Cloud computing? Le aziende americane vanno in Svizzera

Cloud computing? Le aziende americane vanno in Svizzera

La scoperta del programma PRISM sta spingendo molte aziende americane a rivalutare le proprie soluzioni per hosting e cloud computing lontano dal suolo nazionale. La direzione è quella dei provider svizzeri, coperti da una struttura legale che impedisce accessi non autorizzati ai dati dei clienti

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 10:31 nel canale Mercato
 

Il cloud computing con fornitori nord americani è diventato meno appetibile per molte aziende? Sembrerebbe di si, e la causa di questo non è di certo la qualità del servizio fornito quanto il possibile intervento da parte della NSA; la National Security Agency degli Stati Uniti.

Il programma PRISM della NSA, la cui esistenza è stata pubblicamente rivelata nelle scorse settimane con le rivelazioni di Edward Snowden, utilizza infatti il Foreign Intelligence Surveillance Act per poter ottenere dai principali provider nord americani informazioni e dati riferiti ai propri clienti. La stessa dinamica può essere messa in moto anche con riferimento a contratti di cloud computing, grazie ai quali informazioni digitali di proprietà di privati e aziende possono venir in qualche modo lette anche dall'NSA senza che i clienti di questi servizi ne vengano a conoscenza.

Da questo la ricerca di soluzioni alternative, nella forma di servizi di cloud computing che non possano venir violati in questo modo. La ricerca di una sorta di paradiso fiscale digitale porta allo stato cuscinetto per eccellenza, la Svizzera. Artmotion è un'azienda svizzera di hosting che ha dichiarato di aver registrato un incremento del 45% nel fatturato di servizi di hosting e cloud nelle settimane seguenti alla pubblicazione delle informazioni legate al programma PRISM. Questo non ci pare essere un caso.

Perché la Svizzerà? Questa nazione non è entrata all'interno della Comunità Europea e pertanto non deve sottostare alle normative europee riferite alle richieste di dati per indagini legali. E' possibile avere accesso ai dati contenuti in un datacenter svizzero solo se il fornitore riceve un ordine dalla corte che provi che l'azienda chiamata in causa, cliente del provider, sia colpevole o responsabile diretta di un reato. Questo rende sicuramente più complessa la procedura e allontana lo spettro che i propri dati digitali possano venir letti a propria insaputa da terzi, a prescindere dal fine.

Già alcuni anni fa alcuni provider svizzeri avevano esteso i propri servizi decidendo di spostare i propri datacenter all'interno di caveau di banche: quale luogo più sicuro, questo avevano pensato, per riporre i propri dati sensibili che lo stesso ambiente nel quale si conservano denari e preziosi?

19 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
s0nnyd3marco08 Luglio 2013, 11:12 #1
E fanno solo che bene! Cosi gli americani capiscono che non possono fare tutto senza avere alcuna conseguenza.

PS: sarebbe stata una gran cosa se l'europa avesso concesso a snowden lo status di rifugiato politico.
acerbo08 Luglio 2013, 11:19 #2
Gli stipendi sono doppi rispetto all' "Itaglia" e con questa notizia credo ci saranno ancora piu' opportunità di lavoro. Svizzera, sto arrivando ...
SeleSnia08 Luglio 2013, 11:31 #3
Giustissimo! Fanno benone!
aLLaNoN8108 Luglio 2013, 12:03 #4
Originariamente inviato da: acerbo
Gli stipendi sono doppi rispetto all' "Itaglia" e con questa notizia credo ci saranno ancora piu' opportunità di lavoro. Svizzera, sto arrivando ...


Gli stipendi sono più che doppi, dipende dalla zona. Peccato però che siano proporzionali al costo della vita e se non ci sei mai stato ti conviene farti un giro per capire...
Discorso diverso se uno decide di fare il frontaliere, allora lì si che la faccenda è vantaggiosa.
acerbo08 Luglio 2013, 12:21 #5
Originariamente inviato da: aLLaNoN81
Gli stipendi sono più che doppi, dipende dalla zona. Peccato però che siano proporzionali al costo della vita e se non ci sei mai stato ti conviene farti un giro per capire...
Discorso diverso se uno decide di fare il frontaliere, allora lì si che la faccenda è vantaggiosa.


Si la vita é piu' cara, ma neanche troppo di piu', dipende molto dalla città in cui ti trovi e dal cantone. Se vivi a Roma o a Milano ad esempio non é che spendi poco d'affitto ...
Mparlav08 Luglio 2013, 12:26 #6
Tempo fa' uscii la notizia che diverse aziende americane si erano rivolte ai servizi di cloud in Canada per non dover sottostare al Patriot Act.

Ma visti i rapporti tra Canada ed Usa, evidentemente anche questa soluzione non era esente da rischi.

Penso che diversi Paesi nel mondo potrebbero fare affari fornendo servizi di mail/cloud/voip su scala mondiale, grazie alla loro legislazione "adeguata" (penso anche all'Islanda o ad Antigua).
aLLaNoN8108 Luglio 2013, 12:38 #7
Originariamente inviato da: acerbo
Si la vita é piu' cara, ma neanche troppo di piu', dipende molto dalla città in cui ti trovi e dal cantone. Se vivi a Roma o a Milano ad esempio non é che spendi poco d'affitto ...


Gli affitti magari non sono tanto più alti rispetto a Roma o Milano, a patto di evitare città come Ginevra dove tutto costa in maniera folle, il problema è tutto il resto che costa sensibilmente di più (benzina esclusa).

Ci sono stato giusto 10 giorni fa e parlando con italiani che lavorano lì mi raccontavano appunto che gli stipendi sono commisurati al costo della vita (inteso come andare andare a fare la spesa e le altre spese necessarie) ma poi i prezzi immobiliari siano fuori da ogni logica e infatti tanta gente vive in affitto per tutta la vita... Per inciso, non si vive male eh ma non è che uno che si trasferisce lì dall'Italia fa una vita agiata.
Rubberick08 Luglio 2013, 12:52 #8
lol ma sul topic di sicurezza vi siete messi a fare un ot da paura su come si vive in svizzera.. cmq nn ho capito cosa propongono nello specifico un servizio tipo dropbox dalla svizzera?
alex11108 Luglio 2013, 12:52 #9
Io vivo da sempre in svizzera, è vero che gli stipendi sono alti, specie da me nel canton zurigo, ma è tutto commisurato al costo della vita. Ad esempio, quando esco a cena con la mia famiglia spendiamo per 4 pizze 4 bibite e due caffè 100 Euro mica caramelle . Per non parlare degli affitti dove per un decoroso appartamento da 100 m^2 si spende in media 1550 euro.
Chiaramente alla fine della fiera non si vive male altrimenti sarei nel mio salento e non qui, ma miliardari non si diventa, si vive più che dignitosamente e soprattutto trovare un lavoro non è un incubo.
Altra grossa differenza che noto soprattutto con il nostro sud è che qui in una famiglia non esiste che lavori solo una persona, con un solo stipendio si fa molta fatica anche qui, e parlo di stipendi diverse volte più grandi di quelli medi italiani.
aLLaNoN8108 Luglio 2013, 13:41 #10
Originariamente inviato da: alex111
Io vivo da sempre in svizzera, è vero che gli stipendi sono alti, specie da me nel canton zurigo, ma è tutto commisurato al costo della vita. Ad esempio, quando esco a cena con la mia famiglia spendiamo per 4 pizze 4 bibite e due caffè 100 Euro mica caramelle . Per non parlare degli affitti dove per un decoroso appartamento da 100 m^2 si spende in media 1550 euro.
Chiaramente alla fine della fiera non si vive male altrimenti sarei nel mio salento e non qui, ma miliardari non si diventa, si vive più che dignitosamente e soprattutto trovare un lavoro non è un incubo.
Altra grossa differenza che noto soprattutto con il nostro sud è che qui in una famiglia non esiste che lavori solo una persona, con un solo stipendio si fa molta fatica anche qui, e parlo di stipendi diverse volte più grandi di quelli medi italiani.


Ecco, come volevasi dimostrare

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^