Cresce il fatturato dei produttori di semiconduttori

Cresce il fatturato dei produttori di semiconduttori

Le stime per l'anno 2010 prevedono un incremento medio del fatturato superiore al 40% per le aziende impegnate nella produzione di chip per conto terzi

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 09:05 nel canale Mercato
 

Sono in crescita le stime per il fatturato generato dai produttori di semiconduttori per conto terzi, stando ai dati rilasciato da iSuppli a questo indirizzo. Queste aziende stanno gestendo una domanda da parte dei propri clienti superiore alle iniziali aspettative, con livelli di fatturato che sono quindi attesi in costante incremento.

Per l'anno 2010 le stime prevedono un controvalore del mercato di 29,8 miliardi di dollari USA, in crescita del 42,3% rispetto ai 22,1 miliardi di dollari dello scorso anno. Inizialmente le stime fornite da iSuppli prevedevano una crescita del mercato pari al 39,5% rispetto ai 12 mesi precedenti.

La crescita continuerà ad essere presente anche nel corso dei prossimi anni, raggiungendo un controvalore di 45,9 miliardi di dollari stimato per l'anno 2014. In media il settore registrerà un tasso annuo di crescita medio del 9,4% partendo dai 26,8 miliardi di dollari di fatturato dell'anno 2008.

Tra le principali aziende che operano nel settore segnaliamo le due taiwanesi Taiwan Semiconductor Manufacturing Co. Ltd. (TSMC) e United Microelectronics Corp. (UMC), accanto alle quali è in forte crescita anche GlobalFoundries, azienda nata dallo spin off della divisione produzione di AMD e che nel corso degli ultimi 12 mesi ha conquistato importanza grazie anche alla strategica acquisizione di Chartered Semiconductor.

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
djbill13 Luglio 2010, 19:51 #1
Peccato che nei semiconduttori rientrano anche i led, non solo chip impiegati nel calcolo...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^