Apple acquisisce WifiSLAM per il posizionamento indoor

Apple acquisisce WifiSLAM per il posizionamento indoor

Operazione da 20 milioni di dollari per portarsi in casa il know-how della startup californiana specializzata nella realizzazione di tecnologie per la localizzazione in ambienti interni

di Andrea Bai pubblicata il , alle 08:31 nel canale Mercato
Apple
 

Apple ha recentemente chiuso un accordo per l'acquisizione di WifiSLAM, una piccola realtà della Silicon Valley impegnata nella realizzazione di tecnologie per la rilevazione della posizione in ambienti interni.

La notizia viene riportata dal Wall Street Journal, che ha potuto avere conferma dell'operazione direttamente da un portavoce di Apple, sebbene l'azienda di Cupertino non abbia ancora divulgato l'accordo, i suoi dettagli ne tantomeno le strategie future legate alla tecnologia indoor GPS di WifiSLAM. "Apple acquisisce piccole realtà tecnologiche di quando in quando" si è limitato ad affermare il portavoce.

Secondo quanto riferito da quotidiano statunitense, Apple avrebbe chiuso l'accordo mediante un'operazione del valore di 20 milioni di dollari.

WifiSLAM è uno sviluppatore di tecnologie per il posizionamento in ambienti chiusi, per estendere le informazioni di localizzazione all'interno degli edifici e ad altre strutture per mezzo dei segnali delle reti WiFi, incrociandoli con altre informazioni tratte dalla bussola digitale e dagli accelerometri. I dati possono quindi essere utilizzati da applicazioni di terze parti per determinare il posizionamento del dispositivo in assenza del segnale GPS.

La startup è nata circa due anni fa e ha già saputo raccogliere una serie di finanziamenti (non è nota l'entità) da alcuni angel investor tra cui Don Dodge, Developer Advocate per Google. WifiSLAM ha comunque qualche legame con il colosso di Mountain View, considerando che il cofondatore Joseph Huang è stato software engineerin intern per Google.

La Mela potrebbe implementare le tecnologie di posizionamento indoor all'interno di iOS Maps, come risposta all'iniziativa Indoor Maps di Google, servizio che si basa sul crowdsourcing per fornire informazioni di posizionamento per una serie di siti attorno al mondo.

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Baboo8526 Marzo 2013, 20:57 #1
Il GPS indoor sembra una minchiata, ma provate ad andare al Ceasar Palace a farvi un giretto (Hotel a Las Vegas) oppure andate al Macy's di New York...

Al Ceasar con un amico ci siamo persi e, nonostante le mappe, ci abbiamo messo mezz'ora per uscire.

Il Macy's e' un supermercato da 10 piani e 198.500 metri quadrati (facciamo quindi 19.000 metri quadrati per piano, togliendo magari scale e parti "non calpestabili"?)... Cazzarola se serve un GPS indoor...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^