Arriva Internet of Things, cambia la sicurezza aziendale

Arriva Internet of Things, cambia la sicurezza aziendale

L'avvento di Internet of Things spingerà le aziende a riconsiderare e mutare l'approccio alla sicurezza aziendale, ridefinendo le responsabilità e il campo d'azione dei dipartimenti IT

di Andrea Bai pubblicata il , alle 09:11 nel canale Mercato
 

La società di analisi di mercato Gartner stima che entro il 2017 più del 20% delle aziende farà uso di servizi di sicurezza digitale volti alla protezione di iniziative di business basate sull'uso di dispositivi e servizi Internet of Things.

Ganesh Ramamoorthy, reserch vice president per Gartner, ha commentato: "IoT porta nuovi ed importanti elementi fisici nel campo della sicurezza digitale. Questo è in particolare vero con miliardi di cose iniziano a trasportare dati. IoT ridefinisce la sicurezza espandendo la portata delle responsabilità verso nuove piattaforme, servizi e direzioni. Andando avanti le aziende dovrebbero considerare la possibilità di riformare l'IT o le strategie di cybersecurity affinché vengano integrati gli obiettivi di business digitale o vi sia un coinvolgimento nelle strategie e nella pianificazione del business digitale".

Nel mondo di Internet of Things l'informazione rappresenta il "carburante" impiegato per cambiare lo stato fisico di ambienti tramite dispositivi che non sono computer general-purpose ma sono stati progettati per compiti specifici. Per questo motivo IoT è un importante punto di svolta per la sicurezza IT ed il CISO si troverà in prima linea nella gestione e direzione di questo nuovo e complesso scenario. IoT sta quindi ridisegnando le linee della responsabilità IT per l'enterprise.

"La direzione, la gestione e le operazioni delle funzioni di sicurezza dovranno essere adeguatamente definite per accomodare l'espansione delle responsibilità, in maniera simile al modo in cui l'avvento di BYOD, mobile e cloud computing ha richiesto cambiamenti, ma su una scala molto più grande e con una portata molto più ampia. L'IT imparerà molto dai predecessori Operational Technoogy nel gestire questo nuovo ambiente" osserva Ramamoorthy.

Sebbene un dispositivo IoT possa apparire come un elemento nuovo e unico, vi è in realtà una commistione di tecnologie vecchie e nuove che permettono ad esso di compiere le funzioni ed i servizi per cui è stato progettato: questo imporrà a molte aziende l'uso di tecnologie e accortezze vecchie e nuove anch'esse per mettere al sicuro i dispositivi e i servizi che sono integrate mediante specifici casi d'uso.

Sebbene un dispositivo IoT possa sembrare nuovo e unico, un ibrido di tecnologie vecchie e nuove abilita il servizio che il dispositivo consuma a compiere. Assicurare l'IoT obbligherà molte aziende a usare vecchie e nuove tecnologie di tutte le ere per assicurare i dispositivi e i servizi che sono integrati tramite specifici casi d'uso business. Una caratteristica unica di IoT è il numero incredibilmente elevato di possibili combinazioni di tecnologie, dispositivi e servizi che possono essere applicati ai vari casi d'uso. Ciò che costituisce un oggetto IoT è ancora sotto interpretazione e per questo motivo la messa in sicurezza di IoT è ancora un "bersaglio mobile".

"Alla fine i requisiti necessari per la messa in sicurezza di IoT saranno complessi, obbligando i CISO a usare un insieme di approcci di architetture mobile e cloud, combinate con controllo e automazione industriale e sicurezza fisica. In ogni caso i CISO scopriranno che, anche a fronte della complessità introdotta dalla varietà dei casi d'uso IoT, saranno ancora applicabili i principi di sicurezza dei dati, delle applicazioni, della rete, dei sistemi e dell'hardware" ha concluso Ramamoorthy.

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ComputArte05 Settembre 2015, 15:35 #1

IoT , privacy e sicurezza!

Tnato più si sposa il paradigma Cloud, smartphone e protocolli di trasmissione primoridiali, tanto più NON è possibile garantire PRIVACY e quindi anche sicurezza!
....e il germe è nei kernel dei sistemi operativi ingegnerizzati per gli smartphone che hanno come obiettivo primario la RACCOLTA INDISCRIMINATA dei dati generati dall'utente!
...per es. scegliere un sistema di domotica o tele assistenza che fa perno su uno smartphone è come anadare a vivere in una casa con le pareti di vetro trasparente...hahaha!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^