Crescono i prezzi dei sistemi server

Crescono i prezzi dei sistemi server

Aumenta il prezzo medio mentre rimane costante il numero di sistemi venduti: sempre più ricercati sistemi potenti

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 11:05 nel canale Mercato
 

Nel corso dell'ultimo trimestre del 2006 il mercato delle soluzioni server ha registrato dinamiche decisamente controcorrente: il prezzo medio di vendita di un sistema è infatti aumentato, passando da 7.308 dollari a 7.690 dollari.

Nel corso del quarto trimestre 2006 il valore complessivo delle vendite di sistemi server è aumentato del 5,2%, passando alla cifra di 15,2 miliardi di dollari USA di controvalore; il numero complessivo di sistemi server è invece di fatto restato invariato a 2 milioni di pezzi rispetto a quanto registrato nel trimestre precedente.

Alla base di questo andamento del mercato la volontà degli amministratori di sistema di acquistare sistemi server di più elevata potenza, con i quali far convergere servizi precedentemente gestiti con più sistemi server di ridotte dimensioni.

La disponibilità di architetture di processore dual e quad core, oltre alla diffusione delle tecnologie legate alla virtualizzazione, permette ad un singolo server di essere complessivamente più efficiente e quindi di meglio sfruttare quelle che sono le risorse a disposizione in termini di processori, memoria e sottosistema storage.

Nel medio lungo periodo i prezzi dei sistemi server continueranno a seguire l'abituale trend di mercato, cioè quello di calare periodicamente e non registrare un incremento coem avvenuto nel corso dell'ultimo trimestre 2006. Rispetto ai settori desktop e notebook, tuttavia, le variazioni dei prezzi dei server avverranno più lentamente.

Fonte: zdnet.

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Rubberick23 Marzo 2007, 11:09 #1
E questo non e' bene cavolo... dei server come prodotti finiti o in generale di tutti i pezzi per comporli tipo cpu per + vie, ram ecc?
T_M_P23 Marzo 2007, 11:31 #2

Notizia fuorviante

Non è aumentato il prezzo dei server, è aumentato il valore dei server acquistati, che è diverso.

Invece di prendere 2 server schifosi si compra 1 server buono e ci si mette sopra i 2 servizi...
thecatman23 Marzo 2007, 11:33 #3
dipende dai punti di vista: x me è un bene cosi non si svaluta quello che devo vendere (vedi firma)! scherzi a parte, un server ha un vita maggiore rispetto a un pc e usa componenti mirati e di qualità superiore e tutto questo ha un costo
Baltico23 Marzo 2007, 11:48 #4
il costo dei server è dato dal fatto che se vuoi avere assistenza dalla casa madre devi prendere parti certificate. Una scheda di rete hp costa anche 150€ [centocinquantaeuro] aggiungeteci dischi sas, ram aggiuntive etc etc e arrivate tranquilli a quelle cifre. Imho, esistono anche server di più basso livello, per spararvi un esempio già con 800€ ci fai un server 2 dischi sata e mirror software [sempre però con la certificazione hp e la relativa assistenza]
magilvia23 Marzo 2007, 13:33 #5
Imho, esistono anche server di più basso livello, per spararvi un esempio già con 800€ ci fai un server 2 dischi sata e mirror software [sempre però con la certificazione hp e la relativa assistenza]

Si beh ovviamente con un processore vecchia generazione magari monocore, 1 giga di ram, niente backup nè sistema operativo e con un'assistenza base di un solo anno...
lucusta23 Marzo 2007, 18:19 #6
stanno cambiando anche i servizi.
ad esempio ultimamente stanno crescendo a dismisura soluzioni thinclient/remote desktop, con centralizzazione della struttura IT su un solo server che virtualizza piu' macchine (e servizi), in modo da poter compiere manutenzione esclusivamente su una macchina, ed assistenza praticamente solo su questa (i TC, magari diskless, sono praticamente esenti da manutenzione, o meglio, se si rompe lo sostituisci e continui a far lavorare).
stesso discorso per una struttura ramificata: avere piu' servizi su diverse macchine di piccola taglia non fa' altro che auentare la probabilita' di fermi macchine; avere una sola macchina di potenza adeguata (ed un quad core, biprocessore, di potenza ne tira fuori a sufficenza), su cui virtualizzare macchine a seconda del servizio, consente di ottenere risparmio di tempo nell'assistenza, manutenzione ed anche conduzione (meglio un quad al 70-80% di occupazione che 4 single al 20% di occupazione, contando il consumo macchina e tutto quello che ne conviene, come refrigerazione, parti di ricambio disponibili prontamente, ecc).

w la virtualizzazione, se funziona bene!
PhirePhil23 Marzo 2007, 21:30 #7
è vero che con più macchine moltiplichi le possibilità che qualcosa si rompa... tuttavia con un server unico che ne ospita diversi di virtuali basta che muoia una macchina per spegnere una server farm... certo, si possono clusterizzare anche i server host, ma i costi lievitano... non esiste una soluzione definitiva, esistono soluzioni diverse per esigenze differenti
Davis524 Marzo 2007, 16:26 #8
Nahhh niente di tutto questo...

molti uffici acquisti finalmente hanno capito che una buona macchina in formato "workstation" va piu' che bene con un windows2003 server...

Chi compra "Server" oggi ha esigenze molto ma molto pesanti... ci sono server in commercio che montano ancora il celeron... ma solo un fesso fa acquisti simili... perche' spendere 2000 euro per un celeron quando con 500 hai un p4?

Si, va beh... fa figo avere il server in un rack 19"...

P.S. oh, ma Itanium? Qualcuno l'ha visto o provato di persona apparte i siti della intel?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^