Notebook Toshiba Tecra A11, semplicità e concretezza

Notebook Toshiba Tecra A11, semplicità e concretezza

Per il professionista alla ricerca di un sistema portatile solido e concreto, Toshiba propone Tecra A11. Un notebook che concede ben poco al design, badando invece a sostanza, robustezza e compatibilità

di Fabio Boneschi, Fabio Gozzo pubblicato il nel canale TLC e Mobile
Toshiba
 

Conclusioni

Abbiamo analizzato il Tecra A11 sotto vari aspetti occupandoci delle caratteristiche hardware, di alcune peculiarità relative alla gamma professionale Toshiba e infine delle prestazioni offerte dal sistema. Il quadro che si compone in sintesi appare equilibrato: autonomia e prestazioni non sono da record ma comunque adatte al target specifico del prodotto, mentre qualità costruttiva e cura dei particolari sono di prim'ordine.

Per il Tecra A11 la completezza di porte di espansione è un elemento determinante, a cui si deve aggiungere una buona costruzione generale, con particolare attenzione ai dettagli più soggetti al danneggiamento e all'usura nel tempo. Anche sul piano della sicurezza Tecra A11 mette a disposizione tutti gli strumenti veramente necessari per un utilizzo professionale.

Per quanto riguarda il display sottolineiamo ancora una volta l'elevato livello massimo della luminosità che consente un comodo utilizzo del portatile anche in ambienti molto luminosi. Il listino ufficiale Toshiba prevede per questo modello un costo pari a 869 Euro IVA inclusa, sebbene siano presenti nei rivenditori online consultati cifre anche inferiori.

La destinazione d'uso di Toshiba Tecra A11 è abbastanza ampia: le caratteristiche tecniche e costruttive non lo collocano ai vertici di nessuna categoria, ma lo rendono un portatile in grado di coprire svariate esigenze lavorative che vanno dall'utilizzo in ufficio così come in movimento, laddove si necessiti di un sistema senza compromessi in fatto di connettività e robustezza. Il design, tutto sommato spartano se confrontato a modelli più attenti allo stile, passa in secondo piano rispetto alla praticità e alla resistenza meccanica.

Apprezzabile, per fare un esempio, la presenza di una porta seriale e uscita video VGA 15 pin. Se tali porte, in ambito consumer, farebbero passare il Tecra A11 per un portatile di vecchia concezione, sono diverse le problematiche che tali porte possono risolvere in ambiti più prettamente lavorativi. La presenza di un gran numero di videoproiettori dotati di cavo VGA 15 pin, sparsi per una moltitudine di hotel e uffici in tutta la penisola, ne è un esempio.

Non solo: spesso emerge la necessità di interfacciarsi attraverso porta seriale con macchinari che non subiscono certo il tasso di aggiornamento del mondo IT, come ad esempio molti apparecchi in ambito meccanico e strumenti all'interno di laboratori. Apparecchi con magari una decina di anni alle spalle ma perfettamente funzionanti, dotati però di tecnologia non certo aggiornata al presente.

Toshiba Tecra A11 può essere considerata una macchina da lavoro on-the-go, magari per chi fa assistenza tecnica, senza però rinunciare alle normali caratteristiche di un PC portatile, pur con i compromessi in termini di peso e design, sacrificati in parte in nome della robustezza e della concretezza.

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
carlone8830 Giugno 2010, 23:23 #1
ma la porta seriale!?!?!? ma oggi che cosa ci si connette alla seriale!?
profetico30 Giugno 2010, 23:40 #2
Non sai quanto è importante nel mondo professionale la porta seriale, se hai a che fare con l'universo siemens, in particolar modo con la famiglia 840D di controlli numerici la porta seriale non è una opzione ma di fatto l'unico modo efficace per poter connettersi al sistema, certo non è l'unico standard, ma di fatto è una interfaccia ancora profondamente radicata nel mondo industriale, in special modo nel controllo di processo.
Poi il mondo in molti casi si evolve verso ethernet, però considerando che spesso usb è in secondo piano la seriale è una necessità.
Inoltre se hai a che fare non con la messa in servizio ma con la manutenzione di impianti la seriale a maggior ragione è un obbligo e per quanto possano esserci schede pcmcia per offrire queste connessioni sicuramente averla integrata onboard la valuto una soluzione assolutamente valida.
Ricorda che comunque la fascia è professionale, lo vedo un prodotto decisamente appetibile ad esempio per chi come me ha necessità di una RS232 e cerca pc proprio come questi.
baruk01 Luglio 2010, 08:31 #3
Originariamente inviato da: profetico
Non sai quanto è importante nel mondo professionale la porta seriale, se hai a che fare con l'universo siemens, in particolar modo con la famiglia 840D di controlli numerici la porta seriale non è una opzione ma di fatto l'unico modo efficace per poter connettersi al sistema, certo non è l'unico standard, ma di fatto è una interfaccia ancora profondamente radicata nel mondo industriale, in special modo nel controllo di processo.
Poi il mondo in molti casi si evolve verso ethernet, però considerando che spesso usb è in secondo piano la seriale è una necessità.
Inoltre se hai a che fare non con la messa in servizio ma con la manutenzione di impianti la seriale a maggior ragione è un obbligo e per quanto possano esserci schede pcmcia per offrire queste connessioni sicuramente averla integrata onboard la valuto una soluzione assolutamente valida.
Ricorda che comunque la fascia è professionale, lo vedo un prodotto decisamente appetibile ad esempio per chi come me ha necessità di una RS232 e cerca pc proprio come questi.


Avercene ancora di PC/NB con porte seriali e parallele. La maggior parte della strumentazione da laboratorio degli enti di ricerca italiani è molto "anziana" ed è abituata a questo tipo di porte di comunicazione. Molti prodotti nel campo dell'elettronica poi usano questa porta per operazioni di manutenzione/configurazione.
Baboo8501 Luglio 2010, 10:02 #4
Originariamente inviato da: carlone88
ma la porta seriale!?!?!? ma oggi che cosa ci si connette alla seriale!?


Scherzi? Qui dove lavoro io da poco, nel campo di automazione e' stra-utilizzata, come dice anche Profetico. Se non sbaglio e' anche semplice da usare per la programmazione.

Quello che non capisco in questo articolo e' il confronto tra Core i3, Core i5 e Core i7... Cioe' e' come confrontare un Celeron Dual Core vs Core2Duo vs Core2Quad... Che utilita' ha quel test?
demon7701 Luglio 2010, 10:36 #5
Originariamente inviato da: Baboo85
Quello che non capisco in questo articolo e' il confronto tra Core i3, Core i5 e Core i7... Cioe' e' come confrontare un Celeron Dual Core vs Core2Duo vs Core2Quad... Che utilita' ha quel test?


beh, vero che un confronto con un'altro i3 simile sarebbe stato utile però anche il confronto fatto serve a capire che pur essendo un portatile votato ai bassi consumi ha una potenza che chiamerei di tutto rispetto!
avvelenato01 Luglio 2010, 11:13 #6
a me la seriale è indispensabile per configurare gli switch, però è anche vero che un'adattatore usb->seriale costa neanche 10 euro ed è più pratico di comprarsi un cassone di 3kg. (basterebbe fornirlo di serie su tutti i business laptop....)
StyleB01 Luglio 2010, 12:47 #7
dio che non ho tirato giù per colpa di una seriale... il pin perennemente storto ma allo stesso tempo muovendosi difianco alla macchina non rischiavo flessioni e distaccamenti del cavo accidentali (cosa che capita spesso sulle usb e che non deve capitare per nulla al mondo su un cnc o in ambito scientifico) personalmente la vedo più che ottima onboard ma l'avrei anche coperta con un pannellino (tipo nei rought)
efewfew01 Luglio 2010, 14:33 #8
Originariamente inviato da: carlone88
ma la porta seriale!?!?!? ma oggi che cosa ci si connette alla seriale!?


A parte i commenti sopra che condivido pienamente, io ho dei terminali per la gestione delle timbrature da programmare e funzionano in seriale ma non perchè sono vecchi, per mè può andare avanti così per anni ancora, la porta seriale per questi usi non è vecchia.

E poi i router, firewall appliance & co. come Cisco, 3Com, etc.. hanno tutti una porta seriale per la connessione in console, e non perchè sono vecchi.

A lavoro abbiamo un portatile Acer e un vecchio Tecra per queste cose, mi sono sempre chiesto perchè tolgano la seriale dai notebook business (e anche perchè mettano gli schermi 16:9 quando già con i 16:10 avevano raggiunto il limite. Io in orario di lavoro mica guardo i dvd). E mi dovrei portare via un pc fisso per andare a configurare un router o ad aggiornare il firmware ad un timbratore?
profetico01 Luglio 2010, 22:33 #9
Gli usi della seriale sono tantissimi e non è un interfaccia assolutamente superata. O meglio mi vien da dire che rappresenta a livello industriale forse l'unico vero standard cross-platform.
Per intenderci per usb è necessario un driver e la maggior parte dei dispositivi che si interfacciano tramite USB (nel mio campo siemens logo! ne è un esempio), alla fine bisogna installare un driver che fa una conversione RS232-USB.
Il futuro probabilmente sarà industrial ethernet (o ethernet a seconda del campo di applicazione) però la cara rs232 è mitica e insostituibile a tuttora.
Certo alcuni piccoli accorgimenti li condivido (come un piccolo sportellino o una protezione per i pin (muovere il portatile in certi ambienti è veramente ostico e pericoloso per i piedini di una porta seriale) inoltre anche l'osservazione sul display è più che legittima. Lavorare su alcuni software con la verticale di questi display riduce un poco la produttività costringendo a ridurre spazi a tab o schede di alcuni software per avere almeno uno spazio sufficende alla finestra principale di programmazione.
Inoltre non capisco questa risoluzione, legittima, però una 1440X900 in 16:10 o una 1600x900 in 16:9 (cosa non impossibile perchè un portatile sony commerciale ne è dotato ed il prezzo è allineato più o meno) offre spazio in più senza compromettere la leggibilità.
Nulla da eccepire per la batteria invece, le 8 ore qui sono inutili, se lavori in ambito informatico presumo che se è necesario un tempo superiore alle 4 ore non sarà un problema trovare una presa per alimentare, mentre in ambito industriale il portatile ha prettamente un uso di mobilità del terminale, altrimenti i quadri elettrici generalmente hanno prese praticamente per quest'uso.
mayoyo03 Settembre 2010, 11:30 #10
ma questi tecra non hanno porte hdmi (poco male) ma non hanno neanche slot per schede pcmcia o cardbus?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^