Cisco, in vista un taglio di 10.000 posti di lavoro

Cisco, in vista un taglio di 10.000 posti di lavoro

Cisco sta approntando una strategia di riorganizzazione che comprende la riduzione del 14% della forza lavoro e una variazione nelle attività di business

di Andrea Bai pubblicata il , alle 09:29 nel canale Mercato
Cisco
 

Secondo quanto riporta il quotidiano Bloomberg, che cita fonti anonime ma ben informate sull'argomento, Cisco avrebbe preparato un piano di riduzione del personale per un taglio del 14% della forza lavoro che si tradurrà nella soppressione di 10 mila posti di lavoro.

Stando alle informazioni disponibili Cisco ha programmato un piano di 7 mila licenziamenti entro la fine del mese di agosto, con un programma di incentivi di pre-pensionamento che saranno offerti ad altri 3000 impiegati.

Il taglio di posti di lavoro permetterà a Cisco di mettere a bilancio un risparmio di 1 miliardo di dollari per l'anno fiscale 2012. Per quanto riguarda l'anno corrente, tuttavia, il piano di pre-pensionamento costerà a Cisco dai 500 milioni al miliardo di dollari, che verranno registrati nel quarto trimestre fiscale.

La riduzione della forza lavoro è una misura che fa parte di una più ampia strategia di riorganizzazione volta all'irrobustimento dei profitti, dal momento che la compagnia ha visto contrarre le proprie quote di mercato a favore di concorrenti quali Juniper Networks e HP, che hanno saputo proporre soluzioni alternative a quelle di Cisco a prezzi più bassi.

Sempre nel contesto della strategia di riorganizzazione, il CEO di Cisco, John Chambers, sta considerando la possibilità di allontanarsi dai quei segmenti di business nei quali la compagnia sta avendo difficoltà a realizzare profitto, con riferimento in maniera particolare al mercato consumer delle soluzioni di home networking che vengono commercializzate a marchio Linksys.

Cisco annuncerà in via ufficiale il piano di ristrutturazione in occasione della conferenza per i risultati trimestrali, programmata per il mese di agosto.

11 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
iorfader12 Luglio 2011, 09:33 #1
spero che tutto ciò non si ripercuota sulla validità delle certificazioni cisco
Raven12 Luglio 2011, 09:36 #2
Originariamente inviato da: iorfader
spero che tutto ciò non si ripercuota sulla validità delle certificazioni cisco


No, no....

Link ad immagine (click per visualizzarla)


iorfader12 Luglio 2011, 09:38 #3
Originariamente inviato da: Raven


quell'è il mio sogno, invecchiare dormendo XD e prendere soldi chiaramente
dnarod12 Luglio 2011, 10:22 #4
lol mi certifico ccna fra una manciata di mesi :| fa un po ridere e un po piangere sta news
Dreadnought12 Luglio 2011, 10:24 #5
Cisco fa pagare ai dipendenti scelte aziendali sbagliate che hanno portato alla messa sul mercato di prodotti di qualità sempre più bassa rispetto ai suoi vecchi standard (e sfido chiunque a dire che Nexus 7000 è al livello qualitativo di un 6500).

Ovviamente come il resto delle vecchie grandi della silicon valley anche cisco è finita nel giro del taglio di costi e nella ricollocazione dello sviluppo in India dove tutto lo scadente viene fatto passare per funzionante.

Che tristezza...
s0nnyd3marco12 Luglio 2011, 11:05 #6
Originariamente inviato da: Dreadnought
Cisco fa pagare ai dipendenti scelte aziendali sbagliate che hanno portato alla messa sul mercato di prodotti di qualità sempre più bassa rispetto ai suoi vecchi standard (e sfido chiunque a dire che Nexus 7000 è al livello qualitativo di un 6500).

Ovviamente come il resto delle vecchie grandi della silicon valley anche cisco è finita nel giro del taglio di costi e nella ricollocazione dello sviluppo in India dove tutto lo scadente viene fatto passare per funzionante.

Che tristezza...


Purtroppo è un andamento generalizzato. Nessuno o quasi punta più sulla qualità dei prodotti, ma solo sul costo minore. Mi dispiace molto per i dipendenti che pagano come sempre le scelte sbagliate (più o meno consapevoli) dei vari ceo.
IlCarletto12 Luglio 2011, 11:38 #7
si ma in questo ambito ci sono prodotti che fanno un lavoro 'onesto' a prezzo minore.

cisco è ancora la più cara, ma ormai per avere le stesse cose (le funzioni all'80% le hanno tutti i dispositivi di un certo livello) non è più necessario spendere 1000 euro.

concorrenza come juniper, hp, fortinet, si fa sentire, e l'utilizzo di questi prodotti è sempre lo stesso: vpn, firewall utm. e basta. non serve più avere una macchina cisco.

o alzano ancora di più servizi e livello qualitativo (features, etc.) oppure abbassano il prezzo.
Sunburp12 Luglio 2011, 11:39 #8
Come al solito licenziano per permettere a pochi dirigenti di guadagnare ancora milioni di dollari l'anno...
SaggioFedeMantova12 Luglio 2011, 11:55 #9
Originariamente inviato da: Sunburp
Come al solito licenziano per permettere a pochi dirigenti di guadagnare ancora milioni di dollari l'anno...


ne sei proprio sicuro?
recoil12 Luglio 2011, 16:01 #10
Originariamente inviato da: iorfader
spero che tutto ciò non si ripercuota sulla validità delle certificazioni cisco


io mi preoccuperei di più se fossi un dipendente o un consulente che lavora per loro

chissà come va qui in Italia, non so di preciso quanta gente è impiegata ma non credo moltissima, comunque potrebbe perdere il posto qualcuno anche qui.
intanto nokia siemens ha fatto fuori quasi tutti i consulenti, alcatel lucent vuole ridurre le sedi (anche in Italia)...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^