Revision F, K8L e HT 3.0: il futuro delle cpu Opteron

Revision F, K8L e HT 3.0: il futuro delle cpu Opteron

Dopo aver guadagnato importanti quote di mercato nel settore server, AMD si prepara a introdurre le cpu Opteron Revision F. Verifichiamo quali siano le novità di queste nuovi processori, delineando le caratteristiche delle future architetture K8L e della revision 3.0 della tecnologia di interconnessione HyperTransport

di Paolo Corsini pubblicato il nel canale Server e Workstation
AMD
 

Uno sguardo al mercato delle soluzioni Opteron

titolo.jpg (47279 bytes)

Torniamo con la memoria all'anno 2002: AMD cerca in più riprese di entrare nel ricco segmento di mercato delle soluzioni workstation e server a due processori con le proprie soluzioni Athlon MP, evoluzioni dei processori Athlon XP dai quali si differenziano per il supporto ufficiale a configurazioni biprocessore. Le cpu Athlon MP sono posizionate quale concorrenti dirette delle soluzioni Intel Xeon, ma nonostante le qualità dell'architettura sono pochi i produttori che scelgono di utilizzare questi processori AMD nei propri sistemi.

Tra questi, nessuno fa parte dei cosiddetti "top brand", aziende ad esempio del calibro di IBM che molto spesso vengono scelte da chi deve acquistare soluzioni server o workstation a motivo della solidità della gamma di prodotti e della qualità che tipicamente viene fornita ai clienti. Un'architettura a quel tempo valida concorrente di quella Xeon fa quindi molta fatica ad emergere e a proporsi come sostituto delle più costose soluzioni Intel.

Sul mercato era possibile acquistare sistemi Athlon MP, costruiti dai vari produttori taiwanesi di schede madri e da vari assemblatori; questi ultimi hanno proposto soluzioni molto interessanti, soprattutto nel segmento dei sistemi Rack a 1 unità, che sono stati adottati in vari centri di calcolo per elaborazioni in cluster. In Hardware Upgrade abbiamo utilizzato alcuni server Rack basati su processori Athlon MP per gestire parte del traffico del sito, e ancora adesso uno di questi è in produzione nel cluster web che cura la generazione delle pagine html di articoli, notizie e discussioni del forum.

Nella primavera 2003 AMD presenta ufficialmente la propria architettura K8, della quale ha esposto le prime linee guida sin dal 1999 con il nome di Hammer. In occasione del lancio ufficiale si capisce che alcuni elementi che hanno per molti versi parte della storia di AMD stanno cambiando in modo radicale: assieme ad AMD alcuni storici produttori di soluzioni server propongono proprie nuove soluzioni con cpu Opteron. L'unico grande assente è Dell, che sino a poco tempo fa ha optato per utilizzare solo soluzioni Intel nei propri sistemi server.

L'introduzione delle prime cpu Opteron rappresenta un vero e proprio punto di svolta per AMD nel mercato dei sistemi server e workstation; l'architettura Hammer si dimostra infatti molto adatta a questo genere di utilizzi, con in più la non secondaria peculiarità di poter utilizzare la stessa tipologia di processore per configurare sistemi che vanno da 1 a 8 Socket e di mettere a disposizione, per prima, il supporto al codice a 64bit senza dover percorrere strade proprietarie come quella seguita da Intel con le soluzioni della famiglia Itanium.

Nella primavera 2005 AMD presenta le proprie cpu Opteron con architettura dual core; si tratta di una prima assoluta per AMD, che batte Intel sul tempo proponendo una cpu dual core per sistemi server. L'approccio AMD si rivela vincente in quanto non richiede ai produttori partner, e ai possessori di sistemi Opteron completi, di cambiare scheda madre: il Socket di connessione è identico, e non variano le specifiche termiche e di alimentazione rispetto alle precedenti versioni di processore.

Nel 2002 una possibile diffusione di processori AMD nel segmento server, nonostante la valida architettura delle cpu Athlon MP, poteva sembrare più utopia che possibilità concreta. AMD è stata capace di sovvertire completamente il quadro di mercato grazie proprio alla base tecnica della propria architettura Hammer o K8. In 3 anni dal lancio delle prime cpu Opteron AMD è stata infatti capace di guadagnare notevoli quote di mercato, stringendo accordi con tutti i principali produttori di sistemi server e riuscendo in quella che sembrava un'impresa per certi versi impossibile: far produrre al partner più fedele di Intel, l'americana Dell, sistemi con architettura Opteron.

Di seguito alcuni dati su quelli che sono i risultati che AMD ha raggiunto nel mercato dei sistemi server da 1 a 8 vie nel corso degli ultimi anni:

  • 70% di crescita complessiva del mercato dal Q1 2005 al Q1 2006;
  • 22% mercato delle soluzioni server nel Q1 2006, contro il 16% del Q1 2005, secondo Mercury Research; nel Q1 2004 questa quota di mercato era pari al 5%;
  • 2004: 10 piattaforme Opteron disponibili sul mercato. Nel 2006 tale valore è aumentato a 50;
  • quota di mercato del 48% nel segmento dei sistemi server a 4 processori, nel mercato nord americano; quota di mercato del 32% su scala mondiale nello stesso segmento.

Intel continua a detenere una quota dominante in questo segmento di mercato, in termini di volumi complessivi, ma questo non deve sminuire il lavoro svolto da AMD, capace di raggiungere una quota di mercato importante in questo critico segmento partendo, 3 anni fa, da una posizione assolutamente marginale.

 
^