Ecco i servizi Office online di Microsoft per le aziende

Ecco i servizi Office online di Microsoft per le aziende

Microsoft ha presentato Microsoft Exchange online e Sharepoint online: le aziende potranno fruire di due applicazioni server senza possedere un'infrastruttura dedicata. In arrivo anche Office Communications Online

di Alessio Di Domizio, Fabio Boneschi pubblicato il nel canale Software
Microsoft
 

Microsoft Exchange e Sharepoint online

Come ampiamente preannunciato e descritto nelle scorse settimane, Microsoft oggi ha presentato negli USA le iniziative Microsoft Exchange Online e Microsoft Share Point Online. Abbiamo voluto approfondire la notizia già pubblicata nei giorni scorsi chiedendo maggiori dettagli a Enrico Bonatti, direttore della divisione Information Worker di Microsoft Italia. Le nuove iniziative online sono ovviamente rivolte alle aziende e Bonatti ha voluto ulteriormente precisare che l'attuale target di Microsoft in questo specifico ambito è quello delle aziende con almeno 5000 postazioni. In realtà, come peraltro confermato dall'esponente di Microsoft Italia, è difficile tracciare una linea di demarcazione precisa perché esistono piccole realtà produttive con esigenze assai simili a quelle delle grandi aziende, se non addirittura maggiori.

La novità introdotta da Microsoft con Exchange Online e Microsoft Share Point Online sta nel fatto che ora le aziende possono accedere a tali servizi senza dover realizzare e gestire le necessarie infrastrutture: i servi verranno erogati dai data center Microsoft e fruibili per gli utenti aziendali attraverso la connessione internet. Questa caratteristica svincola le aziende dalle problematiche di gestione e mantenimento. Abbiamo però chiesto a Enrico Bonatti cosa accade qualora un'azienda gestisca un Exchange server o Sharepoint in modo autonomo e per esigenze particolari abbia la necessità di ampliare anche ad altri utenti tali servizi. La domanda di fondo è molto semplice: è necessario smantellare le soluzioni gestite dall'azienda e passare a un modello interamente online, oppure è possibile gestire infrastrutture ibride? Microsoft sottolinea la possibilità di gestire situazioni ibride e segnala questa opportunità proprio nel caso in cui si debbano rendere accessibili le risorse di Exchange Server e di Share point a sedi decentrate.

All'annuncio odierno andrà presto ad aggiungersi la disponibilità del servizio Office Communications Server 2007, attraverso il quale è possibile concretizzare il concetto di Unified Communicator tanto caro a Microsoft. È prevista la disponibilità di questo servizio per il prossimo mese di Marzo, nello stesso periodo nel quale anche i servizi descritti in precedenza saranno accessibili dall' Italia.

Infatti, entro la fine del mese di Marzo o al più tardi nel mese di Aprile, entrerà in piena produzione un nuovo data center Microsoft collocato in Irlanda a cui gli utenti italiani saranno collegati. È prevista un'infrastruttura di back up dislocata in Olanda, mentre attualmente il servizio è garantito da un data center realizzato da Microsoft a Chicago. Dedicheremo alle nuove infrastrutture un successivo approfondimento. Al momento gli utenti italiani interessati hanno la possibilità di testare i servizi accedendo alle risorse del data center di Chicago.

 
^