AMD in cerca di un nuovo CEO; Dirk Meyer lascia l'azienda

AMD in cerca di un nuovo CEO; Dirk Meyer lascia l'azienda

AMD ha comunicato che il proprio CEO e Presidente Dirk Meyer ha rinunciato ai propri ruoli con effetto immediato, decisione rapida e inaspettata in funzione di una crescita futura più sostenuta

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 09:12 nel canale Mercato
AMD
 

AMD ha ufficialmente comunicato che Dirk Meyer ha lasciato la posizione di CEO e di Presidente dell'azienda nella giornata di ieri, decisione presa con effetto immediato. Thomas Seifert, attualmente Senior Vice President e CFO dell'azienda, è stato temporaneamente nominato dal consiglio di amministrazione quale CEO in attesa che questa posizione venga presa da un candidato che il consiglio di amministrazione sta ricercando.

Nel comunicato stampa di AMD è presente una chiara indicazione del motivo che ha portato l'azienda a questa decisione interna:

"However, the Board believes we have the opportunity to create increased shareholder value over time. This will require the company to have significant growth, establish market leadership and generate superior financial returns. We believe a change in leadership at this time will accelerate the company's ability to accomplish these objectives."

Il consiglio di amministrazione ha quindi optato per una sfiducia a Dirk Meyer, ritenuto all'atto pratico un CEO non all'altezza dell'obiettivo di crescita, di aumento della leadership di mercato e di ritorno in termini di risultati finanziari. Dirk Meyer, nel periodo quale CEO in AMD, ha condotto l'azienda attraverso importanti fasi tra le quali il lancio di Globalfoundries, la chiusura del contenzioso legale con Intel e il lancio delle prime soluzioni della famiglia Fusion, avvenuto proprio alcuni giorni fa al CES di Las Vegas.

Thomas Seifert, CEO ad interim di AMD, opera in azienda dal 2009 nel ruolo di CFO (chief financial officer) e ha contribuito a migliorare la posizione finanziaria dell'azienda, decisamente compromessa negli scorsi anni a seguito dei costi legati all'acquisizione di ATI oltre che da risultati trimestrali non all'altezza delle aspettative.

Stando alle indiscrezioni attualmente presenti online, la decisione sarebbe stata presa dal consiglio di amministrazione dell'azienda solo negli ultimi giorni, con una posizione di sfiducia nella quale Meyer sarebbe stato messo e dalla quale la rinuncia ai ruoli di CEO e Presidente sarebbe stata l'unica via di uscita. E' inoltre possibile che questa decisione, decisamente rapida e per molti versi non attesa, sia stata presa anche alla luce del recente accordo concluso tra Intel e NVIDIA con il quale le due aziende hanno appianato le proprie divergenze, soluzione che replica quanto concluso da Intel e AMD alla fine del 2009 ma con una entrata monetaria più consistente per NVIDIA rispetto a quanto avvenuto per AMD.

Anche la mancanza di una chiara strategia interna legata alle soluzioni per dispositivi smartphone e tablet, mercati nel quale è proprio NVIDIA l'azienda che sta raccogliendo interesse e contratti da parte di clienti, potrebbe essere una delle motivazioni legate all'allontanamento di Meyer. Con l'acquisizione di ATI AMD aveva inglobato al proprio interno prodotti e strategie per il mercato degli smartphone sotto il brand Imageon e Xilleon, vendute in seguito a Qualcomme BroadCom perdendo nel breve - medio periodo qualsiasi appetibilità in questo segmento del mercato a così rapida crescita, oltre che non proporre una strategia attiva in questo ambito.

AMD ha inoltre comunicato alcuni dati preliminari sull'andamento del quarto trimestre 2010. Nel periodo è stato registrato un fatturato pari a 1,65 miliardi di dollari, in crescita del 2% circa rispetto al trimestre precedente, con un margine operativo lordo pari a circa il 45%. Tutti i dati trimestrali verranno resi pubblici da AMD il prossimo 20 Gennaio.

40 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
iorfader11 Gennaio 2011, 09:19 #1
sinceramente non mi piacciono sti modi di ragionare che hanno le aziende... sbattono fuori un tipo che ha fatto molto per loro come niente fosse...mah non lo capirò mai sto modo di fare
SaggioFedeMantova11 Gennaio 2011, 09:30 #2
veramente è andato via lui di sua spontanea volontà
focuswrc11 Gennaio 2011, 09:31 #3
dicono sempre così le aziende...ma in realtà lo licenziano

"However, the Board believes we have the opportunity to create increased shareholder value over time. This will require the company to have significant growth" -> e pensano di farlo cacciando il Ceo? boooh
iorfader11 Gennaio 2011, 09:44 #4
ma se c'è scritto nell'articolo che hanno votato la sfiducia
supereos211 Gennaio 2011, 09:46 #5
Peccato che in Italia fanno l'esatto contrario, i capi manager idioti e fannulloni/raccomandati li tengono e buttano fuori quelli che non hanno nessuna colpa.
Che mondo.
iorfader11 Gennaio 2011, 09:48 #6
Originariamente inviato da: supereos2
Peccato che in Italia fanno l'esatto contrario, i capi manager idioti e fannulloni/raccomandati li tengono e buttano fuori quelli che non hanno nessuna colpa.
Che mondo.


semplicemente perchè in america c'è la meritocrazie decisamente + che qui...anche se nelle aziende multinazionali ci sono sempre ste vigliaccate
killer97811 Gennaio 2011, 09:58 #7
Speriamo in qualcuno con + palle, e con una visione a + lungo raggio.

Sto Dirk ne ha fatto di baggianate, non dimentichiamoci dei primi Phenom, oppure alla completa assenza di innovazione ,sono due/tre anni che ci propinano sti phenom, intel ha cambiato gia 2/3 architetture nel frattempo. All'uscita dei netbook lui li snobbò dicendo che non avrebbero venduto + di tanto , mentre adesso cerca di far uscire un architettura x questo settore con 2 anni di ritardo. E come dice la news ha svenduto il brand Imageon e Xilleon, guardacaso il settore smartphine e quello con maggiore crescita.

Speriamo in un uomo capace
theJanitor11 Gennaio 2011, 10:00 #8
mando il cv
focuswrc11 Gennaio 2011, 10:15 #9
manda - scrivi che sei raccomandato da marchionne

cmq xilleon/imageon quanto ha venduto? poi sta uscendo bulldozer, mica roba da niente, non lo brucerei sul rogo così in fretta...
Mparlav11 Gennaio 2011, 10:19 #10
Dirk Meyer, è un'ottimo ingegnere, uno dei migliori al mondo nel campo dei microprocessori e ci sono ben poche figure al mondo che possono rivaleggiare con lui dal punto di vista tecnico (dico solo che gran parte del progetto Alpha della Digital era roba sua) ma questo non ne ha fatto automaticamente un buon CEO.

Certe scelte strategiche fatte da lui, sottovalutare i netbook, affermare che non possono competere nei tablet, smantellare invece di ampliare le basi per gli smartphone, diminuazione del market share nei server ai minimi storici, e praticamente uscita di scena da quello workstation, hanno dettato una linea strategica di Amd per il futuro che potrebbe rivelarsi molto insidiosa, ad essere buoni.

L'annuncio delle sue forzate dimissioni, perchè di quello si tratta, in concomitanza dell'accordo di cross licensing Intel / Nvidia, non è certo una strana coincidenza.

Mi auguro solo che a tutto questo, non si debba aggiungere un progetto Bulldozer un po' "sottotono": ormai è in sampling da mesi, ed i numeri per confrontarsi con prodotti Intel già ce li hanno.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^