Notebook Toshiba Tecra A11, semplicità e concretezza

Notebook Toshiba Tecra A11, semplicità e concretezza

Per il professionista alla ricerca di un sistema portatile solido e concreto, Toshiba propone Tecra A11. Un notebook che concede ben poco al design, badando invece a sostanza, robustezza e compatibilità

di Fabio Boneschi, Fabio Gozzo pubblicato il nel canale TLC e Mobile
Toshiba
 

Descrizione

Tecra A11 già a colpo d'occhio appare come un prodotto diverso rispetto ai portatili tipicamente provati in redazione: le scelte del design sono all'insegna della funzionalità e della resistenza, detto questo lo spessore del display non deve stupire. Siamo di fronte a uno strumento di lavoro destinato non a top manager con esigenze di elevata mobilità e compattezza, per questo target di utenti c'è la ben nota serie Portégé.

Per questo PC da lavoro Toshiba ha scelto un pannello retroilluminato a LED da 15,6 pollici con risoluzione di 1366x768 pixel e con finitura opaca: grazie a tale accorgimento vengono evitati i tipici riflessi dei pannelli lucidi che sono uno degli aspetti più fastidiosi a cui si va spesso incontro utilizzando il portatile in condizioni di luce non ideale. Nella parte superiore della cornice del display è inserita una webcam da 1,3 Mpixel che può anche essere utilizzata per il riconoscimento facciale e il login dell'utente.

Il coperchio del display, come anche tutte le altre superfici intorno alla tastiera, hanno una finitura opaca pressoché immune da graffi o ditate, inoltre in linea di massima il prodotto pare ben costruito, senza eccessive flessioni e privo di particolari delicati. Anche i 5 pulsanti collocati vicino alle cerniere del display si fanno notare per la loro essenzialità.


La tastiera è di tipo tradizionale, non ad elementi isolati, ed appare piuttosto robusta. Anche per il Tecra A11 Toshiba ha scelto di utilizzare una tastiera resistente al versamento accidentale di liquidi: qualora si dovesse verificare questo inconveniente è prioritario spegnere quanto prima il PC estraendo anche la batteria. Sul lato destro è stato integrato il tastierino numerico.

Il touchpad è ben evidenziato da una cornice mentre al centro dei due tasti di selezione è stato inserito un lettore di impronte digitali utile per implementare sul notebook eventuali restrizioni nell'accesso ai dati. Come si può notare dall'immagine precedente, l'area poggiapolsi è realizzata con una finitura opaca difficilmente rovinabile con graffi e pressoché immune da antiestetiche ditate.


Sul lato frontale è posizionato un card reader che supporta i formati Secure Digital, Memory Stick e Memory Stick Pro, ed un commutatore a slitta per abilitare le funzionalità wireless del Tecra A11; poco distanti sono collocati due LED utili per controllare visivamente lo status delle connessioni wireless.

I due lati e il retro del notebook accolgono un'ampia gamma di soluzioni per il collegamento di periferiche tra cui segnaliamo un connettore eSATA, un'uscita mini-Display port e tre porte USB 2.0 con tecnologia Sleep-and-Charge. Tecra A11 è inoltre dotato di una porta seriale la cui utilità è limitata a pochi e specifici ambiti professionali.

 
^