Contrazione per il mercato della telefonia cellulare nel primo trimestre in Europa occidentale

Contrazione per il mercato della telefonia cellulare nel primo trimestre in Europa occidentale

Le consegne di smartphone crescono, ma è la crescita più bassa da quasi 10 anni e non è sufficiente a bilanciare il calo dei feature phone

di Andrea Bai pubblicata il , alle 15:31 nel canale Mercato
 

Il mercato della telefonia cellulare dell'Europa occidentale ha registrato una contrazione nel corso del primo trimestre del 2013 per via di un rallentamento delle consegne superiore al previsto. A riportare i dati è la società di analisi IDC, che riscontra un calo delle consegne complessive nell'ordine del 4,2% anno su anno a 43,6 milioni di unità.

Il segmento dei feature phone continua a perdere terreno, con i consumatori che si spostano in misura sempre maggiore verso soluzioni smartphone: le consegne sono calate del 31% su base annua, a 12 milioni di unità. Il segmento degli smartphone pur crescendo del 12% a 31,6 milioni di unità consegnate, perde un po' di smalto registrando il più basso tasso di crescita sin da quando IDC ha iniziato a tenere traccia del mercato dei telefoni mobile nel 2004.

Molti dei paesi dell'Europa occidentale hanno assistito ad un rallentamento delle vendite di smartphone con l'aggravarsi della crisi economica, con la conseguente contrazione delle disponibilità finanziarie dei consumatori. Gli operatori mobile hanno inoltre iniziato a ridurre le sovvenzioni per l'acquisto dei telefoni, allo scopo di controllare i costi dinnanzi ad una flessione dei fatturati. Si tratta di una situazione che impatta maggiormente le economie del sud Europa, dove i consumatori rimandano la sostituzione dei propri telefoni cellulari. Nell'Europa del nord invece la situazione è differente, con gli smartphone che stanno raggiungendo un tasso di penetrazione tale da iniziare ad impattare sulla crescita del mercato, dal momento che molti utenti possiedono già uno smartphone e non intendono sostituirlo fino alla scadenza del contratto o fino alla sua eventuale rottura.

Si tratta del periodo più critico che i produttori di telefoni cellulari e smartphone stanno fronteggiando nell'area dell'Europa occidentale. La situazione economica va infatti a condizionare la domanda ed il pubblico sta inoltre acquistando dispositivi più economici che vanno ad impattare sui margini dei produttori.

Francisco Jeronimo, responsabile dell'ambito European Mobile Devices Research per IDC, ha commentato: "La regione sta entrando nella seconda ondata di adozione degli smartphone. La prima ondata è stata condotta da quegli utenti alla ricerca di dispositivi in grado di rispondere alle loro esigenze di mobilità. Essi erano alla ricerca del miglior dispositivo in termini di prestazioni ed esperienza utente e, soprattutto, erano in grado di sostenere una spesa maggiore per ottenere un'esperienza migliore. Stiamo ora entrando nella seconda ondata, che sarà condotta da quegli utenti che non hanno l'esigenza di uno smartphone. Questi utenti stanno cercando di sostituire il loro attuale feature phone con un altro feature phone, con gli smarpthone che vengono considerati gadget di lusso di cui non ne avvertono il bisogno. Questi utenti, quando si recano in un punto vendita, si trovano davanti quasi esclusivamente proposte smartphone. I conoscenti, colleghi e familiari magari possiedono uno smartphone e parlando sempre delle ultime app e gli smartphone più economici che si trovano davanti rientrano nella fascia di prezzo dell'ultimo feature phone acquistato. Con una piccola spinta da parte dei negozianti, la vendità e quasi assicurata. Ma questi utenti acquistano gli smartphone più economici, dal momento che non vedono il pieno valore della spesa".

In termini di sistemi operativi Android continua a dominare il panorama degli smartphone. Nel trimestre in esame il sistema operativo sviluppato da Google è presente su 21,9 milioni di unità consegnate, con il market share che cresce al 69% nel primo trimestre 2013 dal 55% del primo trimestre dello scorso anno. iOS continua a perdere terreno, con le quote di mercato che passano dal 25% dello scorso anno al 20% del primo trimestre di quest'anno. Windows Phone ha migliorato la sua posizione diventando il terzo sistema operativo della regione, ma rappresenta comunque ancora una piccola percentuale degli smartphone consegnati. Il suo market share è cresciuto al 6% rispetto al 4% del primo trimestre 2012.

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Cappej27 Giugno 2013, 18:44 #1
Forse, ma dico forse, non è che il mercato inizia a saturasi ?!?!?
... chi l'avrebbe mai detto... a suon di "milioni di unità" si fa presto...
Adesso vediamo che veramente resta in piedi...
simon7128 Giugno 2013, 13:13 #2
La verità è che i "Top" di gamma ormai si assomigliano tutti e scegliere Android, iOs o Windows è questione di lana caprina ormai...Fanno tutti le stesse cose...E la corsa all' Hardware più prestante ricorda molto quella di dieci anni fa con i Pc...Infatti abbiamo visto la fine che hanno fatto (parlo dei Desktop assemblati)..Di innovazioni vere (esattamente come per i Pc anni fa) non ce ne sono più...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^