Sistema Rack Supermicro 6010H

Sistema Rack Supermicro 6010H

Recensione del sistema Supermicro 6010H, piattaforma Rack ad una unità basata su scheda madre dual Socket 370 e memoria ECC Registered; il 6010H rappresenta una valida soluzione per coloro che vogliono configurare un server rack di ridotte dimensioni ed elevata potenza, combinando ottima qualità costruttiva.

di Paolo Corsini pubblicato il nel canale Server e Workstation
 

Introduzione

Quello dei server Rack ad 1 unità è un mercato in continua e rapida crescita; la diffusione del web ha portato numerose aziende alla necessità di entrare nel mercato dei siti web e, di conseguenza, di dotarsi di server che permettessero loro essere presenti on line con continuità e affidabilità. Nelle sale dati dei principali ISP italiani sono installati armadi in formato Rack (il "Rack" è in pratica uno standard riguardante le dimensioni meccaniche), nei quali i personal computer utilizzati come server vengono montati e connessi permanentemente a Internet. Il costo necessario per posizionare un server presso le server farm è proporzionale allo spazio occupato negli armadi Rack più che alla banda occupata dai server durante il loro funzionamento, alloggiare quindi i server in contenitori Rack risulta estremamente economico.

server_4.jpg (8047 byte)

Nell'immagine è raffigurato un armadio posto in una sala dati: si notino i server Rack, di varie dimensioni, impilati uno sopra l'altro così da occupare il minor spazio possibile.

server_2.jpg (15414 byte)

La parte posteriore di un armadio Rack: i cavi di collegamento, sia di alimentazione che di rete, escono dai singoli server e vanno a confluire nello switch; quest'ultimo è a sua volta collegato alla rete principale della sala dati e tramite quest'ultima è connesso ad Internet.

Parlando di server per applicazioni web è indispensabile premettere alcun informazioni sui case Rack, cioè i contenitori utilizzati per assemblare i server. Questi Case si differenziano notevolmente da quelli utilizzati in ambiente domestico e d'ufficio in quanto utilizzano una larghezza prefissata, pari a 19 pollici, e vengono avvitati in particolari armadi posti nelle sale dati. Come si nota chiaramente osservando il Rack fotografato qui sotto, ai lati sono poste delle staffe metalliche dotate di fori: è grazie a queste staffe che i Rack vengono avvitati agli armadi e impilati uno sopra l'altro, fino ad occupare tutto lo spazio disponibile.

rack_1.jpg (13263 byte)
Vista frontale di un Case Rack a 2 unità; il pannello frontale è coperto da uno sportello in alluminio, nella foto abbassato

Come già segnalato, nei case Rack la larghezza complessiva è fissata in 19 pollici, mentre l'altezza è funzione del quantitativo di componentistica che dev'essere inserito all'interno del case stesso. Anche in questo caso esistono degli standard che indicano l'altezza complessiva dei Rack; per indicare quest'ultima è stata coniata una particolare unità di misura, chiamata unità Rack, che è pari ad un'altezza di circa 4,5 cm; un case Rack ad una unità, pertanto, avrà un'altezza complessiva di 4,5 cm, mentre uno a 4 unità avrà un'altezza quadrupla, pari a circa 18 cm. Ovviamente al crescere dell'altezza in unità Rack aumenta lo spazio a disposizione per i componenti; considerando, come già detto , il costo di utilizzo degli spazi negli armadi delle sale dati molto elevato è indispensabile trovare il connubio ideale tra spazio occupato e quantità di componenti che si vogliono montare nel Rack.

In queste pagine è recensito il sistema Supermicro 6010H, una soluzione intermedia tra un vero e proprio server web "pronto per la server farm" e un server da assemblare: questo sistema, infatti, comprende un contenitore Rack ad 1 unità, una scheda madre Dual Socket 370, lettore CD-Rom e Floppy nonché due cassettini Hot Swap per hard disk SCSI SCA. Mancano, e la scelta è a discrezione del cliente, i processori (ovviamente Intel Pentium III), la memoria e gli hard disk.

 
^