Sino a 12 core per i futuri processori AMD Opteron

Sino a 12 core per i futuri processori AMD Opteron

AMD delinea quelle che saranno le principali caratteristiche tecniche delle proprie future cpu per sistemi server e workstation della famiglia Opteron. Passaggio prima a 6 core e successivamente a 12, ferma restando l'architettura di base che parte da quella Barcelona con una serie di innovazioni per incrementare le prestazioni per clock

di Paolo Corsini pubblicato il nel canale Server e Workstation
AMD
 

Alcune riflessioni sulla nuova roadmap

Osservando nel dettaglio le nuove roadmap emergono due riflessioni di stampo generale:

  • AMD ha decisamente semplificato la propria roadmap dei processori server e workstation rispetto a quanto proposto in precedenza per lo stesso periodo di riferimento; la finalità è quella di poter assicurare ai propri partner quella capacità di esecuzione che è mancata al produttore americano nel corso degli ultimi 2 anni. Per i partner del segmento server è infatti fondamentale non tanto ottenere le pure prestazioni velocistiche più elevate, quanto assicurare continuità nello sviluppo dei prodotti e rispetto delle scadenze indicate nelle roadmap onde evitare che una famiglia di prodotti giunga sul mercato in ritardo rispetto sia a quanto previsto che a quanto fornito dalle aziende concorrenti;
  • scompare, almeno per il momento, qualsiasi riferimento alla prossima generazione di architettura indicata con il nome di Bulldozer. Riteniamo che questo sia dovuto nuovamente alla volontà di AMD di offrire una prospettiva sostenibile su quelle che saranno le proprie prossime generazioni di processore nel corso di 2 anni a venire, senza voler anticipare qualcosa il cui lancio sul mercato non può essere precisamente definito al momento attuale. La scomparsa di Bulldozer per il periodo 2010 fa inoltre pensare che AMD necessiti della tecnologia produttiva a 32 nanometri per questa tipologia di prodotti, elemento che sarà disponibile al produttore americano riteniamo non prima della fine del 2010.

4.jpg (48314 bytes)
roadmap delle cpu Opteron come presentata a Dicembre 2007 da AMD: scompaiono
le cpu a 8 core Montreal, lasciando spazio a soluzioni a 6 e 12 Core attese per il 2010

Nel corso del mese di Luglio 2007, in occasione del proprio Technology Analyst Meeting, AMD aveva anticipato la volontà di presentare le prime soluzioni della famiglia Bulldozer nel corso della seconda metà del 2009. Per quel periodo era previsto il debutto delle cpu Sandtiger, soluzioni per sistemi server dotate di 8 oppure 16 core Bulldozer con la possibilità di vedere versioni con 4 core destinate ad ambiti di utilizzo nei quali si vuole privilegiare la pura frequenza di clock al numero di core. Il design atteso per Sandtiger era di tipo nativo per la versione a 8 core, e presumibilmente MCM per l'evoluzione a 16 core.

Per i processori Sandtiger AMD aveva anticipato alcune delle caratteristiche tecniche che vedremo nelle soluzioni Sao Paulo e Magny-Cours, come i 4 link HyperTransport 3.0 a collegare ciascun Socket di processore oltre all'integrazione del memory controller DDR3. Di fatto queste nuove cpu a 6 e 12 core riprendono l'architettura attesa per i processori Sandtiger in termini di piattaforma, ma continuerannoa ad utilizzare un core che di fatto è derivato da quanto visto con i processori Barcelona, pur con tutte le opportune migliorie e innovazioni.

La roadmap dei processori Opteron single socket, serie 1.000, lascia intendere che non vedremo processori con più di 4 core in segmento desktop da parte del produttore americano. Del resto questa decisione pare tutt'altro che fuori luogo: è evidente come le applicazioni tipicamente utilizzate in ambiente desktop possano beneficiare di architetture multicore ma che difficilmente si possa giungere a saturare le potenzialità di un processore quad core.

Meglio in questo specifico ambito di utilizzo fornire un numero limitato di core, con 4 a rappresentare il miglior connubio, puntando su un incremento delle frequenze di clock massime utile nel momento in cui si eseguono applicazioni che sono principalmente single threaded piuttosto che avere a disposizione un numero più elevato di core che non possono venir sfruttati appieno nella maggior parte dei casi, e che per contenere i consumi massimi non possono operare a frequenze di clock troppo alte.

Alla fine del 2008 Intel presenterà le prime cpu della famiglia Nehalem, nuova architettura che rappresenterà un cambio netto rispetto a quanto implementato dal produttore americano con le soluzioni Core 2. C'è molto interesse verso queste nuove soluzioni, ma possiamo sin d'ora prevedere che il maggior impatto dei processori Nehalem avverrà proprio nel segmento delle soluzioni server. In questo ambito non crediamo che AMD possa avere a breve a disposizione un'architettura in grado di contrastare sul puro piano prestazionale le proposte Nehalem di Intel, ma per il produttore americano è fondamentale più che ottenere lo scettro prestazionale assicurare i propri partner di una continuità e di una stabilità nello sviluppo dei vari prodotti. Quella che è chiamata "execution", cioè la capacità di pianificare e di rispettare le scelte tecnologiche e stragetiche fatte, è stato il principale problema di AMD negli ultimi anni: è in questa direzione che il produttore americano sta lavorando e questa nuova roadmap, sicuramente più conservativa delle precedenti, pare porre delle basi solide affinché quanto anticipato da slide in pdf circa i futuri prodotti non venga smentito dai fatti dopo soli pochi mesi.

  • Articoli Correlati
  • Processori e tecnologie Intel per il 2008 Processori e tecnologie Intel per il 2008 Intel anticipa quelle che saranno le proprie future architetture di processore attese al debutto a partire dalla seconda metà del 2008, oltre ad alcune anticipazioni su Lerrabee. Il ruolo principale è svolto dalle cpu Nehalem, che implementano per la prima volta memory controller integrato e un'interfaccia di comunicazione point to point, chiamata QuickPath.
37 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
MarcoXX8408 Maggio 2008, 11:07 #1
Si delinea un futuro dominato dal mega-multi-core!
John2208 Maggio 2008, 11:07 #2
Bah, se ho letto bene, il supporto Shangai alle ram sarà ddr2 - 800...

Non so, secondo me se facevano il supporto nativo a ddr2 - 1200 era molto meglio...
cracovia08 Maggio 2008, 11:08 #3
Si sono presi male con il mondo della F1 X°°°D
zanardi8408 Maggio 2008, 11:10 #4
Curioso notare come i nomi dei vari core siano presi da pista del mondiale di F1: Barcelona, Montreal (anche se è forse stato tagliato), San Paolo, Magny-Cours.. Che sia una mossa dovuta alla partnership con Ferrari? Chissà cosa uscirà quando useranno il core Monza.. Come minimo deve essere la cpu più veloce disponibile sul mercato.

Comunque sia, ci sono tanti buoni propositi. AMD non sta a guardare. Resta solo da sperare che le prestazioni sul campo siano all'altezza della situazione.
capitan_crasy08 Maggio 2008, 11:15 #5
Originariamente inviato da: John22
Bah, se ho letto bene, il supporto Shangai alle ram sarà ddr2 - 800...

Non so, secondo me se facevano il supporto nativo a ddr2 - 1200 era molto meglio...


Il core Shangai è per piattaforma server/workstation quindi si parla di memorie DDR2 ECC...
Mparlav08 Maggio 2008, 11:18 #6
Multi core a tutto spiano: sarò sempre più dura tenere il passo col sw.

Mi lascia un po' perplesso, nella nuova roadmap, il fatto che vogliano introdurre le DDR3 solo nel 2010.
Prima erano previsti "8 core su am3" intorno al Q2 2009.
Ora si parla di "6-12 core su am3" ma solo nel 2010.
Penso però che i produttori di memoria incominceranno a passare "pesantemente" alle DDR3 già dalla fine di quest'anno, e di conseguenza possano cessare di produrre le DDR2 molto prima (ovviamente non possono tenere aperte troppe linee di produzione, visti i margini di guadagno risicatissimi)
Il ctrl DDR3 è già incluso nell'architettura k10/10.5, quindi ritengo che Amd abbia una certa "elasticità" nel gestirne l'introduzione.

Speriamo che i 45nm vadano bene.
MarcoXX8408 Maggio 2008, 11:20 #7
Originariamente inviato da: zanardi84
Curioso notare come i nomi dei vari core siano presi da pista del mondiale di F1: Barcelona, Montreal (anche se è forse stato tagliato), San Paolo, Magny-Cours.. Che sia una mossa dovuta alla partnership con Ferrari? Chissà cosa uscirà quando useranno il core Monza.. Come minimo deve essere la cpu più veloce disponibile sul mercato.

Comunque sia, ci sono tanti buoni propositi. AMD non sta a guardare. Resta solo da sperare che le prestazioni sul campo siano all'altezza della situazione.


C'è anche la piattaforma Maranello!
Porterà mooolto bene ad AMD!
M4R1|<08 Maggio 2008, 11:30 #8
Originariamente inviato da: John22
Curioso notare come i nomi dei vari core siano presi da pista del mondiale di F1: Barcelona, Montreal (anche se è forse stato tagliato), San Paolo, Magny-Cours.. Che sia una mossa dovuta alla partnership con Ferrari? Chissà cosa uscirà quando useranno il core Monza.. Come minimo deve essere la cpu più veloce disponibile sul mercato.

Comunque sia, ci sono tanti buoni propositi. AMD non sta a guardare. Resta solo da sperare che le prestazioni sul campo siano all'altezza della situazione.


attualmente amd nel settore server è la migliore
quasi mai vi è una corrispondenza tra mercato server/workstation e desktop. infatti nel primo settore citato i software hanno appositamente dei costi apperentemente assurdi, ma alla fine sono anche molto bene ottimizzati. cosa nn sempre vera nel settore desktop, anzi a dirla tutta sono pochissimi i programmi fatti bene...

cmq Bell'Articolo veramente interessante!
johnp198308 Maggio 2008, 11:31 #9
Invece di pensare ai 12 cores direi che è meglio se, nel frattempo, fanno funzionare bene quelli a 4 cores.
MarcoXX8408 Maggio 2008, 11:33 #10
Originariamente inviato da: johnp1983
Invece di pensare ai 12 cores direi che è meglio se, nel frattempo, fanno funzionare bene quelli a 4 cores.


Attualmente gli Opteron sono superiori agli Xeon.
Inoltre dopo l'estate gli opteron a 45nm col 20% di IPC in più non sono affatto male!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^