Acadia: EMC, Cisco e VMware insieme per il Private Cloud

Acadia: EMC, Cisco e VMware insieme per il Private Cloud

Cisco, VMware ed EMC danno vita ad una joint-venture allo scorpo di promuovere la diffusione del Private Cloud in ambito aziendale: ne parliamo con Paolo Battimiello, Business Development per Acadia

di Andrea Bai, Gabriele Burgazzi pubblicato il nel canale Server e Workstation
 

Introduzione

Le parole Cloud Computing vanno molto di moda ultimamente, ma cosa stanno ad indicare? Nel senso generale del termine, questi due sostantivi, indicano una struttura internet-based che garantisce, grazie all'impiego di server, la condivisione di risorse e di software. Il cloud computing rappresenta quindi, sotto molti aspetti, l'evoluzione naturale della virtualizzazione.

Riferendosi al Cloud Computing genericamente inteso, le meccaniche di funzionamento sono abbastanza semplici e mettono l'utente finale nella condizione di non doversi preoccupare di molti degli aspetti di configurazione. Non c'è bisogno dell'installazione di alcun servizio e ogni problema viene gestito in modo centralizzato, ovvero da chi eroga il servizio: in questo modo si riducono in modo sensibile i disagi e le proeccupazioni dovute ad eventuali problemi di funzionamento.

Il cloud computing rappresenta, a oggi, un nuovo modello per i servizi IT basati su internet che molto spesso si appoggia a risorse o applicazioni delocalizzate e facilmente accessibili attraverso un comune browser web. Di fatto sarà possibile utilizzare queste applicazioni o documenti, come se risiedessero fisicamente sul nostro sistema.

Se i vantaggi per il normale utente finale sono sensibili, questi diventano particolarmente interessanti se si rapportano a realtà aziendali, in maniera particolare quando il Cloud Computing si declina nella forma di Private Cloud. In una struttura Private Cloud è l'azienda a detenere il possesso delle macchine e dell'infrastruttura necessaria al funzionamento del Cloud, allontanando così le preoccupazioni relative alla gestione dei propri dati da parte di terzi. Per un'azienda la possibilità di avere un controllo centralizzato di risorse e software, il non dover controllare migliaia di macchine contemporaneamente, riduce i tempi di manutenzione e, soprattutto, garantisce una migliore e più completa produttività. Chiaramente la differenza tra Private Cloud e Cloud Computing è rappresentata dal fatto che, nel primo caso, l'azienda dovrà comunque occuparsi di installare, configurare e gestire il parco macchine necessario per il funzionamento del proprio Private Cloud: un'operazione che richiede risorse e competenze e che viene guardata con timore soprattutto da chi deve tenere in ordine i conti dell'azienda.

In questo contesto si inserisce Acadia, joint venture tra quattro colossi dell'industria come Cisco, EMC, VMware e Intel. La necessità di investire su un segmento di mercato che sembra rappresentare, a oggi, una delle principale strade di sviluppo per gli anni a venire ha portato quattro aziende dai nomi altisonanti, ad unirsi per riuscire ad offrire una soluzione quanto più efficiente per le aziende, garantendo un unico pacchetto. Acadia punta, con l'ingresso sul mercato, ad affiancare le aziende clienti allo scopo di ridurre i costi per l'implementazione di nuove applicazioni di business attraverso il Private Cloud Computing.

A capo di Acadia si trova, tra le altre figure, l'italiano Paolo Battimiello che assume il ruolo di business development per la regione EMEA. Battimiello, che proviene da una lunga attività nel settore sales per EMC, avrà la responsabilità di introdurre questa nuova realtà al mondo imprenditoriale e non solo. Businessmagazine ha colto l'occasione per scambiare quattro chiacchiere: proviamo quindi a capire quali obiettivi insegue questa azienda.

 
^