VMware: la direzione è sempre più quella del cloud

VMware: la direzione è sempre più quella del cloud

Cloud computing sta diventando una parola d'ordine nel panorama IT. Se da un lato mette a disposizione dei consumatori la possibilità di fruire di nuovi servizi e modelli d'uso dei dispositivi, dall'altro permette alle aziende di ripensare in maniera più efficiente l'infrastruttura IT. VMware sta camminando a lunghe falcate sulla strada della nuvola

di Andrea Bai pubblicato il nel canale Software
 

Cloud e virtualizzazione: un binomio convincente

Per comprendere quale sia il livello di diffusione del cloud in ambito europeo e nel panorama italiano, ci viene in aiuto un sondaggio commissionato dalla stessa VMware che, raccogliendo le informazioni di 1616 decision maker IT di aziende di piccole e medie dimensioni, di otto Paesi europei (Francia, Germania, Italia, Olanda, Polonia, Russia, Spagna e Regno Unito), permette di mettere in luce interessanti tendenze. La ricerca è stata realizzata tra il 26 gennaio e il 16 febbraio 2011.

In Europa il 73% delle piccole e medie imprese ha già virtualizzato parte della propria infrastruttura IT, mentre il 60% ha adottato almeno in maniera parziale soluzioni di cloud computing. Sul totale delle PMI che hanno vritualizzato la propria infrastruttura IT, il 79% ha trasferito sul cloud parte dell'infrastruttura o delle applicazioni, mentre la percentuale scende all'8% nel caso delle aziende che ancora non fanno uso di soluzioni di virtualizzazione: si evince pertanto che le aziende che hanno già avuto a che fare con la virtualizzazione si sono mostrate maggiormente propense a ad abbracciare il paradigma del cloud computing.


Alberto Bullani, Regional Manager VMware Italy

In particolare, lo studio ha messo in evidenza un legame diretto tra la virtualizzazione e la propensione dell'impresa ad adottare il cloud computing: nello specifico, le aziende che hanno già adottato la virtualizzazione hanno trasferito nel cloud la propria infrastruttura IT con un tasso doppio rispetto alle aziende non virtualizzate e, in particolare, l'86% del campione europeo che fa uso di soluzioni cloud sostiene che la presenza di un'infrastruttura virtualizzata abbia permesso di semplificare le operazioni di adozione di soluzioni cloud.

Fino ad ora abbiamo citato i dati raccolti a livello europeo. Cosa accade, invece, spostando l'attenzione sul suolo italiano? Contrariamente a ciò che possa suggerire il pregiudizio, anche nel Bel Paese i paradigmi di virtualizzazione e cloud godono di una discreta diffusione: il 77% delle PMI italiane facenti parte del campione ha virtualizzato almeno parte della propria struttura tecnologica ed il 69% di queste ha già trasferito alcuni elementi del proprio ambiente IT nel cloud. Sul totale delle PMI italiane intervistate dal sondaggio, il 56% ha già adottato soluzioni di cloud. Delle aziende che ancora non hanno adottato la virtualizzazione, il 9% ha però adottato soluzioni cloud. In Italia è il 71% delle PMI a sostenere che la virtualizzazione ha semplificato l'adozione del cloud.

Il sondaggio commissionato da VMware consente inoltre di capire in che modo sia stato fatto uso della virtualizzazione e del cloud. Delle imprese europee che hanno trasferito sl cloud parte della propria infrastruttura, il 56% ha migrato le risorse storage, che diviene così l'elemento più comune spostato sul cloud. Al capo opposto vi sono invece le risorse di cloud ed il desktop computing, rispettivamente spostati dal 33% e dal 27% delle MI europee, che rappresentano gli aspetti che meno sono stati portati sul cloud. Sul fronte degli applicativi sono invece le soluzioni di gestione dell'email e i generici programmi da ufficio ad essere più frequentemente trasferiti sul cloud con, rispettivamente, il 61% ed il 45% delle imprese che usano il cloud.

Stando ai risultati del sondaggio sembra pertanto che il mondo delle PMI sia riuscito a superare i dubbi e le perplessità legate all'utilizzo del cloud. Le aziende sembrano pertanto averne compreso gli aspetti, muovendosi con maggiore convinzione in direzione del cloud. Si tratta comunque di un primo passo, in quanto l'adozione di cloud e virtualizzazione è delimitata, nella stragrande maggioranza dei casi, solamente ad alcune aree e le aziende si troveranno presto nella necessità di estendere il paradigma ad altri ambiti del contesto aziendale al fine di poter sfruttare al massimo le potenzialità del cloud computing. E, in questo processo, particolare attenzione dovrà essere posta nei confronti della virtualizzazione.

Le motivazioni che spingono le aziende all'adozione di soluzioni di cloud computing sono principalmente rappresentate da una riduzione dei costi ulteriore che si va ad aggiungere ai risparmi che già è stato possibile ottenere con la virtualizzazione. Tuttavia un quarto delle imprese riconosce che la virtualizzazione ha dato modo di semplificare l'implementazione di nuove applicazioni e di nuovi servizi, ed una stessa proporzione ritiene il cloud computing latore degli stessi pregi. Non solo efficienza, pertanto, che è sempre stata ritenuta la principale driver di scelta, ma anche flessibilità a seguito dell'implementazione.

 
^