Sicurezza informatica: uno sguardo al mondo mobile

Sicurezza informatica: uno sguardo al mondo mobile

La proliferazione di smartphone e tablet fa crescere in numero e varietà i rischi legati alla sicurezza degli ambienti mobile. In questa seconda puntata sul tema della sicurezza informatica osserveremo più da vicino il mondo mobile

di Andrea Bai pubblicato il nel canale TLC e Mobile
 

Un fenomeno in continua espansione

Osservando la situazione da una più ampia prospettiva, si prevede che durante il 2013 a livello mondiale gli utenti che utilizzeranno un dispositivo genericamente "mobile" per collegarsi alla rete supereranno in numero coloro i quali vi si connettono da una postazione fissa. Si tratta di dati importanti, soprattutto pensando che fino a non molto tempo fa l'utenza l'accesso ad Internet tramite una connessione mobile era possibilità di una nicchia di pochi individui, non solo in Italia, ma anche nel resto del mondo.

Un elemento di svolta nella mondo della connettività mobile è stato rappresentato dall'avvento sul mercato di iPhone di Apple, nel giugno del 2007. Sebbene già allora esistessero molti dispositivi capaci di collegarsi alla rete in mobilità, è stato solo con il cellulare di Apple che lo sfruttamento della connettività mobile, forse per la possibilità di disporre un modello d'uso e di fruizione nuovo, ha iniziato a crescere in maniera esponenziale rivoluzionando il mondo consumer e quello aziendale.

A ciò va aggiunta la diffusione dei social network, avvenuta in un periodo grossomodo parallelo a quello dell'esplosione della connettività mobile. Entrambi sono fenomeni che si alimentano a vicenda: i social network, in particolare, hanno creato ed instillato negli utenti l'esigenza (se non, addirittura, l'ossessione) di una costante presenza sul web, portando così le persone ad ampliare non solo il tempo trascorso online, ma anche il numero e la tipologia di dispositivi con i quali si collegano con la conseguenza di assottigliare e sfumare la differenza tra i dispositivi personali e quelli professionali.

Infine il successo di quei dispositivi che rientrano nella categoria tablet PC, con Apple ed il suo iPad che anche in questo caso sono stati la forza motrice di questo fenomeno. Aspetto ancor più importante è l'attenzione a loro riservata da parte dell'utenza di professionisti e manager, che hanno di riflesso permesso a questa tipologia di device di varcare i confini aziendali.

Smartphone e tablet, insomma, sono entrati prepotentemente nella vita di tutti i giorni, modificando le nostre abitudini e rappresentando sempre di più un vero e proprio "compagno di viaggio" in moltissime situazioni, personali e professionali. Si tratta di strumenti che per loro natura possono venire in contatto con informazioni e dati estremamente sensibili e riservati e che, per questo motivo, rappresentano un obiettivo ideale per la criminalità organizzata ed i malintenzionati.

 
^