Toshiba Portégé R700: un notebook per l'utenza business

Toshiba Portégé R700: un notebook per l'utenza business

In occasione del venticinquesimo anniversario dell'ingresso nel mondo dei PC portatili, Toshiba presenta il nuovo Toshiba Portégé R700, un notebook estremamente leggero e potente pensato per l'utenza professionale

di Fabio Gozzo pubblicato il nel canale TLC e Mobile
Toshiba
 

Uno sguardo al sample - Parte 1

Come abbiamo già detto in precedenza, il portatile che ci è giunto in redazione è un engineering sample, ovvero un esemplare pre-produzione che potrebbe differire per alcune caratteristiche da quella che sarà la versione finale del notebook. Fortunatamente l'esemplare in nostro possesso sembra essere già un prodotto abbastanza maturo e ciò ci consente di iniziare a trarre alcune considerazioni che, con buona approssimazione, saranno valide anche per il prodotto finale.

Dal punto di vista estetico il Toshiba Portégé R700 si presenta con una linea particolarmente sobria e sottile. Il notebook si basa infatti su un form-factor da 13,3 pollici ed ha uno spessore di appena 16,8 millimetri. Il peso del sample, comprensivo della batteria a 6 celle, è di circa 1,2Kg, ma va considerata l'assenza dell'unità ottica, che sarà invece presente sui modelli definitivi. Per rendere la sottilissima cover del portatile più resistente ed elegante, Toshiba ha scelto di realizzarla in lega di magnesio con una finitura di color nero opaco leggermente spazzolata che la rende praticamente immune a graffi e ditate.

Lo chassis del portatile è realizzato invece con materiali plastici caratterizzati dalla stessa finitura lucida della cover. In generale la qualità costruttiva risulta decisamente buona, tuttavia la cover del display è a nostro avviso troppo flessibile. Abbiamo inoltre notato che la batteria, una volta montata, ha un certo gioco, ma dopotutto va ricordato che il notebook con cui abbiamo a che fare è solamente un prototipo e sicuramente Toshiba provvederà ad eliminare tale difetto prima di commercializzarlo.

Essendo pensato per l'utenza prettamente business, il notebook è dotato di un display LCD retroilluminato a LED con finitura opaca. Il pannello ha una diagonale di 13,3 pollici ed offre una risoluzione pari a 1366x768 pixel. Come di consueto la cornice del display ospita gli immancabili microfono e webcam VGA integrati.

Il peso ridotto del notebook da una sensazione di estrema delicatezza, ma all'atto pratico la zona poggia polsi e la tastiera risultano sorprendentemente robusti: Toshiba ha infatti utilizzato una struttura a nido d'ape che rende lo chassis estremamente resistente. Per quanto riguarda la tastiera, è stata scelta una soluzione con tasti ad isola di dimensioni standard estremamente confortevole.

Al di sotto della tastiera, in posizione leggermente decentrata sulla sinistra, troviamo il touchpad. Il sistema di puntamento scelto da Toshiba è dotato di un pulsante che consente di attivarne/disattivarne il funzionamento e supporta pienamente le funzionalità multi-touch. All'atto pratico il touchpad risulta estremamente preciso, tuttavia utilizzandolo abbiamo individuato un altro piccolo problema di gioventù di questo sample: dando il classico colpetto con il dito per simulare la pressione del tasto sinistro del mouse abbiamo notato che le plastiche emettono un fastidioso scricchiolio, dovuto alle vibrazioni generate.

Tra il bottone sinistro e quello destro del mouse è inoltre presente un lettore di impronte digitali, che può essere utilizzato per limitare l'accesso al proprio account utente di Windows; in alternativa, oltre all'utilizzo della tradizionale password, Toshiba offre la possibilità di sfruttare la funzionalità di face detection della webcam per proteggere il proprio account.

Per quanto riguarda l'espandibilità del sistema, tutti connettori sono posizionati lungo i due profili laterali del portatile. A sinistra troviamo il connettore per l'alimentazione, 1 porta USB 2.0, una porta ibrida eSATA/USB 2.0, le uscite video HDMI e VGA ed una feritoia attraverso la quale viene espulso il calore generato dalla CPU.

Sul profilo destro sono invece presenti 1 connettore di rete LAN Gigabit Ethernet, un'altra porta USB 2.0, i connettori audio jack da 3,5 millimetri per cuffie e microfono, ed un card reader compatibile con diversi formati di schede di memoria. Nei notebook che verranno immessi in commercio buona parte dello spazio inutilizzato del profilo destro sarà occupato dall'unità ottica.

Sul fondo del portatile troviamo infine un'ulteriore connettore che consente di collegare il portatile ad una docking station; tale possibilità è estremamente apprezzata dai professionisti poiché consente di utilizzare il notebook come un tradizionale PC da scrivania e all'occorrenza di poter tornare ad utilizzarlo come un normale portatile semplicemente scollegandolo dalla docking station.

 
^