Crescono i fatturati dei semiconduttori, anche IDC crede nella ripresa

Crescono i fatturati dei semiconduttori, anche IDC crede nella ripresa

Una buona chiusura d'anno per le vendite di processori per PC, nonostante le incertezze del mercato. Il trend per il 2012 sembra positivo, ma con le dovute cautele

di Andrea Bai pubblicata il , alle 17:30 nel canale Mercato
 

Un recente studio di IDC mostra come i fatturati dei processori ad uso PC/server/workstation siano arrivati nel corso del quarto trimestre 2011 a quota 10,9 miliardi di dollari, segnando una crescita dell'1,8% su base trimestrale e del 14,2% rispetto al medesimo trimestre dell'anno precedente. Nel corso del 2011 il fatturato dei processori PC/server/workstation è cresciuto del 13,2% arrivando ad oltre 41 miliardi di dollari.

"I prezzi medi di vendita che gli OEM hanno corrisposto per i processori sono cresciuti del 9% nel 2011, rendendolo il secondo anno consecutivo di considerevoli incrementi negli ASP" ha affermato Shane Rau, responsabile ricerche per l'area Semiconductor PC. Guardando alle consegne in unità nel 2011 si ha una crescita del 3,6% rispetto al 2010. In termini di tipologia i processori per sistemi portatili sono cresciuti del 3,9% nel 2011, mentre i processori server x86 sono cresciuti del 9% ed i desktop del 2,7%.

Nel quarto trimestre dell'anno Intel ha detenuto l'80,3% del market share globale in termini di unità, con un piccolissimo guadagno dello 0,1% rispetto al trimestre precedente. Il market share di AMD è al 19,6% perdendo quello 0,1% che è andato a vantaggio di Intel. VIA Technologies detiene lo 0,1% per il trimestre, senza nessuna variazione.

Osservando il quarto trimestre 2011 in termini di tipologie, Intel ha ottenuto l'82,3% di market share nel segmento dei processori per portatili senza variazioni rispetto al trimestre precedente, così come AMD che registra quote di mercato per il 17,6%. Nel segmento server/workstation Intel domina con il 94,3% di market share, registrando una flessione dello 0,8% che va a favore di AMD la quale detiene il 5,7% di market share. Sul fronte PC desktop abbiamo invece un mercato spartito sempre tra Intel e AMD che segnano rispettivamente il 76,1% ed il 23,1% di quote di mercato con una variazione dello 0,3% a favore di Intel e a sfavore di AMD.

Per l'intero 2011 Intel detiene invece l'80,1% di quote di mercato, perdendo lo 0,6% rispetto al 2010. AMD invece detiene il 19,7% con un guadagno dello 0,7% mentre VIA Technologies detiene lo 0,2% del mercato con una perdita dello 0,1%.

Per l'intero 2011 sul fronte delle tipologie di processori, Intel registra l'83,8% di market share nel mercato mobile PC perdendo il 2,6%, mentre AMD detiene il 16% con un guadagno del 2,7% e VIA detiene lo 0,2% del mercato con una perdita dello 0,1%. Nel segmento server/workstation Intel conclude l'anno con il 94,5% di market share guadagnando l'1,5% rispetto al 2010, mentre AMD perdendo questo 1,5% si ferma al 5,5% del mercato. Nel segmento desktop Intel per il 2011 ha detenuto il 73,8% con un guadagno dell'1,7% mentre AMD arriva al 26% con una flessione dell'1,6%. VIA si ferma allo 0,2% con una flessione dello 0,2%.

Per quanto riguarda le consegne di processori per il 2012, IDC elabora stime di crescita del 5,1% in termini di unità. IDC osserva come sin dalla fine del 2011 e per tutto il primo trimestre fino ad ora le carenze dei dispositivi di storage meccanici che hanno frenato gli ordinativi degli OEM si stiano progressivamente risolvendo. Secondo la società di analisi di mercato ciò non rappresenterà più un fattore significativo per le consegne di PC durante il secondo trimestre del 2012. Queste considerazioni, assieme ad un miglioramento nella crescita dei posti di lavoro negli USA e alla stabilizzazione della situazione dei debiti in Europa, fa propendere per una piccola revisione al rialzo, così come elaborata anche da Gartner e della quale abbiamo avuto modo di parlare in questa notizia.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^