Oracle Italia, il punto su Open World

Oracle Italia, il punto su Open World

Ad un mese dalla manifestazione Oracle Open World il team italiano presenta la rinnovata strategia dell'azienda, che a seguito dell'acquisizione di Sun Microsystems insiste sul concetto dell'integrazione hardware e software

di Andrea Bai pubblicato il nel canale Server e Workstation
 

Exalogic Elastic Cloud ed Exadata X2-8

E' lo stesso Sergio Rossi ad illustrare la soluzione cloud-oriented dell'azienda. Si tratta di Oracle Exalogic Elastic Cloud, progettata specificatamente con lo scopo di offrire alle aziende una soluzione di private cloud computing ad elevate prestazioni, flessibilità, scalabilità e facilità di gestione: non a caso Oracle definisce Exalogic Elastic Cloud come il "Cloud in a box".

L'hardware di Exalogic è preassemblato e viene fornito in configurazioni standard rack da 42 unità e 19 pollici. Ciascuna configurazione di Oracle Exalogic contiene una serie di nodi di computazione, un sottosistema storage ed una sistema di interconnessione ad elevata ampiezza di banda sia per comunicazioni interne, sia per la connessione di eventuali altri sistemi Exalogic esterni o di database Exadata.

Ogni nodo computazionale di Exalogic è caratterizzato da una configurazione hardware standard, che prevede l'impiego di due processori Intel Xeon a 6 core. E' inoltre presente memoria di tipo ECC e adattatori InfiniBand. In ciascuna unità computazionale sono presenti inoltre due unità Solid State Drive, che fungono da unità di boot e da spazio di swap locale. Le configurazioni di ogni singolo nodo, così come dell'intero sistema Exalogic saranno ovviamente definite su misura sulle esigenze dei clienti.

Oracle Open World 2010 ha permesso inoltre di confermare il prosieguo del primo progetto nato a seguito dell'acquisizione di Sun: la linea di macchine database Oracle Exadata, con l'annuncio di Exadata X2-8: anche in questo caso una soluzione completamente integrata e pronta "out-of-the-box" per impieghi OLTP o data warehousing.

Exadata X2-8 è un sistema rack completo che si compone di due database server 8-socket, ciascuno provvisto di 64 CPU Intel Xeon X7560, per un totale complessivo di 128 core, e di 2 terabyte di memoria. Vi sono poi 14 storage server Exadata con 168 core CPU Intel e fino a 336 terabyte di capacità storage, oltre 5 terabyte di Exadata Smart Flash Cache per lo stoccaggio di dati di più frequente accesso, 40Gigabit di connettività InfiniBand interna e 10GB di connettività Ethernet esterna. Exadata X2-8 può essere equipaggiato con dischi High Performance SAS da 600GB oppure con unità High Capacity SAS da 2TB.

 
^