server diversi e senza dover adottare un sistema di connessione, come Infiniband, che gestisca la trasmissione dei dati tra le macchine.

ht30_1.gif (36832 bytes)

Uno scenario che si potrebbe verificare con le specifiche HyperTransport 3.0, grazie all'utilizzo di un link cosiddetto di tipo AC e con un cavo sino a 1 metro di lunghezza, è quello di collegare due è più chassis tra di loro direttamente a livello di processore; in questo caso l'unione di più sistemi permetterebbe ai processori montati all'interno di ogni chassis di dialogare direttamente con le cpu montate negli altri sistemi, senza dover utilizzare altri protocolli e quindi mantenendo una latenza di accesso estremamente ridotta.

HT 3.0 prevede inoltre una modalità detta di "un-ganging mode", con la quale un link può essere riconfigurato dinamicamente durante il suo funzionamento per far fronte a specifiche esigenze. Un esempio è quello di un segnale HT a 32bit, che può dinamicamente riconfigurarsi come due segnali 16 bit di tipo virtuale. E' questa tecnologia che permetterà ad AMD, con le cpu K8L, di costruire facilmente sistemi sino a 8 Socket di processore, dividendo i link a 16bit così da raddoppiarne il numero.

torrenza.gif (19971 bytes)

Con il nome Torrenza AMD indica una tecnologia che al primo momento può sembrare futuristica, ma che una volta compresa lascia ampio spazio a configurazioni di sistema per certi versi avveniristiche. Alla base un utilizzo molto spinto delle nuove specifiche Hypertransport 3.0, che AMD utilizzerà proprio con le cpu K8L. AMD ha scelto di aprire l'utilizzo del proprio Socket 1207 pin, permettendo a dei produttori terzi di costruire proprie soluzioni "acceleratrici" che possano essere montate direttamente sul Socket e così entrare in diretto contatto con la cpu Opteron, per l'appunto via connessione HyperTransport.

socket.jpg (41558 bytes)

Questa rappresentazione grafica mostra come Torrenza possa trovare applicazione pratica: un Socket per processori Opteron è occupato dalla cpu, mentre il secondo è disponibile per il montaggio di schede che sono state sviluppate per specifici ambiti d'impiego, quali ad esempio l'accelerazione dei pacchetti di rete. Una flessibilità di questo tipo permette di avere a disposizione architetture server che siano generiche, tutte con la stessa tipologia di Socket, che possano però essere adattate a ambiti di utilizzo particolarmente specifici nel momento in cui si sceglie di utilizzare una particolare scheda o acceleratore, o coprocessore che sia, in uno dei Socket che non viene utilizzato con processori Opteron.

Nell'immagine è stato utilizzato un Socket a 940 pin; ovviamente questa tecnologia verrà utilizzata da AMD con le cpu K8L, abbinate quindi al Socket a 1207 pin di prossima introduzione.

Questo approccio viaggia in parallelo con l'utilizzo di HTX, HyperTransport Expansion Slot, un connettore appositamente sviluppato dal consorzio HyperTransport che permette di montare schede di espansione nel sistema che utilizzino proprio HyperTransport, quindi siano direttamente collegate ai processori. Si può pensare a questo come ad un nuovo bus, alternativo a quello PCI Express ad esempio; in realtà le differenze sono radicali, in quanto HTX permette una comunicazione diretta tra periferica HTX e processore, oltre che con tutto quello che è collegato attraverso bus HyperTransport, senza dover passare attraverso un controller o un hub montato sulla scheda madre e in grado di impattare sulla latenza.

Cosa attendersi?

Il debutto delle soluzioni K8L è ancora lontano; presumibilmente bisognerà attendere ancora circa un anno prima di avere a disposizione le prime soluzioni Quad Core AMD per processori Opteron. D'altro canto, le novità che AMD si prepara a presentare sono numerose e fanno pensare come il produttore americano sarà in grado di continuare a guadagnare quote di mercato in questi competitivi e importanti settori.

La competizione è in questo momento molto accesa: Intel, con l'architettura Core, è stata in grado di segnare un punto di svolta rispetto a quanto visto sino ad ora con le cpu Xeon basate su architettura NetBurst, e di questo beneficieranno sicuramente gli utilizzatori di sistemi Xeon. Il produttore americano vorrà sicuramente erodere parte della quota di mercato che AMD ha conquistato negli ultimi 3 anni, con la nuova revision F delle cpu Opteron e con le future soluzioni K8L AMD continuerà a proporre soluzioni molto interessanti, soprattutto nell'ottica del consumo complessivo dell'intero sistema.

Ad Agosto, non appena i sistemi Opteron Revision F saranno disponibili, proseguiremo questa analisi passando sul piano prestazionale, così da verificare quali siano gli effettivi valori in gioco tra Opteron e Xeon Woodcrest.

  • Articoli Correlati
  • Opteron e Athlon 64 Dual Core Opteron e Athlon 64 Dual Core A 2 anni dal debutto dei processori Opteron, AMD introduce le architetture Dual Core sia per sistemi Opteron che Athlon 64. Se per i sistemi workstation e server il brand Opteron continua a restare presente, per i sistemi desktop Athlon 64 X2 è il nuovo nome scelto
  • Dual Core da AMD all'IDF Dual Core da AMD all'IDF All'esterno dell'IDF AMD ha mostrato sistemi Opteron basati sulle nuove versioni di processore con architettura Dual Core, costruiti con processo produttivo a 0.09 micron. Ecco un'anteprima di quello che AMD presenterà nel corso del 2005.
  • Opteron: live da New York Opteron: live da New York A poche ore dalla presentazione ufficiale, le prime immagini dall'evento organizzato da AMD a New York. Microsoft e IBM i principali partner dell'evento, mentre nVidia presenta il primo chipset per workstation single cpu Opteron
  • Opteron: la sfida ai sistemi multiprocessore di AMD Opteron: la sfida ai sistemi multiprocessore di AMD AMD introduce ufficialmente la prima cpu x86-64 per workstation e server multiprocessore. Circondato da notevoli aspettative, Opteron vanta numerose novità architetturali tra i quali supporto ai 64bit, memory controller integrato e bus HyperTransport
26 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
WarDuck06 Luglio 2006, 17:27 #1
Molto interessante l'HTX :-O In questo modo si eliminerebbero del tutto colli di bottiglia rappresentati dai controller, anche se poi bisognerà vedere se questo non crei un limite in termini di espandibilità del processore o di altri componenti.
soft_karma06 Luglio 2006, 17:41 #2
Comincerano quindi ad uscire server stackable?
In ogni caso si tratta di innovazioni significative, e che potrebbe portare ad una evoluzione interessante dei sistemi enterprise.
Con HT3 potremmo avere dei blade center che con l'aggiunta di schede aumentano di potenza a dismisura... O addirittura dei processori esterni per un boost temporaneo di prestazioni
Spellsword06 Luglio 2006, 17:52 #3
interessantissim HT 3.0! veramente un evoluzione coi fiocchi!
la cache l3 non mi convince tanto però tutte le evoluzioni hardware..
eppoi quel dual 128bit sse.. sbav sbav chissa come girano i giochi!
demon7706 Luglio 2006, 18:01 #4
Quante novità!! Non sapevo nemmeno dell'esistenza di processori specifici capaci di affiancare una cpu occupando un socket..

E poi la possibilità di costruire dei veri e propri cluster computer è notevolmente agevolata!

Adesso quel che mi preme di più è la presenza di un S.O. e di software capace di usare tutta questa potenza
MaxArt06 Luglio 2006, 19:02 #5
AMD ha in previsione di introdurre una flessibilità mai vista nei suoi sistemi, potrebbe essere una carta capace di rivoluzionare il mercato anche se non sarà in grado di colmare il gap prestazionale con Woodcrest e Clovertown (cosa che oltretutto credo che farà.

Tutto questo è dannatamente interessante, le innovazioni sono così tante da far passare il Conroe per un giocattolo da calcolatrici...
Vabbé, ok, sto esagerando...
Eraser|8506 Luglio 2006, 19:12 #6
sisi infatti, quoto quanto detto sopra.. l'architettura core 2 oltre alle prestazioni non aggiunge niente.. ma qui ragazzi si parla di ben altra roba, che in ambiente server sarà fin troppo evidente per poter venire semplicemente messa da parte..
danyroma8006 Luglio 2006, 19:18 #7
beh sì sulla carta , l'architettura k8l sembra non avere nulla da invidiare alla core.
Non credo che amd dal 2003 a questa parte sia vissuta di rendita e non abbia studiato dei degni successori alle attuali architetture.
gianni187906 Luglio 2006, 21:50 #8
mammamia quante novità per il futuro davvero molto interessanti, speriamo che siano mantenute le promesse
bjt206 Luglio 2006, 23:01 #9
Voglio una scheda video su slot HTX... 22 e passa GB/s di banda... Vi immaginate una scheda con Turbocache o simili quando correrebbe! Il PCI Ex con i suoi 8GB/s sembra così lontano...
High Speed07 Luglio 2006, 00:08 #10
Complimenti Paolo Corsini, leggere i tuoi articoli è sempre un piacere.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^