Agenda Digitale Italiana: parliamone, tutti

Agenda Digitale Italiana: parliamone, tutti

Una ricerca condotta dall'ISPO evidenzia come il tema dell'Agenda Digitale sia noto solamente ad una minoranza della popolazione, sebbene si tratti di un argomento che potrà presto toccare, e migliorare, la vita quotidiana di tutti noi

di Andrea Bai pubblicato il nel canale TLC e Mobile
 

Introduzione

Nelle scorse settimane l'istituto demoscopico ISPO ha pubblicato i risultati di una ricerca commissionata da Cisco Italia, che ha voluto indagare quanto sia approfondita la conoscenza che gli Italiani hanno sul tema dell'Agenda Digitale e di verificare le percezioni ad esso correlate, più in generale sul tema della digitalizzazione in Italia.

La ricerca è stata condotta durante il mese di ottobre 2012 rivolgendosi ad un campione di circa 800 individui composto in maniera tale da rappesentare statisticamente la popolazione residente in italia, e con un approfondimento ulteriore effettuato presso un campione di 100 cosiddetti "opinion maker", ovvero coloro i quali rappresentano dei "testimoni privilegiati" all'interno della società per via della loro esperienza professionale. Tra questi vi sono analisti finanziari, accademici, imprenditori, esponenti del mondo politico e via discorrendo.

I termini "Agenda Digitale" circolano da un tempo relativamente breve nel nostro Paese. Se proviamo infatti ad inserire questi termini in Google Trend ci accorgiamo di come, limitatamente all'Italia, non sono mai state condotte ricerche su questi termini prima degli ultimi mesi del 2010 e vediamo che anche nei mesi seguenti l'interesse attorno questo tema è stato piuttosto contenuto, ad eccezione di due picchi di ricerca in corrispondenza dei mesi di aprile 2012 e di ottobre 2012. Cerchiamo, seguendo proprio la linea tracciata da questo grafico, di ripercorrere la breve storia dell'Agenda Digitale in Italia arrivando fino ad oggi.

E' in occasione dello IAB Forum 2010 che nella serata del 2 novembre si riuniscono sette tra le personalità più attive e vivaci del web italiano (Andrea Di Sorte, Marco Fromento, Peter Kruger, Francesco Sacco, Stefano Quintarelli, Vittorio Zambardino e Marco Zamperini) discutendo, durante quella che in seguito verrà simpaticamente chiamata la sera del "Brodo Party", della necessità di sensibilizzare l'opinione pubblica ma soprattutto la politica sul tema dell'agenda digitale, dopo che la Commissione Europea ha individuato nella digitalizzazione uno degli strumenti fondamentali per agevolare l'uscita dalla crisi e su cui basare il rilancio economico e sociale.

 
^