Da Apple ad AMD: il ritorno di uno dei creatori di Athlon 64

Da Apple ad AMD: il ritorno di uno dei creatori di Athlon 64

Jim Keller, ingegnere alla base delle soluzioni SoC di Apple, lascia l'azienda di Cupertino per ritornare in AMD, dove oltre 10 anni fa aveva contribuito allo sviluppo delle architetture K7 e K8

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 15:41 nel canale Mercato
AppleAMD
 

Nel corso degli ultimi mesi in AMD c'è stato una sorta di esodo di figure note, impegnate a vari livelli nella parte di sviluppo di nuovi prodotti. La più recente uscita di scena riguarda John Bruno, ingegnere che nel corso degli anni è stato a capo dello sviluppo di varie soluzioni chipset integrate abbinate ai processori AMD e più recentemente System Architect responsabile dello sviluppo della piattaforma Trinity.

Non sappiamo se questa fuga da AMD, volontaria o meno, di figure chiave responsabili per lo sviluppo di nuovi prodotti sia destinata ad arrestarsi a breve o meno ma è evidente che l'annuncio di ieri sia destinato a cambiare nettamente la percezione di AMD in questo contesto.

L'azienda americana ha infatti annunciato il ritorno di Jim Keller con la qualifica di Corporate Vice President e Chief Architech for Microprocessor Cores, alle dirette dipendenze del CEO Mark Papermaster. Keller proviene da Apple, azienda nella quale era stato impegnato nel team di design delle soluzioni A4 e A5 utilizzate per le più recenti generazioni di prodotti iPad e iPhone.

E' da segnalare come in Apple siano finiti a lavorare, nel corso degli ultimi anni, varie persone che in precedenza hanno assunto ruoli di notevole importanza in AMD. Segnaliamo ad esempio Raja Koduri, ex CTO per la parte graphics e da alcuni anni impegnato in Apple nello sviluppo delle prossime generazioni di SoC che verranno utilizzati tanto in iPad come in iPhone.

Non bisogna attendersi risultati dal lavoro di Keller nel breve termine: è ipotizzabile che l'influenza di questa nuova figura in AMD si manifesterà nella roadmap dei prodotti attesi per il biennio 2014-2015. Del resto, quantomeno al momento, l'azienda americana ha mostrato i propri piani di sviluppo sino al 2013 lasciando sul vago quello che ci si potrà attendere per gli anni seguenti.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^