BlackBerry: colpo di coda con il nuovo CEO John Chen?

BlackBerry: colpo di coda con il nuovo CEO John Chen?

John Chen ha deciso di dare una netta sterzata rispetto alla gestione precedente di BlackBerry, tornando a focalizzare l'attenzione sui core business dell'azienda canadese

di Roberto Colombo pubblicato il nel canale TLC e Mobile
BlackBerry
 

QNX, BBM, tastiera: le basi per il futuro

BlackBerry nel 2014 tornerà a una strategia più focalizzata alla penetrazione dei suoi sistemi (BlackBerry Enterprise Server in testa) in ambito aziendale e cercherà di risparmiarsi costose trovate pubblicitarie come quella di ingaggiare Alicia Keys come direttore creativo - uno degli annunci che avevano caratterizzato il lancio di BlackBerry 10 -: anzi, per mettere a disposizione liquidità BlackBerry ha messo in vendita alcune proprietà, tra cui 5 edifici con terreno annesso che sono stati ceduti a una vicina università canadese per 41 milioni di dollari. La situazione finanziaria è comunque molto buona e il colosso canadese può ancora contare su un patrimonio di 3 miliardi di dollari, che garantisce la possibilità di superare i momenti difficili e tornare alla redditività.

Nei pilastri che il nuovo CEO pone alla base del nuovo corso di BlackBerry troviamo due oggetti che hanno fatto la storia della piattaforma: la tastiera e BlackBerry Messenger. La tastiera, anche nell'era del touchscreen, rimane un punto cruciale per BlackBerry: "BlackBerry ha investito anni di ricerca e sviluppo per creare la migliore tastiera mobile e questa continuerà ad essere un obiettivo centrale per noi". In molti, una volta passati ai terminali full touch, rimpiangono l'esperienza di scrittura della tastiera BlackBerry, ma è anche vero che ormai spesso è più importante avere un grande display a disposizione per i compiti da svolgere sullo smartphone tutti i giorni. A questo proposito durante le preview di BB10 aveva impressionato positivamente la tastiera predittiva studiata da BlackBerry, salvo poi dover fronteggiare la concorrenza delle tecnologie swipe, decisamente ormai mature una volta che BlackBerry 10 è arrivato nelle mani del pubblico. Inoltre se funziona molto bene in lingue prive di declinazioni (cone l'inglese) la predizione del testo trova più difficoltà in lingue come l'italiano.

BBM è l'altra freccia nella faretra di John Chen: base del successo consumer di prodotti come BlackBerry 8520, uno degli smartphone più venduti a livello planetario proprio per il servizio di messaggistica istantanea e gratuita prima del decollo di Whatsapp, BlackBerry Messenger si è recentemente aperto alle piattaforme Android e iOS, con grande successo. Il punto cruciale per BlackBerry sarà quello di riuscire a monetizzare il successo dell'espansione di BBM, visto che al momento opera senza generare ricavi.

L'ultimo pilastro - a nostro parere il più importante - è la piattaforma QNX, su cui BlackBerry 10 è costruito. A parte gli ottimi risultati in termini di multitasking offerti da BB10, vero punto di forza del sistema operativo, la base di QNX è una garanzia per il futuro. Prima di divenire 'roba da smartphone' QNX è un sistema nato per equipaggiare applicazioni molto sensibili, come treni, sistemi industriali e carri armati: l'esperienza di QNX può essere fondamentale per mettere BlackBerry in prima fila nella prossima rivoluzione che vedrà la convergenza tra mondo mobile e automobile. Se ne sono avute le prime avvisaglie al CES 2014 di Las Vegas, ma questo sarà certamente uno dei temi caldi del prossimo futuro. Non solo, Chen ha anche dichiarato: "Credo che il computing machine-to-machine sia il modello della prossima decade e siamo in ottima posizione per guidare il gruppo". QNX Embedded Business è già una realtà all'interno di BlackBerry e questo potrebbe rappresentare un vantaggio per l'azienda per saltare sul treno dello sviluppo M2M fin dalla prima ora.

 
^