Roaming zero in Europa dal 15 giugno: ecco tutto quello che c'è da sapere

Roaming zero in Europa dal 15 giugno: ecco tutto quello che c'è da sapere

Dal prossimo 15 giugno chi viaggerà in Europa potrà finalmente usufruire del "roaming zero" ossia non dovrà pagare tariffe speciali per poter chiamare, navigare o messaggiare con gli amici o i parenti. Ecco dunque cosa cambia e a cosa bisogna stare attenti per i viaggi nei paesi della comunità europea.

di Bruno Mucciarelli pubblicato il nel canale TLC e Mobile
VodafoneTIMWIND3 Italia
 

Le regole contro gli abusi del Roaming Zero

L'apertura al Roaming Zero potrebbe portare chiaramente alcuni utenti "più furbi" ad approfittare delle offerte più vantaggiose magari all'estero utilizzando poi le SIM nel proprio paese di residenza grazie all'abbattimento dei costi di Roaming europeo. Ebbene la Commissione Europea chiaramente ha posto delle limitazioni e delle regole che permettono proprio di evitare tale furbate. Innanzitutto non sarà possibile acquistare una SIM in un paese risiedendo in un'altra nazione europea.

Non solo perché gli operatori potranno controllare ogni quattro mesi il traffico dati realizzato dai propri utenti sia nel territorio nazionale che in quello europeo. In questo caso se più del 50% delle chiamate o degli SMS o del traffico dati effettuato è stato realizzato in un paese diverso da quello di residenza all'utente verranno applicate le spese di Roaming. In questo caso chiaramente l'operatore contatterà l'utente chiedendo chiarimenti e in caso di anomalie verranno applicati una maggiorazione di 0.032 Euro + IVA per minuto di chiamata UE quindi 0.01 Euro + IVA per SMS e 7.7 Euro + IVA per ogni GB utilizzato.

Infine da non sottovalutare anche la possibilità di chi, magari per lavoro, viaggia ogni giorno. In tal caso il Roaming Zero potrà comunque essere applicato visto che nell'arco di una giornata l'utente potrà ricollegarsi nel proprio paese di residenza e dunque non verrà conteggiata come percentuale di traffico effettuato all'estero.

20 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
djmatrix61914 Giugno 2017, 16:36 #1
Che bello risiedere in Inghilterra.
Ho aspettato tanto questo momento, e tra poco la BrexIt mi porterá di nuovo via tutto.
Marok14 Giugno 2017, 16:51 #2
Alla buon ora l'Europa ha partorito qualcosa che sia utile a tutti i cittadini e non solo alle banche. Evviva!
\_Davide_/14 Giugno 2017, 17:04 #3
Mi iscrivo...
Quindi se lavoro fuori dall'Italia per 5 giorni alla settimana non solo non me ne faccio nulla, ma non posso nemmeno acquistarmi una sim estera??? (il divieto di acquisto non è scritto sul sito europeo, però, anzi....)

Inoltre sull'articolo c'è scritto:

" Basta infatti dividere il costo mensile del pacchetto nazionale senza IVA (al 22%) per 7.7, che altro non è che il costo massimo di 1GB. Il risultato lo si deve moltiplicare per 2 ottenendo dunque il limite minimo di traffico dati da poter usare all'estero."

Mentre sul sito Europeo non menzionano la moltiplicazione per 2... Che senso avrebbe?

Mi correggo, è solo per chi ha i dati illimitati la moltiplicazione per due... Quindi presumo quasi nessuno ormai!!
variabilepippo14 Giugno 2017, 17:47 #4
<domanda> immagino che il "Roaming Zero" sia valido per il traffico verso le numerazioni italiane e non per quelle "europee"</domanda>

Mi spiego meglio: io vivo in Olanda e qui, già dall'anno scorso, ho chiamate illimitate/gratuite verso [U]qualsiasi numero europeo[/U], indipendentemente da dove mi trovi (Olanda o all'Estero). E questo è ciò che io chiamerei "Roaming Zero", almeno in Europa.

Immagino che il "Roaming Zero" all'italiana si riferisca solo alla possibilità di utilizzare le tariffe previste dal proprio piano telefonico, all'estero. Dunque se sono in vacanza all'estero, con una SIM italiana, se effettuo chiamate verso un numero non italiano, pagherei quanto previsto dal mio piano. Giusto?
Enrico8414 Giugno 2017, 18:14 #5
Originariamente inviato da: \_Davide_/
Mi iscrivo...
Quindi se lavoro fuori dall'Italia per 5 giorni alla settimana non solo non me ne faccio nulla, ma non posso nemmeno acquistarmi una sim estera??? (il divieto di acquisto non è scritto sul sito europeo, però, anzi....)

Inoltre sull'articolo c'è scritto:

" Basta infatti dividere il costo mensile del pacchetto nazionale senza IVA (al 22%) per 7.7, che altro non è che il costo massimo di 1GB. Il risultato lo si deve moltiplicare per 2 ottenendo dunque il limite minimo di traffico dati da poter usare all'estero."

Mentre sul sito Europeo non menzionano la moltiplicazione per 2... Che senso avrebbe?

Mi correggo, è solo per chi ha i dati illimitati la moltiplicazione per due... Quindi presumo quasi nessuno ormai!!


Solo nel caso in cui il tuo gestore ti contatti per applicarti un sovrapprezzo in caso di utilizzo all'estero (a suo dire) non conforme, tu hai 14 giorni di tempo per provare:
Residenza e/o legame stabile nella nazione dell'operatore.
Studenti erasmus, lavoratori frontalieri, lavoratori con frequenti trasferte ecc, sono quindi tutti tutelati dalla nuova normativa e possono scegliere di fare una SIM, a scelta, nella propria nazione di residenza o nel paese dove ha legami stabili e usarle indifferentemente dove vuole senza sovrapprezzi, sempre all'interno dell'Unione.
Per legami stabili si intende ad esempio un appartamento intestato e relative utenze.
ramses7714 Giugno 2017, 19:21 #6

Attenzione

Una delle cose più assurde da un punto di vista logico è che se mi trovo in Europa posso chiamare tutta l'Europa alla stessa tariffa nazionale. Se sono in Italia e chiamo verso l'Europa, a meno di condizioni particolari, continuo a pagare una chiamata internazionale. Per non parlare del fatto che tutti gli operatori stanno rimodulando le tariffe al rialzo e che, con l'arrivo della tariffa a 28 giorni, che hanno fatto passare come un vantaggio per gli utenti, ogni gestore incassa praticamente un mese in più all'anno. Alla faccia della libera circolazione e dei vantaggi!
peppeson14 Giugno 2017, 20:52 #7
Io ho capito che usi le tue soglie solo se ti trovi in un paese europeo e chiami in quello stesso paese o in Italia. Se invece da un paese chiami un altro, no.
totalblackuot7514 Giugno 2017, 22:24 #8
Chissa' cosa inventeranno adesso gli operatori per toglierci altri soldi...
campanella70014 Giugno 2017, 23:49 #9

From Italy with love

Non ho capito: chiamo dall'Italia un numero olandese nei Paesi Bassi; si applica il roaming?
Chiamo dall'Italia un numero italiano nei Paesi Bassi; si applica il roaming?

ramses7715 Giugno 2017, 08:17 #10
@campanella700: il roaming è quando sei agganciato ad un operatore diverso dal tuo. Quello che la pubblicità non dice è che se sei in Italia non sei in roaming e quindi paghi come pagati prima per chiamare all'estero. È logicamente assurdo.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^