Apple riorganizza il management: Scott Forstall lascia l'azienda

Apple riorganizza il management: Scott Forstall lascia l'azienda

La Mela annuncia un importante rimescolamento del team dirigenziale. Scott Forstall abbandona Apple dopo 15 anni di militanza: il passo falso sul servizio Apple Maps ha spinto Cook a chiedere la sua testa

di Andrea Bai pubblicata il , alle 08:47 nel canale Mercato
Apple
 

Nel corso della serata di ieri Apple ha annunciato una ampia riorganizzazione del proprio management, con l'istituzione di nuovi gruppi di lavoro e l'accorpamento di alcune competenze e responsabilità. Contemporaneamente Apple annuncia che Scott Forstall, Senior Vice President for iOS Software, e John Browett, Senior Vice President of Retail, lasceranno la compagnia nell'immediato futuro.

Di seguito il comunicato ufficiale:

"Apple ha annunciato oggi cambiamenti nel management esecutivo in grado di favorire ulteriormente la collaborazione fra i team hardware, software e servizi dell'azienda, tutti di classe mondiale. Come parte di questi cambiamenti, Jony Ive, Bob Mansfield, Eddy Cue e Craig Federighi aggiungeranno maggiori responsabilità ai propri ruoli. Apple ha inoltre annunciato che Scott Forstall lascerà Apple il prossimo anno e servirà come consulente per il CEO Tim Cook nel frattempo.

"Siamo in uno dei periodi più prolifici di innovazione e nuovi prodotti nella storia di Apple," ha affermato Tim Cook, CEO di Apple. "I prodotti incredibili che abbiamo introdotto nel mese di settembre e ottobre, iPhone 5, iOS 6, iPad mini, iPad, iMac, MacBook Pro, iPod touch, iPod nano e molte delle nostre applicazioni, non potevano che essere creati in Apple ed essere il risultato diretto della nostro continuo impegno verso la stretta integrazione fra hardware, software e servizi."

Jony Ive fornirà guida e direzione per la Human Interface (HI) in tutta l'azienda, oltre al suo ruolo di responsabile dell'Industrial Design. La sua incredibile estetica del design è stata la forza trainante del look and feel dei prodotti Apple per più di un decennio.

Eddy Cue assumerà la responsabilità aggiuntiva di Siri e Mappe, mettendo tutti i nostri servizi online in un unico gruppo. Questa organizzazione ha supervisionato successi importanti come l'iTunes Store, l'App Store, l'iBookstore e iCloud. Questo gruppo ha un eccellente storico di costruzione e rafforzamento dei servizi online Apple per soddisfare e superare le aspettative dei nostri clienti.

Craig Federighi guiderà sia iOS che OS X. Apple ha i più avanzati sistemi operativi per il mobile e desktop, e questa mossa riunisce le squadre OS per facilitare ancora di più l'offerta in entrambe le piattaforme della migliore tecnologia e delle innovazioni sull' esperienza utente.

Bob Mansfield guiderà un nuovo gruppo, Tecnologie, che combina in un'unica organizzazione tutte le squadre wireless di Apple in tutta l'azienda, promuovendo l'innovazione in questo settore a un livello ancora più alto. Questa organizzazione comprenderà anche le squadre di semiconduttori, che hanno piani ambiziosi per il futuro.

Inoltre, John Browett lascia Apple. La ricerca di un nuovo responsabile del Retail è in corso e nel frattempo, il team Retail riporterà direttamente a Tim Cook. L'organizzazione Retail di Apple ha una rete incredibilmente forte di leader sia nei negozi che a livello regionale che continuerà l'ottimo lavoro che è stato fatto negli ultimi dieci anni per rivoluzionare la vendita al dettaglio con servizi esclusivi e innovativi per i clienti."

Secondo quanto afferma il Wall Street Journal, Scott Forstall sarebbe stato spinto al congedo dopo il suo rifiuto di firmare una lettera di scuse verso i clienti per i problemi al nuovo servizio Maps di Apple, lettera che la Mela ha pubblicato lo scorso mese firmata dal CEO Tim Cook. L'incidente pare essere solo l'ultimo tra Forstall e gli altri executive della compagnia, ma comunque tale da portare Cook ad effettuare uno dei rimescolamenti di management più consistenti nella storia recente di Apple.

Tuttavia il gossip che ruota attorno alla Mela vuole che i rapporti tra Forstall ed il resto del management (in particolare, sembra, con Bob Mansfield) fossero piuttosto burrascosi già da molto tempo e solamente l'intervento di uno Steve Jobs-mediatore poteva permettere al gruppo di collaborare adeguatamente. Forstall, del resto, pare sia stato uno dei pupilli di Jobs, e più volte indicato come un suo possibile successore alla guida dell'azienda. Forstall è entrato a far parte della squadra di Apple quando la Mela acquisì NeXT nel 1997, inizialmente come uno dei principali architetti di Mac OS X e dell'interfaccia Aqua. Nel corso dei suoi anni di militanza in Apple ha successivamente assunto la responsabilità di Mac OS X dopo il ritiro di Avadis Tevanian ed in seguito è diventato Senior Vice President of iPhone Software, carica che, pur evolutasi, ha mantenuto fino ad oggi.

Anche John Browett sarebbe stato indotto al congedo, dopo aver commesso alcuni errori nella gestione delle operazioni della catena retail della compagnia, che hanno in particolare portato ad una riduzione di orario troppo marcata per alcuni impiegati. Molto più breve la militanza di Browett in azienda: in qualità di responsabile delle operazioni retail è entrato in Apple nel gennaio del 2012, sostituendo Ron Johnson che nel corso della sua carriera in Apple ha saputo espandere in maniera significativa la catena retail della Mela.

31 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
recoil30 Ottobre 2012, 09:00 #1
in realta' c'erano voci di abbandono di Forstall qualche tempo fa, prima che uscisse iOS6 per il pubblico quindi potrebbero averlo forzato a lasciare ma potrebbe pure essere una decisione di comune accordo

comunque Federighi e' un grande, da quando ho visto il suo keynote del WWDC e' diventato quello che mi sta piu' simpatico della Apple
Unrealizer30 Ottobre 2012, 09:17 #2
La parte più interessante è che Forstall era quello che più spingeva per lo skeumorfismo (elementi della UI che rappresentano oggetti della vita reale: ad esempio la libreria "in legno" per Newsstand e cose simili)...

Uno stile di design che personalmente non sopporto
AlexSwitch30 Ottobre 2012, 09:24 #3
Forstall era praticamente odiato da tutti per il suo caratteraccio e la sua invasività nelle sfere di competenza di altri... E' stato il maggior artefice della " fusione " tra iOS e OS X con risultati non proprio esaltanti in abito di performance e affidabilità. Idem con patate per quanto riguarda iOS 6 rilasciato al livello sostanzialmente di una beta... Beta come Siri in iOS 5 e le Apple Maps . Fonti interne dicono che l'accelerazione di far sbarcare Apple Maps su iPhone, iPad e iPod touch, con iOS 6, sia stata voluta da Forstall, incurante di tutti i problemi di gioventù della piattaforma di navigazione. Dulcis in fundo iAds, la piattaforma pubblicitaria in iOS, mai decollata e che è costata diversi milioncini ad Apple per l'acquisto di Quattro Wireless!! Insomma, un bel mix, e forse c'è stato anche qualcosa in più oltre che il rifiuto di firmare la lettera di scuse!!
Speriamo che Federighi riesca a riportare un bel pò di sostanza in iOS e faccia pulito!!
AlexSwitch30 Ottobre 2012, 09:25 #4
Originariamente inviato da: Unrealizer
La parte più interessante è che Forstall era quello che più spingeva per lo skeumorfismo (elementi della UI che rappresentano oggetti della vita reale: ad esempio la libreria "in legno" per Newsstand e cose simili)...

Uno stile di design che personalmente non sopporto


Altra questione che ha creato conflitti all'interno di Apple....
solidguitarman30 Ottobre 2012, 09:31 #5

Noooo

No, non deve andare, è il pezzo migliore di iphoneparodia su youtube... grazie a lui ho messo la sassaiola come sfondo del desktop...
recoil30 Ottobre 2012, 09:44 #6
Originariamente inviato da: AlexSwitch
Forstall era praticamente odiato da tutti per il suo caratteraccio e la sua invasività nelle sfere di competenza di altri... E' stato il maggior artefice della " fusione " tra iOS e OS X con risultati non proprio esaltanti in abito di performance e affidabilità.


pero' Federighi diventa capo della divisione sw in generale, quindi di iOS e OS X
in dettaglio:
Craig oversees the development of iOS, Mac OS X and Apple's common operating system engineering teams.
letto tra le righe la fusione continua e non ci si poteva aspettare il contrario

quello che si poteva dire di positivo su Forstall e' che era diventato il migliore nei keynotes
Cook e' veramente soporifero, Schiller non e' mai stato esaltante...
anche Federighi ha una buona presenza sul palco per fortuna, sembrano stupidaggini ma per una azienda che fa della comunicazione e dei keynote uno dei suoi cavalli di battaglia non e' cosa da poco
Mr Pink30 Ottobre 2012, 09:45 #7
Nooo, niente più "swish" e "cic e ciak"
II ARROWS30 Ottobre 2012, 09:47 #8
Originariamente inviato da: solidguitarman
No, non deve andare, è il pezzo migliore di iphoneparodia su youtube... grazie a lui ho messo la sassaiola come sfondo del desktop...
Idem...
Cioè, non per la sassaiola... che non ho.
AlexSwitch30 Ottobre 2012, 09:58 #9
Originariamente inviato da: recoil
pero' Federighi diventa capo della divisione sw in generale, quindi di iOS e OS X
in dettaglio:
Craig oversees the development of iOS, Mac OS X and Apple's common operating system engineering teams.
letto tra le righe la fusione continua e non ci si poteva aspettare il contrario

quello che si poteva dire di positivo su Forstall e' che era diventato il migliore nei keynotes
Cook e' veramente soporifero, Schiller non e' mai stato esaltante...
anche Federighi ha una buona presenza sul palco per fortuna, sembrano stupidaggini ma per una azienda che fa della comunicazione e dei keynote uno dei suoi cavalli di battaglia non e' cosa da poco


Infatti, come ho scritto, spero che con Federighi le cose riprendano il verso giusto.... Con Forstall iOS stava diventando un bloatware!!! Ive invece dovrà rivedere l'interfaccia grafica di iOS e OS X...
" Panza " Schiller non è mai stato convincente perché spara le cose senza spiegare... o, meglio, non è capace di creare quel " distortion field " in cui Jobs era maestro. Ad esempio, presentando gli iMac, ha sorvolato sul lettore ottico mancante, ma si è prodigato a tessere le lodi delle improbabili qualità degli schermi calibrati in fabbrica uno ad uno.... ( cosa per altro non vera visto che ogni Mac con display esce con il suo profilo colore ). Quando nel primo iMac venne eliminato il floppy drive Jobs ci ricamò sopra durante il keynote e convinse, Schiller ha dovuto scrivere una risposta alle critiche che sono state sollevate....
bs8230 Ottobre 2012, 11:06 #10

5 Anni di vita...

... per Apple.

Poi dopo il colpo Google di ieri non riuscirà più a rimettersi in riga. Tra il fail dell'iPad4 e l'inutilità dell'iPad Mini uscito con 2 anni di ritardo persino sui tablet Mediacom...

Google ha anche da parte sua le poche cose innovative che si possono ancora fare, vedi Google Glasses, sotto marchio registrato.

Alla apple cominciano i licenziamenti, Steve Jobs ha portato la sua religione nella tomba.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^