Linksys A+G nuove opportunità per il Wi-Fi

Linksys A+G nuove opportunità per il Wi-Fi

Linksys ha da poco iniziato la commercializzazione in Italia di prodotti in grado di supportare entrambi gli standard wi-fi 802.11a e 802.11g. Analizziamo le nuove opportunità create da questo tipo di soluzioni, cercando di individuare pregi e difetti di entrambi i protocolli

di Fabio Boneschi pubblicato il nel canale TLC e Mobile
 

Introduzione

Nell’emergente panorama delle soluzioni wi-fi, da qualche mese hanno fatto capolino alcuni prodotti in grado di supportare le tre versioni, a-b-g, dello standard IEEE802.11.
Agli albori del wi-fi lo standard 802.11a alle nostre longitudini era stato indicato come il riferimento, in virtù della maggior velocità di trasferimento garantita che da subito era pari a 54Mbps.

Arrivò poi l’ormai diffusissimo standard 802.11g, versione compatibile con le soluzioni “b” ma capace di garantire prestazioni velocistiche superiori; questo standard prese piede anche negli USA area in cui in precedenza era diffusissimo lo standard a.

In una fase iniziale si pensò che mai in Europa o in Italia si potesse arrivare all’utilizzo della versione “a” infatti a livello di prestazioni lo standard 802.11g offre pari velocità e sul fronte della copertura offre anche migliori garanzie.
Un’ulteriore ostacolo era poi l’ambito normativo, infatti la bada dei 5GHz in Italia era destinata ad altri usi ed eventuali installazioni erano da ritenersi illegali.

Su quest’ultimo fronte le cose sono cambiate grazie alle recenti modifiche fatte dal legislatore e caldeggiate dalla stessa Unione Europea; la banda usata dallo standard 802.11a è utilizzabile anche da privati e tutto il settore della connettività wireless ha nuove opportunità. Per avere la certezza che un determinato dispositivo possa essere utilizzato è disponibile un apposito elenco gestito dal Ministero delle Comunicazioni.

 
^