Consegne PC: in crescita, ma al di sotto delle attese

Consegne PC: in crescita, ma al di sotto delle attese

Nel terzo trimestre dell'anno le consegne di sistemi PC sono superiori rispetto all'anno precedente, ma le condizioni dell'Europa rallentano la crescita

di Andrea Bai pubblicata il , alle 14:15 nel canale Mercato
 

Le consegne globali di sistemi PC hanno raggiunto i 91,8 milioni di unità durante il terzo trimestre del 2011, segnando un incremento del 3,2% rispetto al medesimo periodo dell'anno precedente, secondo i dati preliminari elaborati da Gartner. Si tratta di risultati leggermente al di sotto delle iniziali proiezioni di una crescita del 5,1% per il trimestre in esame. A frenare la crescita ha contribuito la regione EMEA per via delle deboli condizioni del mercato dell'Europa Occidentale.

"La congestione degli stock che ha rallentato la crescita negli ultimi quattro trimestri è stata sostanzialmente risolta durante il terzo trimestre di quest'anno. Il settore dei PC ha però mostrato un andamento al di sotto della normale stagionalità" ha dichiarato Mikako Kitagawa, principal analyst per Gartner. "Come atteso le vendite PC del periodo back-to-school sono state insoddisfacenti nei mercati maturi, confermando che il mercato consumer PC continua ad indebolirsi. La popolarità di dispositivi non-PC come tablet e smartphone porta la spesa dei consumatori lontano dal PC. Con il mercato PC che si trova davanti ad un rallentamento, il consolidamento dei vendor è diventata la tendenza più evidente del settore. La recente joint venture di Lenovo con NEC, così come l'acquisizione di Medion e gli annunci di HP, sottolineano questa trend durante il trimestre".

HP, ancora il vendor numero uno sulla base dei volumi di consegne, è cresciuto di più della media dell'industria con un market share che ha raggiunto il 17,7% nel terzo trimestre 2011. Nonostante l'annuncio del potenziale spinoff della divisione di business che si occupa dei PC, HP ha assistito ad una forte crescita negli USA, mentre al di fuori degli Stati Uniti la crescita è stata relativamente debole o nella media.

Lenovo per la prima volta è diventato il secondo più grande vendor nel mercato globale. L'espansione della compagnia è stata sostenuta in parte dalla joint venture con NEC in Giappone. L'azienda ha inoltre adottato una aggressiva strategia di marketing per i mercati professionale e consumer, spingendo ulteriormente i propri volumi di vendita.

Le prestazioni di Dell sono state al di sotto della media dell'industria in molte regioni, dato che la compagnia ha dovuto fare i conti con una maggior concorrenza nello spazio professionale, tradizionalmente il miglior terreno per l'azienda. Acer ha esaurito i propri stock nella regione EMEA nel terzo trimestre del 2011. Asus, grazie anche ad una forte crescita in Cina, ha allargato il divario con Toshiba, il produttore in sesta posizione.

Osservando il dettaglio territoriale, nel mercato USA le consegne PC sono arrivate a 17,8 milioni di unità nel terzo trimestre del 2011, con un incremento dell'1,1% rispetto al terzo trimestre del 2010. Il mercato PC statunitense ha assistito ad una crescita anno-su-anno per la prima volta dopo tre trimestri. Mentre il mercato consumer continua ad essere debole con insoddisfacenti vendite back-to-school, lo stato degli stock è stato mantenuto sotto controllo dal momento che le aspettative dell'industria sono state relativamente basse.

"Il principale problema alla debolezza del mercato consumer negli USA è la concorrenza di altri dispositivi. I media tablet e gli smartpone hanno occupato il ruolo di protagonisti nel settore retail e le aspettative sono di una continua domanda di questi prodotti durante la stagione natalizia" ha dichiarato Kitagawa.

HP ha mostrato una forte crescita nel mercato PC statunitense, con un incremento del 15,1% nel terzo trimestre ed un market share che è arrivato al 28,9%. Nonostante gli annunci di un potenziale spin-off della divisione PC, gli sforzi di portare avanti le attività senza discontinuità sembra avere avuto qualche effetto nel corso del trimestre.

Dell ha invece registrato una flessione del 7.2% nel terzo trmestre del 2011. "Dell ha dovuto bilanciare la profittabilità con la conquista di quote di mercato, un difficle compito in un'industria PC dove gli elevati volumi e i bassi margini sono la norma" ha commentato Kitagawa.

Tra i primi cinque vendor nel mercato USA Apple è quella che ha mostrato la maggior crescita, con un incremento nelle consegne del 21,5% rispetto al terzo trimestre 2011. La robusta crescita di MacBook Air continua a guidare la crescita di Apple nel mercato USA.

Nell'area EMEA le consegne di sistemi PC hanno raggiunto i 26,6 milioni di unità nel terzo trimestre, con una flessione del 2,9% rispetto al medesimo periodo dell'anno precedente. E' il terzo trimestre consecutivo in cui la regione EMEA mostra una crescita negativa. Il mercato consumer PC nell'Europa Occidentale resta debole, con la fiducia dei consumatori permanentemente minata dai problemi economici diffusi in tutta la regione. Inoltre il market share dei mini-notebook continua a flettersi, specialmente nell'Europa Occidentale, contribuendo al debole confronto anno su anno.

Nella regione Asia/pacific le consegne PC raggiungo i 31,8 milioni di unità, con un incrmenento del 6% rispetto allo stesso periolo dello scorso anno. I vendor continuano a stimolare la domanda con aggressive campagne promozionali, venendo incontro al pubblico che ricerca prodotti a prezzi convenienti. Una strategia che ha inoltre fornito ad alcuni consumatori l'opportunità di acquistare il loro primo PC portatile.

Il mercato PC nell'America Latina è cresciuto del 19,6% nel terzo trimestre del 2011. Le consegne di PC portatili sono cresciute del 31,1%, mentre i sistemi desktop cresciuti del 6,5% nel terzo trimestre 2011, sempre nel confronto anno su anno.

Le consegne PC in Giappone crescono del 3%, con consegne che raggiungono 3,9 milioni di unità. Il mercato consumer ha vissuto una spinta nella domanda con l'introduzione da parte dei vendor di nuovi modelli consumer a settembre. C'è stata inoltre una ripresa nella produzione per il mercato professionale, dopo un calo nella domanda enterprise per via delle priorità di assicurare la business continuty a seguito del terremoto e dello tsunami di marzo.

 

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^