SecureNet3: la tua LAN in una black box

SecureNet3: la tua LAN in una black box

SecureNet 3 vuole essere una risposta ai problemi legati alla connettività ed alla sicurezza informatica, all'interno di piccole o medie aziende. Una scatola nera con Linux Debian che fa da guardiano; amministrazione e upgrade da remoto

di Fabio Boneschi pubblicato il nel canale Software
 

Impressioni d'uso - Conclusioni

Abbiamo ricevuto il SecureNet 3 con i parametri di rete preimpostati e pronto all'uso; il nostro scetticismo iniziale è stato fugato da un'installazione ridotta al semplice collegamento di alimentazione e cavi di rete.
Impostando sui vari pc della LAN i nuovi parametri relativi a DNS, e Gateway era già possibile navigare, mentre per utilizzo di posta eletTronica (da server remoto o da SecureNet 3) è necessario intervenire a livello di configurazione, utilizzando l'interfaccia web.

Ci permettiamo di segnalare, come unica lacuna del prodotto, proprio l'interfaccia di configurazioni web, che in alcuni casi è molto prolissa (non sempre l'utente ha voglia di leggersi pagine di testo), mentre in altri non mostra in modo evidente i vari strumenti.

Il servizio antispam ci è parso ben tarato, nessun problema o anomalia da segnalare, mentre l'antivirus lato server è per me la "soluzione definitiva" per fugare ogni possibile infezione proveniente dalla posta elettronica.
Molto interessanti le funzionalità di statistica, che forniscono chiare indicazioni sulla mole di traffico della propria connessione, ma anche di specifiche postazioni; in ambito aziendale è quindi possibile realizzare anche una sorta di controllo sulle attività del personale.

Il costo del prodotto (circa 1100 Euro iva inclusa) non è propriamente basso se ci si limita ad analizzare il solo hw acquistato, ma risulta equo considerando anche l'assistenza remota garantita da IdeaSoft..che per il target a cui questo prodotto è rivolto, è di fondamentale importanza.
In questi giorni di prove ho avuto modo di confrontarmi con varie persone, le quali erano più o meno convinte da un prodotto quale il SecureNet 3; la critica che più volte è stata sollevata è la seguente: "con una qualsiasi distribuzione linux posso farlo, anzi ne esistono alcune già pronte su cd rom o floppy".
Critiche assai lecite, infatti con un hw minimo (investimento molto basso), è possibile raggiungere il medesimo risultato; bisogna però avere le capacità per farlo ed anche possedendo tali caratteristiche bisogna avere il tempo per installare e configurare il tutto. In questa situazione non si potrà nemmeno contare su un servizio assistenza, capace di risolvere problemi e malfunzionamenti.

Il SecureNet 3 è quindi la soluzione fatta, finita, garantita e mantenuta che vuole lasciare all'utente il solo compito di premere il tasto Power!.

Ulteriori informazioni sono disponibili a questo indirizzo. Ringraziamo il carissimo Elminister per la collaborazione prestata.

39 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
elminister01 Dicembre 2003, 10:53 #1
Se avete delle domande riguardanti il securenet fatele! vi rispondo io
cionci01 Dicembre 2003, 11:28 #2
Rispetto ad IPCop ha in più solamente l'antispam e l'antivirus... Anche se non è poco !!!
TheSlug01 Dicembre 2003, 12:28 #3
una schedina di rete low profile in piu' per la DMZ io l'avrei messa.
avrebbe aumentato la versatilita'

BYE

TSL
Mr.Gamer01 Dicembre 2003, 14:54 #4
mi piace molto l'idea...
prodotto fenomenale a mia vista
+Benito+01 Dicembre 2003, 15:04 #5
non mi piace che non instradi la posta verso il server remoto...uno che riceve posta dal collega puo' leggerla solo in azienda?
elminister01 Dicembre 2003, 15:15 #6
allora rispondo un po a queste domande:
per la seconda scheda di rete cè un problema...
come scheda madre si usa la via epia che ha solo una pci, quindi quando uscira in volumi una nuova epia cl con a bordo 2 schede di rete si potrà vedere anche l'eventualità di una DMZ.
per benito: la posta viene gestita internamente per 2 motivi: 1 se tutta la posta viene gestita esternamente ci sarebbe un'enorme traffico in piu, (conosco un'azienda con la rete in tilt perchè si mandavano un screensaver da 30mb come allegato) 2 le aziende con abbonamenti hdsl con pagamento a Mb ne saranno contente!!!
S3N01 Dicembre 2003, 15:25 #7
Sono un pò scettico su questo prodotto. Con 100€ ho acquistato un pc usato simile (tranne che per l'hd meno capiente) proprio per adibirlo a server (sempre on debian). Risultato: 1000€ risparmiati, tante cose nuove imparate con la possibilità di saper dove mettere le mani se ci sono problemi. Altro che accesso in remoto, passwd di aministratore sconosciuta....
elminister01 Dicembre 2003, 15:42 #8
Scusa S3N ma forse non hai capito il target di questo oggetto...di sicuro non è indirizzato a persone ma ad aziende, poi di sicuro non a aziende con sistemisti capaci di farselo da soli, ma magari con sistemisti che non hanno tempo da perdere
S3N01 Dicembre 2003, 15:52 #9
Certo hai ragione, ma se fossi un azienda ( ) darei un pò più importanza ai dati che tratto. Sarà per il fatto che le connessioni in remoto gestite da terzi mi hanno sempre fatto rabbrividire...
elminister01 Dicembre 2003, 15:58 #10
non ti preoccupare... conosci ssh? (penso di si) i dati sono criptati!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^