AMD Opteron Shanghai: quad core ora a 45 nanometri

AMD Opteron Shanghai: quad core ora a 45 nanometri

In anticipo rispetto ai tempi AMD presenta la nuova generazione di processori Opteron quad core, basati su architettura nota con il nome in codice di Shanghai e costruiti con tecnologia produttiva a 45 nanometri. Frequenze incrementate, maggiori prestazioni ma consumi sotto controllo

di Paolo Corsini pubblicato il nel canale Server e Workstation
AMD
 

Considerazioni

Con il debutto odierno delle soluzioni Opteron Shanghai AMD centra un obiettivo al quale era chiamata da poco più di un anno, cioè dalla presentazione delle prime soluzioni Opteron Quad Core basate su architettura Barcelona. Nel corso degli ultimi 12 mesi AMD ha dovuto subire una notevole pressione competitiva da Intel, complice da un lato le prestazioni delle soluzioni Xeon basate su architettura Core 2 e dall'altro i problemi che hanno caratterizzato le prime revision di processore Barcelona, basate sul tristemente noto stepping B2.

Solo a partire dalla primavera 2008 AMD è stata in grado di capitalizzare le qualità dell'architettura dei processori Opteron Barcelona, nel momento in cui queste cpu sono state rese disponibili con revision B3 e con frequenze di clock sino a 2,5 GHz; grazie a questo AMD ha potuto riguadagnare una piccola parte della quota di mercato del segmento server persa tra 2007 e 2008 per via sia del ritardo nel debutto delle cpu Opteron Barcelona che nei limiti della prima revision B2.

Discutendo con vari partner produttori di sistemi server, in occasione della presentazione stampa delle cpu Opteron Barcelona, è emerso chiaramente come le aspettative verso questi nuovi processori siano molto alte; le innovazioni implementate da AMD in questi processori rispetto alle soluzioni Barcelona sono evidenti, permettendo di ottenere livelli prestazionali superiori senza impatti negativi in termini di consumi. E' quindi il rapporto tra prestazioni e consumi a rappresentare il vero punto di forza delle cpu Opteron Shanghai secondo i partner AMD produttori di sistemi server, soprattutto nel confronto con le piattaforme Intel Xeon che devono utilizzare memoria Fully Buffered DIMM che tanto incide negativamente in termini di consumo complessivo del server.

server_1.jpg (57814 bytes)
soluzione blade server Dell, con blade a 1 e 2 Socket con processori Opteron Shanghai

server_2.jpg (86314 bytes)
server rack 2 unità Sun, dotato di 4 processori Opteron Shanghai montati su due PCB sovrapposti

server_3.jpg (80835 bytes)

server_4.jpg (83143 bytes)
altra soluzione blade, questa volta da IBM, con 2 cpu Opteron Shanghai per ogni singola lama

Non ha sorpreso quindi vedere come i principali produttori di sistemi server, con IBM, HP, Dell e Sun in testa, seguire con attenzione il lancio delle nuove cpu Opteron Shanghai spingendo sia soluzioni Rack a 1 e 2 unità come vari sistemi Blade, fenomeno ormai consolidato nel mercato dei sistemi server che nel corso dei prossimi anni dovrebbe essere caratterizzato da interessanti tassi di crescita.

Il confronto tra questi processori e le soluzioni concorrenti Intel Xeon basate su architettura Core 2 potrebbe far emergere risultati interessanti per le soluzioni AMD: le frequenze di clock inferiori potranno venir compensate dai benefici dati dal bus HyperTransport e dal memory controller integrato, senza dimenticare il minor consumo complessivo del sistema nel suo complesso che per i sistemi Intel risulta essere pesantemente influenzato dai moduli memoria FB-Dimm.

Lo scenario di mercato cambierà ulteriormente nel corso dei primi mesi del 2009, quando Intel presenterà le prime cpu Xeon basate su architettura Nehalem; con questi processori Intel abbandonerà le memorie FB-Dimm, guadagnando nel contenimento del consumo, e potrà finalmente sfruttare un bus adeguato nelle transazioni tra vari processori in sistemi multisocket grazie a QPI oltre a implementare un memory controller integrato nel processore e non più nel chipset. Non è un caso che l'architettura delle cpu Nehalem ricordi molto da vicino, almeno dal punto di vista concettuale, quanto adottato da AMD con le cpu Opteron sin dal debutto, avvenuto nel corso del 2003.

La competizione in questo segmento di mercato sarà quindi, da inizio 2009, ancor più combattuta tra queste due aziende; alla luce delle caratteristiche delle cpu Opteron Shanghai riteniamo che la posizione di AMD sia decisamente più interessante e favorevole rispetto a 12 mesi fa, forte in modo particolare di un ottimo bilanciamento tra prestazioni velocistiche e consumi. Considerando quanto sia importante, nei moderni datacenter, contenere i consumi sia per l'alimentazione dei server che per garantirne un raffreddamento adeguato il bilanciamento ottenuto da AMD con queste prime cpu a 45 nanometri sembra essere decisamente convincente.

[HWUVIDEO="208"]AMD Opteron Shanghai: quad core a 45 nanometri[/HWUVIDEO]

Ulteriori informazioni sui processori Opteron Shanghai, oltre che di alcuni sistemi server mostrati da AMD al proprio evento stampa di presentazione delle nuove cpu, sono disponibili nel video pubblicato su TVTech visualizzabile cliccando sull'immagine.

  • Articoli Correlati
  • AMD Opteron Quad Core: il lancio ufficiale AMD Opteron Quad Core: il lancio ufficiale Con un evento a Barcellona, Spagna, AMD ha ufficialmente mostrato i primi sistemi basati sulla nuova serie di processori Opteron quad core con nome in codice Barcelona: molte soluzioni rack 1 e 2 unità accanto ai primi sistemi blade e ad una soluzione Sun dotata di ben 32 Core di processore operanti in parallelo
  • AMD Opteron Barcelona AMD Opteron Barcelona Dopo una lunga attesa AMD presenta quest'oggi la prima evoluzione delle architetture K8 utilizzate nelle cpu Athlon 64 e Opteron: parliamo del progetto noto con il nome in codice di Barcelona, concretizzatosi con le prime cpu quad core della famiglia Opteron. Analizziamone le caratteristiche architetturali rispetto alle soluzioni K8, prima di poterne valutare in dettaglio le prestazioni velocistiche
37 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Paganetor13 Novembre 2008, 14:34 #1
interessante lo spunto sul discorso consumi/prestazioni...

anzichè puntare su una soluzione di tot processori che garantiscono le medesime prestazioni con consumi inferiori, preferiscono mettere in evidenza le maggiori prestazioni a parità di consumi!

Evidentemente per certe aziende (in particolare quelle che devono innovare/ringiovanire spesso il proprio parco macchine per essere sempre un passo avanti) la discriminante non è il consumo in generale, quanto la prestazione del sistema complessivo...
dario213 Novembre 2008, 14:43 #2
Zermak13 Novembre 2008, 14:53 #3
Bene, ora aspettiamo le soluzioni desktop con relativi test

Sicuramente l'aumento di IPC mantenendo inalterato il TDP è un ottima cosa viste anche le frequenze al debutto
Interessante sarà il confronto con le soluzioni server Intel Nehalem.

Vedremo come si posizioneranno le soluzioni desktop rispetto ai C2D Intel ma credo che AMD non deluderà.

PS: i server con processori AMD Shanghai, dell'azieda Strato, da quand'è che sono attivi?
marino713 Novembre 2008, 15:01 #4
Oggi AMD presenta questi proci e la soluzione per i netbook... che sia l'inizio della riscossa sul fronte cpu?
marchigiano13 Novembre 2008, 15:02 #5
Originariamente inviato da: Paganetor
interessante lo spunto sul discorso consumi/prestazioni...

anzichè puntare su una soluzione di tot processori che garantiscono le medesime prestazioni con consumi inferiori, preferiscono mettere in evidenza le maggiori prestazioni a parità di consumi!

Evidentemente per certe aziende (in particolare quelle che devono innovare/ringiovanire spesso il proprio parco macchine per essere sempre un passo avanti) la discriminante non è il consumo in generale, quanto la prestazione del sistema complessivo...


non è proprio così, il primo grafico evidenzia come il shanghai 2.6ghz consuma mediamente 2.65w per operazione mentre il barcelona 3.69 (anche se c'è una lieve differenza di occupazione processore a favore shanghai), mi pare un gran miglioramento in un anno. i barcelona poi sono già quelli a basso consumo (1.9ghz 1.15v 79w tdp)

anche l'ipc mi sembra aumentata un pelino: 53.7 per il barcelona 59.4 per il shanghai
cracovia13 Novembre 2008, 15:10 #6
Refusi:
- a pag. 2 si parla a un certo punto di 2 blocchi di 2 GBYTES di cache... wow!
- a pag. 4 il grafico dice socket F 1207 e nell'articolo è scritto F 1027.

Byez
tmx13 Novembre 2008, 15:16 #7
mi sembrano molto buoni questi shangai... non avevo ancora letto bene tutte le novità introdotte!
bene, forza AMD!

@cracovia: le segnalazioni se puoi falle all'email dell'autore indicata sotto il titolo d'ora in poi

bonzuccio13 Novembre 2008, 15:32 #8
"Il confronto tra questi processori e le soluzioni concorrenti Intel Xeon basate su architettura Core 2 potrebbe far emergere risultati interessanti per le soluzioni AMD"

Direi invece che Sciangai asfalta letteralmente Xeon,
ma di brutto.
Con l'arrivo del Nahalem bisogna non solo vedere il confronto con questi Opteron ma anche se vale la pena cambiare quasi totalmente infrastruttura per montarli (mobo, memorie) e se hanno un rapporto performance watt migliore
manca poco
Opteranium13 Novembre 2008, 15:45 #9
"...il minor consumo complessivo del sistema nel suo complesso che per i sistemi Intel risulta essere pesantemente influenzato dai moduli memoria FB-Dimm."

ma davvero queste fb dimm puppano così tanto? e perchè? e gli opteron cosa usano, ram normale? ma i vari ecc allora?
goldorak13 Novembre 2008, 16:00 #10
Originariamente inviato da: Opteranium
"...il minor consumo complessivo del sistema nel suo complesso che per i sistemi Intel risulta essere pesantemente influenzato dai moduli memoria FB-Dimm."

ma davvero queste fb dimm puppano così tanto? e perchè? e gli opteron cosa usano, ram normale? ma i vari ecc allora?


Eh si, le ram FB-Dimm consumano molto e scaldano altrettanto.
Per l'ECC non ci sono problemi in quanto esistono ram ddr2 sia in versione registered che unbuffered che supportano l'ECC.
E costano molto meno delle FB-Dimm oltre che' consumare meno.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^