Apple acquisisce Anobit, per l'affidabilità delle memorie NAND flash

Apple acquisisce Anobit, per l'affidabilità delle memorie NAND flash

Con un'operazione del valore compreso tra i 400 e i 500 milioni di dollari, Apple si porta in casa il know-how di una realtà specializzata in soluzioni tecnologiche per memorie NAND flash

di Andrea Bai pubblicata il , alle 17:22 nel canale Mercato
Apple
 

Senza particolare clamore e, fino ad ora, senza alcuna comunicazione formale, Apple avrebbe portato a termine l'acquisizione di Anobit, una realtà impegnata nella progettazione di tecnologie per migliorare la resistenza e l'affidabilità delle memorie NAND flash MLC e TLC.

L'obiettivo della mela è quello di rafforzare il portafoglio di tecnologie esclusive ed arricchire i propri prodotti con caratteristiche uniche, allo scopo di migliorare l'affidabilità di ottimizzare i costi dei dispositivi che fanno uso di soluzioni di storage flash, come i sistemi MacBook equipaggiati con unità a stato solido e tutti i dispositivi basati sul sistema operativo iOS.

Anobit, realtà con sede in Israele e della quale abbiamo avuto modo di parlare lo scorso anno in questa notizia, è un fornitore di soluzioni basate su tecnologia NAND flash. L'azienda sviluppa in particolare la tecnologia MSP - Memory Signal Processing - che comprende una serie di algoritmi di processazione di segnale, con correzione d'errore e schemi di gestione avanzata, che consente di incrementare significativamente la durata nel tempo delle memorie NAND flash MLC, spingendole fino a 50 mila cicli di scrittura per bit.

Attualmente ne' Anobit, ne' Apple hanno emesso comunicazioni formali circa l'acquisizione e non hanno commentato la notizia. Il quotidiano israeliano Calcalist ha tuttavia dichiarato che l'operazione è stata portata a termine e Anobit è stata acquisita per una somma tra 400 e 500 milioni di dollari.

Anobit diventerà pertanto parte di Apple e sarà inoltre la prima relatà di ricerca e sviluppo della Mela ad essere situata al di fuori degli usa. Anobit ha ricevuto in precedenza anche una serie di investimenti da parte di Intel e Samsung, ma non è chiaro se a questo punto le due realtù abbiano un qualche tipo di diritto sui brevetti di Anobit.

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
utentenonvalido22 Dicembre 2011, 18:46 #1
come al solito, c'è chi vende hardware al chilo e lo impecetta con schede tecniche dalle caratteristiche altisonanti e chi si concentra oltre che sul design, sulla quallità e sull'efficienza delle componenti che utilizza.
Ciminiera23 Dicembre 2011, 01:04 #2
Credo che sia un acquisto "preventivo", volto a tutelarsi da nuovi e vecchi concorrenti, ipotecando le proprietà intellettuali di questa azienda israeliana.
Da strumento per tutelare l'innovazione il brevetto è diventato un freno alla stessa, il garante del monopolio moderno.
simolaviz23 Dicembre 2011, 08:04 #3
Originariamente inviato da: utentenonvalido
come al solito, c'è chi vende hardware al chilo e lo impecetta con schede tecniche dalle caratteristiche altisonanti e chi si concentra oltre che sul design, sulla quallità e sull'efficienza delle componenti che utilizza.


Originariamente inviato da: LucaNoize
sarebbe interessante da capire, visti gli investimenti di intel e samsung, se queste tecnologie sono esclusive della anobit, oppure si sono già 'diffuse'


secondo me c'è un po' di confuzione.. che mi risulti (ma magari sbaglio) Anobit NON è una foundry, quindi NON produce NAND quindi Apple NON migliorerà la qualità delle memorie né la reliability dei bit in esse contenute. Intel, Samsung, Toshiba, Micron & co. possono fare ciò perché producono fisicamente i bit.

quello che si può fare è poi cercare di ottimizzare l'utilizzo dei bit che qualcun'altro ti ha prodotto e magari metterci pure una ECC estrena più o meno complicata per migliorare l'affidabilità on-field. In altre parole si mascherano gli errori che inevitabilmente ci sono.

non capisco nemmeno la frase della redazione "spingendole fino a 50 mila cicli di scrittura per bit" il numero di cicli per bit dipende da come è fatta la singola cella e dalla fisica che la governa. O si parla di 'cicli equivalenti' oppure mi dovete dare una spiegazione fisicamente basata di come "tecnologie MSP - Memory Signal Processing - che comprende una serie di algoritmi di processazione di segnale, con correzione d'errore e schemi di gestione avanzata" possono cambiare il comportamento intrinseco del bit.
(IH)Patriota23 Dicembre 2011, 09:41 #4
Siccome Anobit non produce memorie e quindi non può' far nulla per migliorare la costruzione delle medesime non è che una diversa gestione delle medesime possa comunque allungarne la vita ?

I dati normalmente vengono scritti in modo "random" per cui c'è il rischio che alcune parti di memoria vengano usate più volte mentre altre magari vengano usate più raramente.Questo potrebbe causare un incremento delle probabilità' di problemi ai "cluster" (non so come si chiamano in gergo tecnico negli SSD) più' utilizzati.

Una gestione più' uniforme probabilmente allungherebbe la vita dell' SSD a parità' di qualità hardware.
Mparlav23 Dicembre 2011, 09:51 #5
Apple ha acquistato Anobit per un motivo semplicissimo: siccome tende ad utilizzare i chip nand più economici che trova sul mercato (basta vedere i seriali delle nand dei Samsung prima e degli attuali Hynix dei prodotti Apple), e poichè con prossimi die shrink, i cicli di lettura sono destinati a scendere, specie nel passaggio 2bit -> 3bit, bisogna migliorare il più possibile gli algoritmi di correzione d'errore, e ciò può essere fatto attraverso il controller.
Anobit ha sviluppato un'ottima tecnologia sotto questo aspetto, ed Apple ha tanta tanta liquidità
Spende 400-500M di $ per una tecnologia, perchè sa' che ne risparmia molti di più sul tipo di nand, attuali ma soprattutto future.
In questo modo può concentrarsi su ciò che gli riesce meglio: il design
Alfhw24 Dicembre 2011, 12:30 #6
Originariamente inviato da: utentenonvalido
come al solito, c'è chi vende hardware al chilo e lo impecetta con schede tecniche dalle caratteristiche altisonanti e chi si concentra oltre che sul design, sulla quallità e sull'efficienza delle componenti che utilizza.

E come al solito c'è chi commenta in modo obiettivo e attinente all'articolo e chi come te, che sei un noto Apple fanboy, si concentra su commenti di esaltazione.

Originariamente inviato da: Mparlav
Apple ha acquistato Anobit per un motivo semplicissimo: siccome tende ad utilizzare i chip nand più economici che trova sul mercato (basta vedere i seriali delle nand dei Samsung prima e degli attuali Hynix dei prodotti Apple)

Appunto. Basta per esempio considerare lo schermo dell'iPhone 4s che è molto più fragile rispetto ad altri smartphones con un gorilla glass più resistente. Poi sia chiaro che l'iPhone e altri prodotti Apple sono sicuramente ben fatti ma non sono esenti da pecche e a volte da componenti di bassa qualità. Certo che a leggere commenti da fanboy come il primo ti cascano le braccia.
CYRANO24 Dicembre 2011, 12:40 #7
Originariamente inviato da: utentenonvalido
come al solito, c'è chi vende hardware al chilo e lo impecetta con schede tecniche dalle caratteristiche altisonanti e chi si concentra oltre che sul design, sulla quallità e sull'efficienza delle componenti che utilizza.


vero, ed ogni tanto ridà la vista ai ciechi e la parola ai muti...


Cmklsmklsdmklsdmkld
angurio30 Dicembre 2011, 11:19 #8
Sarà, ma io di un produttore di hardware con quel nome non mi fiderei.. *ano*bit farà per forza memorie di m... :-)

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^