Dell: "La nostra attenzione è sul mondo enterprise, non sugli smartphone"

Dell: La nostra attenzione è sul mondo enterprise, non sugli smartphone

A seguito dell'approvazione dell'offerta per uscire dalla borsa, il fondatore e CEO di Dell spiega la strategia dell'azienda per il prossimo futuro

di Andrea Bai pubblicata il , alle 15:31 nel canale Mercato
Dell
 

Michael Dell, fondatore e CEO dell'omonima compagnia, ha avuto modo di sottolineare alcuni dettagli della strategia che intende approntare per l'azienda all'indomani dell'avvenuta approvazione dell'offerta avanzata per riportarla allo status di private company.

Nel corso di un'intervista con la CNBC Dell ha voluto evidenziare il successo della compagnia nel mercato enterprise e l'impegno a continuare a coinvolgere i consumatori con nuovei tablet e sistemi PC, sebbene abbia smentito le voci circa la possibilità di tornare ad operare nel business degli smartphone.

Negli anni passati Dell ha rilasciato vari smartphone a marchio Venue, senza che però le soluzioni Android e Windows Phone riuscissero a decollare sul mercato. La compagnia ha inoltre assistito a vendite non particolarmente entusiasmanti con i tablet XPS 10 e Latitude, che hanno dovuto soffrire una agguerrita concorrenza da parte delle alternative iPad e Android.

Il brand Venue è però stato riportato sotto i riflettori la scorsa settimana, in occasione dell'Intel Developer Forum, per mostrare in anteprima un tablet da 8 pollici basato su piattaforma Bay Trail, consentendo così una piena esperienza Windows 8.1 su un dispositivo tablet tradizionale. Dell però non ha ancora rilasciato informazioni sul prezzo di questo dispositivo.

"Siamo davvero concentrati sui nostri clienti e sul realizzare soluzioni end-to-end" ha affermato Dell, il quale ha poi precisato quali siano le cinque aree strategiche nelle quali la compagnia si impegnerà per lo sviluppo futuro: miglioramento delle soluzioni enterprise, ampliamento delle capacità di vendita, maggiore attenzione sui mercati emergenti, cloud client computing per tablet e pc e nuovi investimenti per migliorare l'esperienza del cliente.

"Si tratta di cambiare la nostra attenzione da un obiettivo trimestrale ad un termine più esteso, cinque o dieci anni, raddoppiando gli investimenti" ha continuato Dell che osserva come l'azienda stia operando in un settore che muove un giro di affari di 3 mila miliardi di dollari, dei quali Dell riesce a beneficiare del 2% circa. "Nessuno detiene il 4% o il 5%. E' un numero di realtà incredibilmente grande" ha affermato Michael Dell, prevedendo che il settore potrà evolvere arrivando nel medio termine a muovere un giro di affari di 6 mila miliardi di dollari.

Uno dei predominanti trend di mercato è la necessità, da parte di molti clienti Dell, di realizzare i propri sistemi di cloud privato. Ciò si traduce in importantissime opportunità per l'azienda statunitense, dal momento che queste compagnie hanno ovviamente bisogno di server, infrastrutture, sistemi di storage che Del può fornire loro in un contesto di integrazione.

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
adapting16 Settembre 2013, 16:09 #1
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
Link alla notizia: http://www.businessmagazine.it/news...hone_48702.html

A seguito dell'approvazione dell'offerta per uscire dalla borsa, il fondatore e CEO di Dell spiega la strategia dell'azienda per il prossimo futuro

Click sul link per visualizzare la notizia.


Goodbye Dell. Se ti va bene, ma proprio bene, ti compra Ballmer.
shade8916 Settembre 2013, 16:21 #2
Rientriamo anche noi nei mercati emergenti?

Dato che siamo l'unico paese in europa dove gli haswell (inspiron's) non sono ancora ordinabili dal sito dell.
Rubberick16 Settembre 2013, 16:44 #3
Originariamente inviato da: adapting
Goodbye Dell. Se ti va bene, ma proprio bene, ti compra Ballmer.


ma anche no se fanno prodotti buoni e high-end li vendono.. e la qualità dell è stata sempre molto buona
adapting16 Settembre 2013, 16:52 #4
Originariamente inviato da: Rubberick
ma anche no se fanno prodotti buoni e high-end li vendono.. e la qualità dell è stata sempre molto buona


Ma quali prodotti high-end vuoi che facciano, quando sono solo un franchising di Microsoft?
ulk16 Settembre 2013, 16:53 #5
Originariamente inviato da: Rubberick
ma anche no se fanno prodotti buoni e high-end li vendono.. e la qualità dell è stata sempre molto buona


Come no i display TN montati sugli XPS 12 convertibili sono un must on.
lockheed16 Settembre 2013, 17:01 #6
Il CEO di Dell E' un grande!
Mi ricordo quando una volta lo intervistarono chiedendogli cosa avrebbe dovuto fare Steve Jobs per salvare la Apple,la risposta fu quella di dimettersi.
Appena ricevette la notizia il nuovo CEO di Apple disse:occhio perché adesso veniamo a prenderti.....
Rubberick16 Settembre 2013, 17:09 #7
Originariamente inviato da: ulk
Come no i display TN montati sugli XPS 12 convertibili sono un must on.


beh quella effettivamente... ^^
adapting16 Settembre 2013, 17:43 #8
Originariamente inviato da: lockheed
Il CEO di Dell E' un grande!
Mi ricordo quando una volta lo intervistarono chiedendogli cosa avrebbe dovuto fare Steve Jobs per salvare la Apple,la risposta fu quella di dimettersi.
Appena ricevette la notizia il nuovo CEO di Apple disse:occhio perché adesso veniamo a prenderti.....


In realtà disse che Apple avrebbe dovuto chiudere tout-court, e restituire il denaro agli investitori.
Steve Jobs gli mandò una email di fuoco "si suppone che un CEO debba avere stile, a quanto pare non è il tuo caso!".

Poi lo prese a bersaglio, e festeggiò quando nel 2006 raggiunse il valore di Dell. Oggi vale credo 100 volte di più....

http://macdailynews.com/2012/04/03/...s-market-value/
gpat16 Settembre 2013, 19:56 #9
Io mica li capisco 'sti OEM.
C'è hardware e software per creare dispositivi variegati e di ottima qualità, fanno tutti la stessa cosa, ogni tanto viene un'idea eccentrica che viene eseguita con errori di progettazione grossi come una casa, e poi si lamentano che non c'è mercato.

Nel settore Ultrabook già è tanto se riescono a mettere in croce uno schermo, una tastiera, e un trackpad buoni, e si lamentano se la gente non spende soldi.

Non dico che debbano fare chissà cosa, ma già se mettessero a 499 euro (prezzo di entrata dell'iPad) un tablet con Bay Trail da 2.4 GHz, 4 GB di RAM, schermo 2560x1600, 64 GB di SSD, 10 ore di autonomia, dock stile Transformer, LTE e penna Wacom, penso che diventerebbero il punto di riferimento dei convertibili Windows. Sarebbe un prodotto profittevole e molto apprezzato da una bella fascia di utenza, farebbe vedere a tutti cosa si può fare con un Intel e Windows 8, ma non lo fa nessuno. Neanche Microsoft con il Pro che per la componentistica si rivolge a una fascia d'utenza molto più ristretta e con compromessi che di solito vanno indigesti a chi cerca un tablet.

Dispositivi come il T100 Asus sono un buon punto d'inizio, ma per le potenzialità della piattaforma serve altro.
Tasslehoff16 Settembre 2013, 21:04 #10
Originariamente inviato da: adapting
Ma quali prodotti high-end vuoi che facciano, quando sono solo un franchising di Microsoft?
Tu non hai mai lavorato su un server Dell, vero?

Io trovo che la strategia di lasciar perdere l'inflazionato mercato dei dispositivi di largo consumo sia promettente, non dico che sarà vincente (fino a prova contraria nessuno ha la sfera di cristallo) ma quantomeno ha un senso.

Dell ha saputo costruirsi un'ottima reputazione in ambito enterprise con ottime macchina, sia server che workstation e laptop (Latitude), dissipare tutto questo per inseguire dispositivi a basso valore aggiunto e con margini sempre più risicati imho non ha senso.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^