Intel Nehalem-EX: il futuro dei server è a 8 core

Intel Nehalem-EX: il futuro dei server è a 8 core

Intel anticipa le caratteristiche tecniche della futura generazione di processori Xeon basati su architettura Nehalem e dotati di 8 core al proprio interno. Potenza da vendere, ma bisognerà attendere sino a inizio 2010 per la commercializzazione

di Paolo Corsini pubblicato il nel canale Server e Workstation
Intel
 

Alcune considerazioni preliminari

Il debutto dei processori Intel Nehalem-EX avverrà soltanto a inizio 2010: l'annuncio odierno deve quindi essere visto più come una conferma della roadmap tecnologica di Intel mirante a utilizzare l'architettura Nehalem quale base per la maggior parte delle proprie soluzioni per sistemi non solo desktop ma anche server.

slide_2.jpg (63641 bytes)

La slide fornita da Intel esemplifica al meglio questo concetto. In ambito server sino a 2 Socket troviamo i processori Xeon 5500, che nel corso del prossimo anno evolveranno nella nuova architettura indicata con il nome di Westmere-EP. Westmere è il nome dell'evoluzione delle soluzioni Nehalem alla tecnologia produttiva a 32 nanometri, con le quali troveremo quindi gli elementi base di questa architettura affiancati da alcune innovazioni marginali e dai vantaggi dati dal processo produttivo più sofisticato.

I processori Nehalem-EX verranno proposti da Intel a sostituire la gamma di soluzioni Xeon 7400: è quindi presumibile che queste nuove cpu adotteranno un nome della serie Xeon 7x00 al debutto sul mercato. Nel segmento più alto del mercato Intel continuerà a proporre le proprie soluzioni Itanium della serie 9000, che nel corso dei primi mesi del 2010 verranno aggiornate con i processori noti con il nome in codice di Tukwila. E' del resto notizia di alcuni giorni fa lo spostamento del debutto di tali cpu a inizio 2010, con un ritardo complessivamente accumulato pari a circa 1 anno rispetto a quanto inizialmente previsto dal produttore americano.

Lo scorso mese di Agosto, in occasione del proprio Developer Forum Fall, Intel aveva stupito gli operatori del settore anticipando il debutto di una versione di processore Nehalem dotata di architettura a 8 core, per l'appunto Nehalem-EX. Il debutto di questi processori, per inizio 2010, non è forse così vicino come quelle informazioni rilasciate lo scorso Agosto potevano far ritenere: d'alto canto pensando alle attuali prestazioni velocistiche delle soluzioni Nehalem in commercio e inserendo in questo il raddoppio nel numero dei core fisici per Socket ci si può attendere livelli prestazionali di assoluto riferimento per questi processori.

Evidenziamo, nella nuova struttura delle cpu server di Intel, un'analogia con quanto ha anticipato AMD per le proprie future generazioni di processore Opteron. Per entrambe le aziende avremo due famiglie di processori server: la prima, Xeon 5500 da un lato e Opteron serie 4000 dall'altra, per sistemi a 1 oppure 2 Socket. La seconda, con processori Nehalem-EX da un lato e Opteron 6000 dall'altro, con capacità di venir utilizzata in sistemi da 2 Socket sino a 8 Socket (4 Socket come massimo per le piattaforme AMD).

8 processori Nehalem-EX, 64 core fisici e 128 thread eseguiti in parallelo: questa dimostrazione, eseguira da Kennedy Brown di Intel e da Kevin Powell di IBM, anticipa quelle che saranno le potenzialità dei primi sistemi a 8 Socket basati su queste nuove architetture.

  • Articoli Correlati
  • Intel Xeon 5500: architettura delle cpu Nehalem per server Intel Xeon 5500: architettura delle cpu Nehalem per server Intel estende le novità architetturali della famiglia Nehalem anche alla serie di processori Xeon, con le cpu 5500. Ben 17 versioni disponibili al lancio, con frequenze di clock, consumi e prezzi tali da soddisfare tutti i segmenti del mercato.
  • Intel Xeon 5500 vs 5400: le prestazioni a confronto Intel Xeon 5500 vs 5400: le prestazioni a confronto Dopo aver studiato l'architettura delle cpu Xeon serie 5500 è il momento di valutarne, in ambito workstation, quali siano i benefici a confronto con un processore di pari clock basato su architettura Penryn di precedente generazione.
25 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
AceGranger26 Maggio 2009, 22:29 #1
Caspita ! buono a sapersi che potranno essere usati in sistemi bisocket. Ma il socket sara il 1366? e potranno essere usati sulle schede madri attuali per gli xeon nahelem, magari con un aggiornamento del bios ?
nudo_conlemani_inTasca26 Maggio 2009, 22:37 #2
Impressionante l'architettura fortemente parallela (verrebbe da dire massicciamente parallela con HT)
In ambito professionale queste soluzioni sono utilizzate e bene (basta vedere il modello di business di HP, che nei propri progetti prevede infrastrutture informatiche basate su client VM+VPN) le soluzioni
informatizzate per le aziende del futuro.

Sicuramente Intel in questo settore annichilisce tutti gli avversari (ad ogni modo vorrei vedere IBM con il Power7 @ 15Ghz.. ammazza, ma i consumi di Watt? Dicono gli addetti del settore sia mostruoso come potenza e architettura, magari un raffronto tra questo e Intel Nehalem-EX) dimostra ancora una volta a voler puntare in questa fetta di mercato alla leadership.
Mendocino8926 Maggio 2009, 23:35 #3
128 Threads...qualcosa di assolutamente bestiale...parliamo di potenze di elaborazione stratosferiche.
E' proprio vero, Nehalem prima di tutto è stato progettato da Intel per coprire il settore server, che aveva in un certo senso trascurato con l'architettura Core...mi sorprende poi la spettacolare modularità e scalabilità di questa architettura.
Praticamente con le opportune modifiche ci coprono tutti i settori: dal consumer con i5 fino alle server farm più avanzate.
Complimenti Intel !!!
leddlazarus27 Maggio 2009, 08:37 #4
ma io parlerei + di 64 core effettivi che dei 128 logici. non mi fido molto dell'HT dell'intel, anche se dicono sia profondamente diverso da quello dei P4.

quello dei P4 sui server dava + fastidio che altro e nel centro dove lavoro l'abbiamo sempre disabilitato.
Xeus3227 Maggio 2009, 08:47 #5
Perchè mi ricordano tanto gli Opteron di qualche anno fa?
Tuvok-LuR-27 Maggio 2009, 09:14 #6
Intel è davvero molto avanti, ha già pronte le prossime architetture da diverso tempo; purtroppo non avendo competizione non si affretta a commercializzarle ma aspetta, così da affinare i processi produttivi ed avere margini maggiori sulle cpu che usciranno.
pierpox27 Maggio 2009, 10:02 #7
chissà quando potremo vedere un i7 8 core per sistemi desktop,le workstations che usano 3ds Max o maya ringrazierebbero...
lucasantu27 Maggio 2009, 10:13 #8
Commento # 7 di: pierpox pubblicato il 27 Maggio 2009, 10:02

chissà quando potremo vedere un i7 8 core per sistemi desktop,le workstations che usano 3ds Max o maya ringrazierebbero...


io ringrazio già adesso il mio i7 fidati
Severnaya27 Maggio 2009, 10:18 #9
ma quanto sfruttano i sistemi server i multicore?
GByTe8727 Maggio 2009, 10:24 #10
Dipende dal tipo di server... senz'altro il multicore è più sensato che in ambito home...

Diciamo anche che nell'era della virtualizzazione con tanti core e tanta ram a disposizione puoi fare quasi di tutto

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^