217 milioni di tablet consegnati nel 2013, ma la crescita rallenta

217 milioni di tablet consegnati nel 2013, ma la crescita rallenta

Il mercato dei tablet continua a crescere, ma i tassi sono ben inferiori rispetto a quelli degli scorsi anni. L'effetto della saturazione consumer inizia a farsi sentire

di Andrea Bai pubblicata il , alle 13:31 nel canale Mercato
 

La società di analisi di mercato IDC ha elaborato alcune stime preliminari riferite al mercato dei sistemi tablet che dipingono un volume di consegne di 76,9 milioni di pezzi per il quarto trimestre del 2013, segnando una crescita del 62,4% rispetto al trimestre precedente e del 28,2% rispetto al medesimo trimestre del 2012.

Sebbene il tasso di crescita rimanga su livelli decisamente elevati, è comunque sensibilmente inferiore rispetto ai dati anno su anno del quarto trimestre 2012, quando allora la crescita fu dell' 87,1% e indica un significativo rallentamento del mercato nel complesso. Se si considera l'intero 2013, le consegne mondiali di sistemi tablet sono arrivate a 217,1 milioni di unità, con una crescita del 50,6% rispetto ai 144,2 milioni di pezzi del 2012.

Tom Mainelli, Research Director per l'ambito Tablet per IDC, ha commentato: "E' sempre più chiaro che i mercati come gli USA stiano raggiungendo elevati livelli di saturazione e nonostante i mercati emergenti continuino a mostrare una forte crescita, questa non è sufficiente per pareggiare gli impressionanti tassi di crescita degli anni passati. Ci aspettiamo un'accelerazione negli acquisti di tablet commercial nei mercati maturi ma un rallentamento nel segmento consumer, che porteranno ad un ambiente di maggior sfida per il 2014 e oltre".

Apple ancora una volta domina il mercato dei tablet con 26 milioni di pezzi consegnate nel trimestre, in crescita sia dai 14,1 milioni del trimestre precedente sia dai 22,9 milioni del quarto trimestre 2012. Sebbene si tratti del risultato trimestrale migliore di sempre per la Mela, la crescita anno su anno del 13,5% è ben al di sotto della media del settore. I numeri evidenziano le difficoltà che l'azienda si trova ad affrontare nel tentativo di accrescere il proprio giro d'affari nei mercati al di fuori delle tradizionali roccaforti dei mercati maturi e accanto al successo di concorrenti grandi e piccoli. Apple registra per il trimestre uno share del 33,8%, rispetto al 29,7% del trimestre precedente ed in calo rispetto al 38,2% rispetto alle quotre di mercato del medesimo trimestre 2012.

Samsung mantiene il secondo posto grazie ad un ampio catalogo di prodotti e ad un maggior supporto da parte degli operatori di telefonia nei mercati come quello USA, conquistando il 18,8% dello share mondiale. Leggermente al di sotto del 18,9% del trimestre precedente ma in crescita significativa dal 13% dello scorso anno. Nei primi cinque rientrano infine Amazon, con uno share del 7,6%, Asus e Lenovo, rispettivamente al 5,1% e al 4,4% di share.

Jitesh Urbani, Research Analyst per IDC, commenta: "L'accesso di Lenovo alla produzione whitebox cinese le ha permesso di portare più tablet a basso prezzo nel mercato, facendo crescere le proprie quote dall'1,3% dello stesso trimestre dell'anno precedente. La forza della compagnia nei mercati emergenti e il maggior market share nei mercati adiacenti, come quello PC e smartphone, la posizionano bene per un'ulteriore crescita nel 2014".

9 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
recoil30 Gennaio 2014, 13:56 #1
secondo me ci sono ampi margini di crescita in ambito enterprise, mentre è ovvio che almeno qui in occidente il mercato consumer è vicino alla saturazione

i tablet sono molto più simili al pc che al telefono, nel senso che uno smartphone lo puoi cambiare più di frequente se non altro per l'usura, la moda, la voglia di avere un oggetto nuovo ma il tablet finché funziona lo tieni proprio come fai con un pc
l'unico modo che hanno per mantenere costanti le vendite è spingere i modelli "vecchi" all'obsolescenza con mancati aggiornamenti del sistema operativo e di conseguenza impossibilità ad avere app aggiornate, cosa che nel mercato PC non riescono a fare visto che la gente utilizza tranquillamente sistemi operativi vecchi di anni
wal7er30 Gennaio 2014, 14:06 #2
Originariamente inviato da: recoil
... cosa che nel mercato PC non riescono a fare visto che la gente utilizza tranquillamente sistemi operativi vecchi di anni


o forse perchè può scegliere tra diversi sistemi operativi sempre aggiornati.
biffuz30 Gennaio 2014, 14:33 #3
E quando le vendite cominceranno a scendere, e la gente ricomincerà a comprare i PC per sostituire quelli vecchi che ormai avranno i topi morti dentro, arriveranno i soliti a profetizzare l'inesorabile fine dei tablet e la rinascita dei PC.
Poi le vendite di PC torneranno a scendere e i tablet a risalire, e torneranno gli stessi profeti, ognuno dei quali ovviamente sarà pronto a dimostrare di aver sempre detto che sarebbe finita così.
Poi si invertirà di nuovo la tendenza, e così le opinioni dei profeti.
Eccetera, eccetera.

Scommettiamo che ci ho azzeccato?
recoil30 Gennaio 2014, 14:39 #4
Originariamente inviato da: wal7er
o forse perchè può scegliere tra diversi sistemi operativi sempre aggiornati.


eh sì, sul PC puoi sempre mettere una distribuzione linux e tiri avanti per anni, oppure ci schiaffi il solito vecchio XP e vai tranquillo, chi te lo impedisce?
inoltre a parte la facilità con la quale si può copiare sw non ci sono grandi problemi ad installare programmi nuovi su sistemi operativi datati quindi puoi rimanere al passo con i tempi, magari con prestazioni scarse ma per molti non è un problema

a parte XP che è vecchissimo ci sono tanti pc con 7 che ormai ha più di 3 anni ma sembra un sistema operativo "nuovo" , in ambito tablet è difficile avere una longevità così lunga, oggi chi ha un sistema operativo del 2009 o 2010 è tagliato fuori dagli aggiornamenti ed è praticamente alla preistoria perché gli SDK stanno evolvendo moltissimo e la retrocompatibilità è un costo per lo sviluppatore

la grande idea è stata quella dell'app store che implica l'impossibilità (JB a parte) di installare app tramite altri canali ed è quella che può salvarli nei prossimi anni quando il mercato sarà saturo
mau.c30 Gennaio 2014, 21:32 #5
Originariamente inviato da: biffuz
E quando le vendite cominceranno a scendere, e la gente ricomincerà a comprare i PC per sostituire quelli vecchi che ormai avranno i topi morti dentro, arriveranno i soliti a profetizzare l'inesorabile fine dei tablet e la rinascita dei PC.
Poi le vendite di PC torneranno a scendere e i tablet a risalire, e torneranno gli stessi profeti, ognuno dei quali ovviamente sarà pronto a dimostrare di aver sempre detto che sarebbe finita così.
Poi si invertirà di nuovo la tendenza, e così le opinioni dei profeti.
Eccetera, eccetera.

Scommettiamo che ci ho azzeccato?


direi anche di no... sostanzialmente per una grande fetta di utenza il pc non serve più perchè tanto lo usava solo per facebook e al massimo la mail, i ragazzini di oggi imparano a usare il tablet che intanto evolveranno e dunque probabilmente non arriveranno mai ad usare un pc. i pc rimarranno molto pochi, forse anche meno delle workstation, e solo per chi non avrà voglia di adattarsi ai nuovi dispositivi...

basta guardare i centri commerciali, dopo l'ultima infornata di crescita del mercato, a causa di facebook, in cui in tutti i centri commerciali c'era la fila di portatili di tutti i tipi, oggi come oggi sono stati sostituiti dai tablet e smatphone e i portatili che rimangono ancora in vendita sono normalmente soluzioni molto più costose, la cosa andrà solo in un verso a livello di massa.
recoil31 Gennaio 2014, 08:50 #6
Originariamente inviato da: M47AMP
a quando una decelerazione anche per gli smartphone?


lo smartphone è molto più soggetto a usura per via delle cadute ed è l'oggetto più utilizzato da una persona, è più facile stancarsi di avere sempre il medesimo e desiderare di cambiarlo anche solo per l'aspetto estetico

inoltre la tendenza è sempre più quella di escludere l'espansione con memory card e di impedire la sostituzione della batteria in modo semplice
è ovvio che queste limitazioni sono tutte a loro favore, quando la batteria inizia a perdere colpi, lo spazio finisce e il telefono lagga con la nuova versione del sistema operativo la voglia di cambiarlo è tanta
litocat31 Gennaio 2014, 17:07 #7
Originariamente inviato da: M47AMP
Grazie per la risposta, ma io intendevo: quando gli smartphone smetteranno di incrementare le loro vendite e si attesteranno invece su una crescita costante prima ed su una decelerazione successivamente?

Secondo me non prima che abbiano sostituito del tutto o quasi i cellulari. Man mano che scendono i prezzi degli smartphone le vendite di questi aumentano a spese delle vendite di cellulari che diminuiscono, ma tutt'ora si vendono circa 1 miliardo di cellulari l'anno. Solo questo bacino può consentire una crescita non-stop delle vendite di smartphone fino al loro raddoppio (e per raggiungere questo traguardo ci vuole almeno qualche anno ancora).
Dante8901 Febbraio 2014, 10:56 #8
Originariamente inviato da: biffuz
E quando le vendite cominceranno a scendere, e la gente ricomincerà a comprare i PC per sostituire quelli vecchi che ormai avranno i topi morti dentro, arriveranno i soliti a profetizzare l'inesorabile fine dei tablet e la rinascita dei PC.
Poi le vendite di PC torneranno a scendere e i tablet a risalire, e torneranno gli stessi profeti, ognuno dei quali ovviamente sarà pronto a dimostrare di aver sempre detto che sarebbe finita così.
Poi si invertirà di nuovo la tendenza, e così le opinioni dei profeti.
Eccetera, eccetera.

Scommettiamo che ci ho azzeccato?

Faccio questo lavoro e devo dire che concordo.

A mio parere inoltre, per i tablet non si può parlare di crescita.
Il tablet è un prodotto abbastanza recente che da pochissimo tempo ha iniziato a diffondersi in versioni economiche davvero popolari (soprattutto con il clima economico attuale), quindi non è che la gente impazzisce e compra i tablet, ma semplicemente li hanno resi interessanti per i costi e per la novità che contribuisce enormemente alle vendite iniziali.

Adesso che però ci si rende conto che non ci puoi fare granché se non navigare, mail, facebook e NON puoi sostituire totalmente un pc.

Inoltre consideriamo anche che non tutti i prodotti consegnati sono effettivamente venduti, quindi le stime sono ulteriormente falsate.

Così ci sarà un ritorno al pc, che è il vero successore tecnologico di uno SmartPhone evoluto che ormai ha diagonali da 5" mediamente che non ti fanno rimpiangere un tablet da 7/8".

IMHO, il picco c'è stato dal dicembre 2012 al dicembre 2013. Adesso si rallenterà di brutto.

Ovviamente sempre considerando il clima di forte crisi economica che attraversiamo.
mau.c02 Febbraio 2014, 14:14 #9
Originariamente inviato da: Dante89

Adesso che però ci si rende conto che non ci puoi fare granché se non navigare, mail, facebook e NON puoi sostituire totalmente un pc.


è vero che attualmente i tablet sono anche abbastanza limitati, ma è solo un problema software a mio avviso. in pratica il 95% abbondante dei pc casalinghi potrebbe essere tranquillamente sostituita con un tablet, basterebbe avere versioni delle suite office che funzionino bene e al limite uno si compra una tastierina se proprio deve scrivere tanto per delle ricerche... se si connette alla stampante, se puoi navigare, andare su youtube, mail e facebook, pornografia e fare due giochini per buttare il tempo puoi sostituire il 95% del parco PC casalingo odierno, tranquillamente...

ripeto a mio avviso i bambini di oggi potrebbero non usare mai un PC, magari lo considereranno un'anticaglia che i loro genitori continuano ad adorare.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^