Dai Google Labs controlli avanzati per l'IMAP di Gmail

Dai Google Labs controlli avanzati per l'IMAP di Gmail

La sincronizzazione di mailbox massicce mette in difficoltà i client e ingolfa la connessione? Ecco un tool per la sincronizzazione selettiva.

di Alessio Di Domizio pubblicata il , alle 15:05 nel canale Mercato
Google
 

Le generose dimensioni dello spazio concesso da Google per Gmail, rende non infrequenti mailbox da svariati gigabyte. Se fruite via web, mailbox di dimensioni enormi non creano problemi, grazie anche all'ottimo sistema di ricerca integrato in Gmail.

Nel momento in cui però si tenta di accedere a queste mailbox via client email, si va incontro al rischio di lunghe attese per la sincronizzazione. Un esempio: Gmail ha reso relativamente indolore l'inclusione di allegati di grosse dimensioni nelle email, ma chi della mailbox fruisce via client potrebbe continuare a non gradirli, in quanto rallentano l'accesso alle informazioni realmente utili.

In questo merito, IMAP rappresenta indubbiamente un passo avanti rispetto a POP3: lo scaricamento dei soli header consente di non perdere tempo su messaggi che non interessano. Tuttavia gli utenti di Gmail che sfruttano il proprio account appieno, magari facendovi confluire email di più account, potrebbero portare anche IMAP ai suoi limiti.

La soluzione arriva in questi giorni dai Google Labs, e consente la sincronizzazione selettiva dei messaggi attraverso il sistema delle etichette. Diventa così possibile escludere le etichette che non interessano, riducendo la quantità di dati irrilevanti in fase di sincronizzazione.

Non è possibile escludere la cartella Inbox dalla sincronizzazione automatica ma in compenso esiste un label predefinito "all mail", rimuovendo il quale diventa possibile accedere solo ad etichette specifiche.

9 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Xile10 Ottobre 2008, 15:22 #1
Uhm missà che questa funzione è solo per Us e Uk.
H-BES10 Ottobre 2008, 15:33 #2
Io nel mio account di google apps la vedo, basta andare sotto Settings -> Labs e attivare Advanced IMAP Controls come dice il post sul blog.

Non è ancora attivo sugli account di gmail standard?

Saluti
BES
Automator10 Ottobre 2008, 16:29 #3
bisogna settare la lingua su english, altrimenti le funzioni google labs non si vedono
MiKeLezZ10 Ottobre 2008, 16:55 #4
Perchè Google non mette invece un "seleziona tutti", cosicchè possa finalmente eliminare tutti i messaggi di una pagina?

O c'è e in 2-3 anni non me ne sono mai accorto?
killercode10 Ottobre 2008, 16:59 #5
Originariamente inviato da: MiKeLezZ
Perchè Google non mette invece un "seleziona tutti", cosicchè possa finalmente eliminare tutti i messaggi di una pagina?

O c'è e in 2-3 anni non me ne sono mai accorto?


c'è e non te ne sei accorto, in basso sotto lo spazio dei messaggi
MiKeLezZ10 Ottobre 2008, 17:07 #6
Originariamente inviato da: killercode
c'è e non te ne sei accorto, in basso sotto lo spazio dei messaggi
ah ecco perchè, c'è solo in modalità standard, mentre io tempo fa avevo settato la basic html
grazie cmq
WarDuck10 Ottobre 2008, 17:19 #7
Vorrei farvi notare che sia Thunderbird che Outlook 2007 supportano la funzione di scaricamento dei soli header anche per i server POP3

Tant'è che lo uso da parecchio tempo in questo modo, che tra l'altro risulta enormemente più sicuro dal punto di vista dell'infezione da malware e virus vari...
Davis510 Ottobre 2008, 17:35 #8
mah... con le adsl 24 su 24 di oggi scaricare un po' di monnezza che va direttamente nella cartella di posta indesiderata di thunderbird non e' che causi grossi rallentamenti...

ovviamente se uno si connette da UMTS... con le tariffe italiane... il rischio sodomia per junk mail e' elevato... la funzione scarica solo intestazioni diventa fondamentale... a me funziona su POP3 senza problemi...


jventure12 Ottobre 2008, 21:52 #9
IMHO è un po' na cosa che c'è già e c'è sempre stata in IMAP.

dato che le etichette di gmail vengono viste come cartelle imap è sufficiente sottoscrivere solo queste ultime nel proprio client preferito per avere l'effetto desiderato.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^