Aria, le frequenze WiMAX di Telecom Italia in Italia Meridionale

Aria, le frequenze WiMAX di Telecom Italia in Italia Meridionale

Aria acquisisce i diritti d‘uso delle frequenze di Telecom Italia in Italia Meridionale; Telecom Italia venderà il WiMAX “powered by Aria”, in tutto il Paese, attraverso un accordo wholesale con Aria

di Fabio Boneschi pubblicata il , alle 14:03 nel canale Mercato
 

Telecom Italia e Aria hanno firmato una serie di accordi che permetteranno di raggiungere una maggiore efficienza ad entrambe le Aziende, di focalizzare le rispettive strategie e di costruire sinergie infrastrutturali.

Il primo accordo prevede il diritto d’uso delle frequenze WiMAX di Telecom Italia da parte dell’operatore Aria nelle regioni dell’Italia Centrale e Meridionale quali Abruzzo, Umbria, Lazio, Molise, Puglia, Campania, Basilicata, Calabria e Sardegna, che le sono state assegnate nell’asta conclusa nel febbraio 2008. Al contempo Aria provvederà ad assicurare il raggiungimento della copertura minima prevista, garantendo così gli impegni presi con il Ministero per lo Sviluppo Economico, Dipartimento Comunicazioni.

Telecom Italia potrà fornire ai propri clienti anche servizi a larga banda su tecnologia WiMAX, grazie all’offerta wholesale “white label” di Aria, su tutto il territorio nazionale. Infine, grazie ad un ulteriore accordo tra le parti, Aria potrà utilizzare le infrastrutture di rete di trasporto di Telecom Italia per la realizzazione della propria rete.

 “L’accordo rappresenta un importante esempio di come la collaborazione tra gli operatori di telecomunicazioni possa concorrere ad un’ulteriore estensione della banda larga e conferma inoltre la nostra attenzione alla diffusione dell’innovazione tecnologica su tutto il territorio nazionale”ha dichiarato Oscar Cicchetti, Direttore Domestic Market Operations di Telecom Italia.

L’intesa consente di estendere lo sviluppo del WiMAX come tecnologia complementare alla fibra ottica e al rame .

28 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
teodelux9908 Giugno 2009, 14:14 #1
tutto sto casino per sta wimax, lo mettero qui, lo metteremo là, lo metteremo su e lo metteremo giù...giro costantemente l'italia per lavoro e non ho ancora conosciuto una sola persona coperta...per me ce lo metteranno lì!!!
supertigrotto08 Giugno 2009, 14:19 #2

credo sia l'unico modo per far partire il wimax

Probabilmente si farà un bell'accordo che dice:40 eurozzi mensili per avere l'adsl a casa e in mobilità,guadagni divisi tra aria e telecom.
La cosa può essere buona ma bisogna fare attenzione ai cartelli e a quei giochetti che le grandi compagnie fanno.Comunque come dicevano altre persone,il Veneto fin'ora viene snobbato.
Boh,mi pare che la mia regione stia diventando sempre più snobbata.........
valerio99308 Giugno 2009, 14:35 #3
E fino alla fine telecom ci ha sempre le mani in pasta
fano08 Giugno 2009, 14:39 #4
Infatti per esserci davvero concorrenza le compagnie di telefonia non dovevano metterci mano...

Finirà con una di quelle tariffe a tempo o a byte come usa per i cellulari... possiamo pure metterci una pietra sopra a sto WiMax!
robertogl08 Giugno 2009, 14:42 #5
Originariamente inviato da: supertigrotto
Probabilmente si farà un bell'accordo che dice:40 eurozzi mensili per avere l'adsl a casa e in mobilità,guadagni divisi tra aria e telecom.
La cosa può essere buona ma bisogna fare attenzione ai cartelli e a quei giochetti che le grandi compagnie fanno.Comunque come dicevano altre persone,il Veneto fin'ora viene snobbato.
Boh,mi pare che la mia regione stia diventando sempre più snobbata.........

il veneto non è proprio snobbato:nella mia provincia è iniziato un progetto che mira a coprire con il wimax le zone non coperte dall'adsl classica(ovviamente casa mia esclusa ),4mb a 19€\mese,quindi qualcosa si muove
teodelux9908 Giugno 2009, 14:45 #6
Originariamente inviato da: supertigrotto
Comunque come dicevano altre persone,il Veneto fin'ora viene snobbato.
Boh,mi pare che la mia regione stia diventando sempre più snobbata.........


almeno da voi si sa con chiarezza chi sarà il gestore...da me in trentino c'è una confusione pazzesca su chi darà il servizio

cmq....dimenticavo...la maggior parte delle compagnie wimax sono piccole realtà startup piene di buone propositi che a febbraio hanno vinto un'asta con cifre folli. dopo investimenti simili cazzarola...un po' di rientro in tempi rapidi lo vorrei se fossi l'investitore...e invece nulla!!!ma come li pagano gli stipendi?!?!?!?!?
Max_R08 Giugno 2009, 14:52 #7
Spero proprio che questa tecnologia si riveli essere quanto promette.
Schio2708 Giugno 2009, 15:52 #8
beh insomma qui in veneto non sono tante le zone coperte dal servizio adsl....speriamo che almeno sto wimax serva a qualcosa
lordsok08 Giugno 2009, 17:01 #9

LE POLITICHE DI QOS DI ARIA

Leggete bene sui forum in giro per internet per quanto riguarda le politiche di QOS che applica ARIADSL.
Il P2P praticamente non esiste ma anche il traffico normale viene castrato. Non puoi utilizzare la linea decentemente nemmeno per il VOIP.

CHE SCHIFO!!!
Italia 108 Giugno 2009, 19:13 #10
Ma tra le specifiche del Wi-max non c'era l'obbligo tassativo che i fornitori non dovevano avere niente a che fare con i fornitori adsl o telefonia (o una roba simile) ?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^