Connessioni di rete più veloci grazie ad un vetro "graffiato"

Connessioni di rete più veloci grazie ad un vetro "graffiato"

L'Università di Sydney mette a punto una nuova tecnologia per l'instradamento dei segnali ottici. Bassi costi di produzione e velocità fino a 100 volte superiori rispetto alle attuali: è il futuro?

di Andrea Bai pubblicata il , alle 14:03 nel canale Mercato
 

Su Hardware Upgrade abbiamo avuto occasione più volte di parlare delle tecnologie di trasmissione dati sfruttando i fenomeni ottici per realizzare dispositivi e sistemi di comunicazione più performanti rispetto alle soluzioni attuali. Come spesso rimarcato, la tecnologia ottica è in grado di fornire prestazioni migliori grazie ad una maggiore velocità di comunicazione, a minori costi di produzione e ad una pressoché totale immunità alle interferenze elettromagnetiche.

Oltre ai grandi nomi del panorama IT, come IBM e Intel, molte realtà più o meno grandi e altrettanti atenei sparsi per il globo stanno lavorando a progetti di sviluppo che coinvolgono tecnologie ottiche. L'ultimo del quale si ha notizia, in ordine cronologico, è il progetto portato avanti in collaborazione dall'università di Sydney e dal CUDOS (Centre for Ultra-high bandwidth Devices for Optical Systems), annunciato recentemente in occasione della Opto-Electronics and Communications Conference (OECC).

Frutto del progetto è la realizzazione di un "chip" costituito da un particolare vetro sul quale sono state praticate delle micro-incisioni. Ben Eggleton, direttore del CUDOS, ha dichiarato: "Si tratta di un mattone essenziale e di un fondamentale passo avanti rispetto a ciò che già esiste attualmente. Si sta parlando di reti che potenzialmente potrebbero comunicare a velocità cento volte superiori rispetto alle attuali, senza alcun surplus di costi all'utente finale"

Eggleton definisce il particolare pezzo di vetro come un "Photonic Integrated Circuit", che utilizza le micro-incisioni come "canalizzazioni" per l'indirizzamento dei segnali ottici. Secondo quanto si apprende la velocità della singola operazione di instradamento è nell'ordine del singolo picosecondo che permette in potenza di raggiungere una velocità di comunicazione nell'ordine dei terabit al secondo.

La realizzazione delle incisioni sul frammento di vetro sarebbe inoltre estremamente semplice, tale quindi da comportare costi piuttosto bassi per l'eventuale produzione in volumi. La prima dimostrazione di questa tecnologia ha permesso di raggiungere una velocità 60 volte superiore rispetto alle attuali reti australiane e Eggleton assicura che con una ulteriore fase di sviluppo e affinamento, sarà possibile incrementare notevolmente il già ragguardevole risultato raggiunto.

29 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
realista17 Luglio 2008, 14:10 #1
cavolo che roba
storm0617 Luglio 2008, 14:11 #2
wow
storm0617 Luglio 2008, 14:12 #3
faccina sbagliata, voleva essere :Q
scorpionkkk17 Luglio 2008, 14:18 #4
ma che è la fiera del marketing questa?

Sono anni che si fanno switch, multiplexer,rings,etc etc di questa portata su vetro, vetro su silicio, con cristalli liquidi, senza cristalli liquidi, con polimeri, senza polimeri.

Non capisco dov'è la novità..se non altro nel momento in cui il "vetro graffiato" non è null'altro che un accozzaglia di guide d'onda e switches ottici di cui non vengono menzionate:
a) i processi e le tecnologie
b) le prestazioni in termini di perdita del segnale
c) le modalità di accoppiamento in fibra e le relative perdite di segnale e di energia.
d) il tipo di substrato..ovvero quale tipo di "vetro".

mah..si attende riscontro dall'università in questione..
ech0s17 Luglio 2008, 14:19 #5
Secondo quanto si apprende la velocità della singola operazione di instradamento è nell'ordine del singolo picosecondo che permette in potenza di raggiungere una velocità di comunicazione nell'ordine dei terabit al secondo.

Per citare un famoso comico, alla faccia del bicarbonato di sodio!
mjordan17 Luglio 2008, 14:27 #6
"Si sta parlando di reti che potenzialmente potrebbero comunicare a velocità cento volte superiori rispetto alle attuali, senza alcun surplus di costi all'utente finale"


Ah ma per quello ci pensano i provider...
Mr_Paulus17 Luglio 2008, 15:15 #7
Originariamente inviato da: mjordan
Ah ma per quello ci pensano i provider...


D4N!3L317 Luglio 2008, 15:33 #8
Non dimentichiamoci che viviamo in Italia, con tutte le tecnologie possibili noi riusciremo comunque ad andare massimo a 4 Mbit effettivi (e ho detto tanto).
mjordan17 Luglio 2008, 15:38 #9
Originariamente inviato da: D4N!3L3
Non dimentichiamoci che viviamo in Italia, con tutte le tecnologie possibili noi riusciremo comunque ad andare massimo a 4 Mbit effettivi (e ho detto tanto).


A 90€ al mese in eccezionale offerta irripetibile, per di piu'
E non paghi il canone telecom!!!
gnek17 Luglio 2008, 15:39 #10
in pratica è un circuito stampato su vetro che invece degli elettroni usa i fotoni o ho capito male.... cmq non male, non male davvero

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^