Fort Collins HP lab: i segreti delle workstation

Fort Collins HP lab: i segreti delle workstation

Prestazioni ed affidabilità, a servizio delle esigenze dei clienti: questa è la filosofia alla base della realizzazione delle workstation HP presso i laboratori di Fort Collins, in Colorado, un luogo dove l'attenzione per i dettagli è messa al primo posto

di Andrea Bai pubblicato il nel canale Server e Workstation
HP
 

Introduzione

Fort Collins, Colorado. E' in questa tranquilla cittadina statunitense a ridosso della catena delle Rocky Mountains dove Hewlett Packard ha stabilito un importante centro di ricerca e sviluppo dedicato all'ideazione e alla progettazione delle soluzioni dell'azienda americana destinate al mercato workstation.

Si tratta di un mercato fondamentale per HP: nell'ultima analisi di IDC relativa a questo segmento, per il secondo trimestre del 2012, è stato rilevato che l'azienda detiene il 46,2% del mercato globale delle workstation, con un interessantissimo 41,8% relativo solamente al mercato delle workstation mobile.

Una fotografia di un importante successo, specie dopo che per oltre 30 anni la compagnia ha battagliato con importanti competitor (come Silicon Graphics, Sun, IBM) ora non più presenti su questo mercato e considerando che nel 2002, a seguito dell'acquisizione di Compaq, HP deteneva il 25% di market share. Il successo della compagnia acquista ancora maggior valore se si considera che nel corso di questi anni la base di utenti workstation è incrementata in maniera significativa, sia in termini di volume sia in termini di composizione eterogenea. Ecco spiegato il motivo per il quale HP dedica un centro R&D specifico per la progettazione di questo tipo di soluzioni.

I clienti delle workstation della serie Z sono ad oggi distribuiti in numerosi campi: dalla produzione cinematografica al trading finanziario, dalla perforazione petrolifera alla progettazione di mezzi di trasporto, dal mondo medico alla progettazione di edifici. Ambiti piuttosto eterogenei, ma accomunati da una serie di elementi: si tratta infatti di attività che implicano carichi di lavoro particolarmente intensivi e che richiedono un'estrema affidabilità degli strumenti necessari alla loro esecuzione.

Ed è proprio sulla base di questi elementi che HP porta avanti lo sviluppo e la progettazione delle proprie soluzioni workstation: per l'azienda americana, infatti, l'innovazione non è una caratteristica fine a se stessa ma una componente fondamentale del processo di sviluppo che rispecchia le richieste e le esigenze dei clienti.

Si parla, pertanto, di innovazione "customer driving" poiché non è l'azienda che impone le proprie scelte ma è una fruttuosa collaborazione con i clienti, in tutto il mondo, che consente di comporre un'offerta d'avanguardia laddove l'innovazione può essere rappresentata sia da specifiche funzionalità delle varie soluzioni, sia da aspetti progettuali che possano venire incontro, ad esempio, a specifiche esigenze di portabilità o di spazi ridotti.

 
^