AMD Opteron Istanbul: CPU a 6 core per i server

AMD Opteron Istanbul: CPU a 6 core per i server

AMD presenta ufficialmente la nuova generazione di processori Opteron da 2 sino a 8 Socket, basati sulla medesima architettura di base delle cpu Opteron Shanghai ma dotati di 6 core. HT Assist è la principale novità implementata, in grado di ridurre sensibilmente la latenza della memoria nelle comunicazioni tra i vari processori presenti nel sistema

di Paolo Corsini pubblicato il nel canale Server e Workstation
AMD
 

Introduzione

In anticipo di alcune ore rispetto all'inaugurazione del Computex 2009, evento che di fatto caratterizzerà tutta la prossima settimana in termini di novità e trend tecnologici, AMD annuncia ufficialmente la nuova evoluzione dei processori Opteron per sistemi server da 2 sino a un massimo di 8 Socket. Ci riferiamo alle soluzioni Opteron serie 2400, per sistemi sino a 2 Socket, e Opteron 8400, per sistemi sino a 8 Socket, meglio note con il nome in codice di Istanbul.

I nuovi processori sono i primi proposti da AMD a integrare al proprio interno 6 core: l'architettura è quella delle soluzioni Opteron Shanghai presentate lo scorso mese di Novembre, con l'aggiunta di 2 ulteriori core e di alcune ottimizzazioni particolarmente utili in ambito multisocket.

slide_3.jpg (56456 bytes)

Costruite con tecnologia produttiva a 45 nanometri, le cpu Opteron Istanbul utilizzano un design di tipo nativo: i 6 core sono quindi integrati all'interno dello stesso package, affiancati da una cache L3 unificata da 6 Mbytes di capacità di tipo esclusivo. Per ogni core ritroviamo cache L1 da 128 Kbytes totali, divisa in due blocchi identici per dati e istruzioni, mentre la cache L2 è pari a 512 Kbytes per ciascun core. Il memory controller, di tipo dual channel, è compatibile con moduli DDR2-800 quale massimo, identico quindi a quello implementato con le cpu Opteron Shanghai.

Al momento attuale sono disponibili solo versioni di tipo standard di questi processori, compatibili in termini di consumo con le equivalenti soluzioni Opteron a 4 core. Nel corso del terzo trimestre 2009 AMD prevede di rendere disponibili anche versioni HE, SE e EE delle proprie soluzioni Istanbul, differenziando quindi l'offerta in funzione del livello di ACP (Average CPU Power). Ricordiamo come AMD identifichi i processori Opteron a seconda del livello di consumo medio generato secondo il seguente schema:

  • Opteron EE: processori con ACP massimo di 40 Watt;
  • Opteron HE: processori con ACP massimo di 55 Watt;
  • Opteron standard: processori con ACP massimo di 75 Watt;
  • Opteron SE: processori con ACP massimo di 105 Watt.

Queste invece le versioni di processore Opteron serie x400 attualmente disponibili:

  • Opteron 2427: clock 2,2 GHz, prezzo ufficiale 455 dollari;
  • Opteron 2431: clock 2,4 GHz, prezzo ufficiale 698 dollari;
  • Opteron 2435: clock 2,6 GHz, prezzo ufficiale 989 dollari;
  • Opteron 8431: clock 2,4 GHz, prezzo ufficiale 2.149 dollari;
  • Opteron 8435 clock 2,6 GHz, prezzo ufficiale 2.649 dollari.

slide_2.jpg (53900 bytes)

Per quali tipologie di ambiti di utilizzo un processore Opteron della serie Istanbul può risultare preferibile a uno Shanghai? AMD identifica in particolare le aree della virtualizzazione come quelle nelle quali sistemi server dotati di processori a 6 core possono rappresentare un netto valore aggiunto, ma stesso approccio vale anche per ambiti database e HPC. In generale l'incremento del 50% nel numero dei core, ottenuto passando da processori Opteron Shangai a quelli Opteron Istanbul, può venir sfruttato al meglio nel momento in cui le applicazioni sono fortemente parallele, incrementando le prestazioni in modo pressoché lineare al crescere del numero dei core e non risultando limitate ad un massimo di core che possono operare in parallelo.

slide_1.jpg (55050 bytes)

Uno degli elementi tecnici più significativi dei processori AMD Opteron Istanbul è dato dall'essere pienamente compatibili con le piattaforme sviluppate per i processori AMD Opteron della famiglia Shanghai. Questo tipo di design da un lato semplifica notevolmente il time to market dei produttori di server, velocizzando la commercializzazione dei nuovi processori, dall'altra permette agli amministratori di sistema di effettuare upgrade dei propri server in modo altrettanto rapido. Le cpu Opteron Istanbul mantengono gli stessi requisiti di alimentazione e dissipazione termica dei processori Opteron Shanghai; questo risultato non è ovviamente stato ottenuto a parità di frequenza di clock, in quanto la tecnologia produttiva è rimasta la stessa, ma permette di ottenere un incremento medio quantificato tra il 30% e il 35%, con applicazioni particolarmente adatte all'esecuzione parallela, rispetto a processori Opteron Shanghai quad core di pari consumo.

 
^