SaaS: arriva la rivoluzione nel panorama software

SaaS: arriva la rivoluzione nel panorama software

Il software come servizio e non più come prodotto: è questa la filosofia che si sta diffondendo nel settore del software, che può portare ad una vera e propria rivoluzione sul mercato. Vediamo insieme di cosa si tratta

di Andrea Bai pubblicato il nel canale Software
 

Introduzione

Abbiamo avuto modo, su Hardware Upgrade e su Business Magazine, di parlare più volte di Cloud Computing, l'ultima volta proprio la scorsa settimana con un articolo volto a fare luce sulla situazione italiana. Trattiamo oggi un argomento che ha molte attinenze con il mondo Cloud e che, al pari di quest'ultimo, sta iniziando a prendere piede: il cosiddetto "Software as a Service", che nel corso dell'articolo sarà spesso abbreviato con il termine SaaS.

Il Software as a Service rappresenta la nuova tendenza nella distribuzione delle applicazioni software, che cambierà completamente il suo sviluppo e la sua distribuzione per come li conosciamo ora. Le tradizonali applicazioni desktop ed enterprise "confezionate" potrebbero essere presto spazzate via dall'onda delle soluzioni web-based, che sollevano lo staff dei sistemi informativi dalla responsabilità dell'installazione, del mantenimento e dell'aggiornamento degli applicativi. Secondo alcuni analisti (e sono della stessa idea anche alcuni protagonisti del settore) il software confezionato cesserà di esistere in un futuro non troppo lontano. Per ora, a porre un freno a questa previsione così categorica, vi sono limiti tecnici e di business, ma l'aspetto importante da considerare è che la filosofia di fondo, e cioè la distribuzione, la gestione ed il pagamento del software più come servizio che come prodotto, si sta diffondendo tra tutti coloro i quali operano nel settore del software.

Come abbiamo appena accennato il SaaS vede alcuni significativi ostacoli anteporsi ad una reale diffusione a macchia d'olio. Il primo tra essi può essere la mancanza di chiarezza nella definizione degli stessi servizi software. Esiste un diffuso disaccordo sulle intrinseche caratteristiche del servizi e sulla stessa terminologia utilizzata per descrivere servizi e applicazioni. Seguono, ma non per importanza, le differenti forme di licenza rispetto ai modelli di business tradizionali, così come le necessità tecnologiche ed infrastutturali per poter permettere l'erogazione del software sottoforma di servizio.

Nel modello SaaS, l'applicazione-servizio è distribuita attraverso un datacenter centralizzato tramite una rete, fornendo l'accesso e l'utilizzo a seguito del pagamento di una tariffa periodica. Gli utenti possono noleggiare, abbonarsi, essere assegnati, avere l'autorizzazione ad accedere ad un'applicazione dal fornitore del servizio, ed i modelli di busines variano largamente a seconda del tipo di servizio, della modalità di erogazione, della fascia del cliente e via discorrendo.

Con questo articolo cerchiamo di offrire una serie di linee guida per identificare cosa sia il Software as a Service, quali siano i potenziali vantaggi, le necessità tecnologiche e le diverse opzioni di licenza che questo nuovo modello di buisness sta portando al mondo del software. In chiusura, con un'intervista a Marco Costa Territory Sales Manager di SafeNet Italia, cercheremo di dare uno sguardo più attinente al panorama attuale e alla situazione italiana.

 
^