Calano del 5% le vendite del settore ITC in Italia nel 2013

Calano del 5% le vendite del settore ITC in Italia nel 2013

Un anno di contrazione quello appena concluso per le vendite di prodotti e servizi ICT, con aspettative di ulteriori riduzioni nel fatturato complessivo per il 2014 anche se con una incidenza proporzionalmente inferiore.

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 15:31 nel canale Mercato
 

L'andamento nelle vendite del settore della Digital Technology registrate in Italia nel corso del quarto trimestre 2013 mostra un dato negativo, pari a circa il 4%, rispetto a quanto registrato nel corrispondente periodo del 2012. Un risultato di questa portata era atteso, in considerazione del difficile periodo nel quale versa il mercato ICT in Italia.

Entrando nel dettaglio delle varie tipologie di prodotti e servizi la contrazione del 4,1% media è divisa equamente tra IT (-4,3%) e TLC (-4%), con il primo che in proporzione perde meno di quanto registrato 12 mesi prima. Il quarto trimestre 2013, pur negativo come dato assoluto, ha infatti registrato una contrazione media inferiore rispetto a quanto registrato nello stesso periodo del 2012 quando il calo era stato del 6,1%.

Passando ai dati annuali le vendite complessive sono state pari a 53,465 milioni di Euro, dato in calo del 5% rispetto ai 56.261 milioni di Euro del 2012. A sua volta quest'ultimo anno aveva registrato un calo del 3,5% rispetto al 2011, già evidenziando quindi chiari segnali di difficoltà nelle vendite complessive. Nel 2013 il calo più consistente è quello del settore delle telecomunicazioni con un -5,4% rispetto allo scorso anno, mentre per il settore IT la contrazione è stata del 4,1%.

Per Sirmi all'ottenimento di questi risultati contribuiscono diversi elementi: l’effetto “crisi economica e finanziaria", i processi di “spending review”, i programmi di razionalizzazione e consolidamento, accelerati fenomeni di downpricing ed ipercompetizione, nuove normative comunitarie in materia di TLC Mobile, evoluzioni tecnologiche che si dimostrano sovente “disruptive” nei confronti dei modelli tradizionali di adozione di ICT. Tutto questo ha contribuito al calo generalizzato, con effetti che si protraggono anche nell'anno in corso.

Il quadro non sembra infatti destinato a cambiare significativamente nel corso del 2014: ci si attende infatti una contrazione del fatturato complessivo pari al 2,3%, con il segnale positivo che rimane ancora lontano. Il mercato IT è quello per il quale si evidenziano migliori aspettative, con un calo atteso dell'1% rispetto al 2013, mentre per le TLC la contrazione annuale dovrebbe essere pari a circa il 3%.

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Dante8907 Febbraio 2014, 15:55 #1
Passando ai dati annuali le vendite complessive sono state pari a 53,465 milioni di Euro, dato in calo del 5% rispetto ai 56.261 milioni di Euro del 2012.

Questo lo facciamo leggere a tutti quelli che dicono che la Tecnologia non soffre mai
Cappej07 Febbraio 2014, 16:03 #2
Originariamente inviato da: Dante89
Questo lo facciamo leggere a tutti quelli che dicono che la Tecnologia non soffre mai


mha... ti dirò... "ERA L'ORA"! mi son detto...

Tra cassa-integrazione e disoccupazione, fatturati ai minimi, per non parlare dei margini... E' una generalizzazione, lo so, sicuramente ci sono realtà che hanno saputo sfruttare questa crisi a proprio -pro...

ma in questo quadretto l'elettronica al consumo (ovvero al cazzeggio) sarebbe dovuto essere il primo indice a calare... poichè non ti sfami con un iPhone-e-company se davvero non hai lo stipendio o lo hai dimezzato!

IMHO... s'intende...
sinergine07 Febbraio 2014, 16:21 #3
In realtà ITC e IT non credo siano elettronica di consumo. O sbaglio?
san80d07 Febbraio 2014, 16:59 #4
Originariamente inviato da: Cappej
mha... ti dirò... "ERA L'ORA"! mi son detto...


dire "era ora" sembra quasi voler dire che si e' contenti di questo calo

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^